.
Annunci online

  pensatoio passeggiate per digerire l'attuale fase storica
 
Diario
 


 

 

Sono marxista

 




Darfur Day

Annuncio Pubblicitario

gaza_black_ribbon






sotto la media l'Italia arranca, con questi media l'Italia crepa







  


        
Articoli di filosofia

Il futuro delle filosofie
http://www.italonobile.it/Il%20futuro%20delle%20filosofie.htm

L'argomentazione apagogica sulla verità in Vittorio Hosle
http://www.italonobile.it/Esiste%20verità.htm

Pensiero di Pensiero...
http://www.italonobile.it/pensiero%20di%20pensiero.htm

La teoria delle descrizioni definite di Bertrand Russell

La x è solo un segno ?

Dall'assenza del segno al segno dell'assenza

Dallo zero alla variabile


Frege e la negazione

Frege e l'esistenza

Senso e denotazione in G. Frege

Concetto e Oggetto in G. Frege

Frege e la logica

Frege e il pensiero

Concetto e rappresentazione in G.Frege

Funzione e concetto in G. Frege

Il senso e la denotazione dei concetti in Frege

La connessione dei concetti in Frege

Ontologia del virtuale
http://www.italonobile.it/Ontologia%20del%20virtuale.htm

L'eliminazione della metafisica di R. Carnap

Conoscenza e concetto in M. Schlick

Schlick e la possibilità di altre logiche

Tempo e spazio in Schlick

Schlick e le categorie kantiane

Apparenza e realtà in Schlick

Concetti e giudizi in Schlick

Analitico e sintetico in Schlick

Evidenza e percezione in Schlick

Giudizio e conoscenza in Schlick

Il reale secondo Schlick

La critica di Schlick all'intuizione

Definizioni e sistemi formali in Schlick

La logica in Schlick

La verificazione in Schlick

La verità in Schlick

Lo scetticismo nell'analisi secondo Schlick

Lo scopo della conoscenza in Schlick

Logico e psicologico in Schlick

L'unità di coscienza secondo Schlick

Schlick e la svolta della filosofia

Schlick e l'induzione

Matematica e realtà in Schlick


Alexius von Meinong e la teoria dell'oggetto


Bernard Bolzano e una logica per la matematica

Contenuto e oggetto in Kazimierz Twardowski

Jean Piaget e la conservazione delle quantità continue

L'attualità di Feyerabend

Sul Gesù storico
http://www.italonobile.it/La%20spartizione%20delle%20vesti.htm

La coscienza secondo Thomas Nagel
http://www.italonobile.it/la%20doppia%20vita%20del%20conte%20Dracula.htm

Filosofia e visione
http://www.italonobile.it/l'immagine%20della%20filosofia.htm
http://pensatoio.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=614562

Ermeneutica della luce e dell'ombra
http://www.italonobile.it/all'ombra%20della%20luce.htm
http://pensatoio.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=614557

Il test di Fantuzzing: mente e società
http://www.italonobile.it/Test%20di%20Fantuzzing.htm

Metafisica oggi
http://www.italonobile.it/metafisica.htm

La merce in Marx

Una teoria marxista della crisi : un primo livello di riflessione


Globalizzazione economica e giuridica
http://www.italonobile.it/globalizzazione.htm
http://pensatoio.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=615609

Guerra, marxismo e nonviolenza
http://www.italonobile.it/Guerra,%20marxismo%20e%20non%20violenza.htm
http://pensatoio.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=615613

Utopia e stato d'eccezione
http://www.italonobile.it/utopia%20e%20stato%20d'eccezione.htm
http://pensatoio.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=622445

Il reddito di cittadinanza
http://www.crisieconflitti.it/public/Nobile1.pdf

Keynes da un punto di vista marxista

Appunti marxiani 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10



STORIA DEI NUMERI E DELLE CIFRE NUMERICHE
http://www.italonobile.it/genealogia%20della%20matematica.htm

La comunicazione nel linguaggio scientifico e la filosofia

 http://pensatoio.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=614558



Lemmi Wikipedia da me integrati
Alexius Meinong
Bernard Bolzano
Storia dei numeri
Sistema di numerazione
Sistema di numerazione cinese
Sistema di numerazione maya


Il Capitale di Marx e altro
1 2  3  4  6  7  8  9
10  11  12  13  14  15  
16  17  18  19  20  21
22  23  24  25  26  27
28  29  30  31  32 

 

Dibattito su Emiliano Brancaccio
1 2 3

Quelli che la crisi l'avevano prevista

Cazzari Nobel

Le molte cazzate del Nobel cazzaro

 

DISCLAIMER (ATTENZIONE):
l'Autore dichiara di non essere
responsabile per i commenti
inseriti nei post. Eventuali
commenti dei lettori, lesivi
dell'immagine o dell'onorabilità
di persone terze non sono da
attribuirsi all'Autore, nemmeno se
il commento viene espresso
in forma anonima o criptata.







11 settembre 2010

Ancora la Polonia : NoiseFromAmerika non si arrende

Dopo il nostro post sulla Polonia, le perplessità sull’articolo di NoiseFromAmerika si sono moltiplicate, anche se non vogliamo pensare ad un propter hoc, ma ad un semplice post hoc, tanto che pure il Capo si è scandalizzato per questa ribellione in piena regola.

Comunque penso che il fatto che la tenuta polacca contro la crisi sarebbe stata  causata dalla liberalizzazione del mercato del lavoro del 2003 sia ormai una bufala riconosciuta dagli stessi autori o sponsorizzatori (“La teoria di LP magari non regge, anzi quasi sicuramente non regge perché è monocausale e queste cose hanno sempre una varietà di cause e concause”). E tuttavia essi insistono nel dire che la liberalizzazione del mercato del lavoro sia causa dell’aumento dell’occupazione in Polonia. Boldrin dice “secondo te gli FDI arrivano per caso? Non ti suggerisce nulla il fatto che questi liberalizzino il mercato del lavoro e, giusto lo stesso anno, cominciano ad arrivare investimenti dall'estero in quantità eccezionale?”.

 

Il Prof Boldrin controlla accigliato che nel suo blog non si apra una nuova road to serfdom

 

 

E allora smontare anche questa illusione e spiegare cosa almeno approssimativamente sia successo in Polonia. Vediamo :

 

1.      Perché nonostante i buoni tassi di crescita la Polonia nel 2003 aveva un tasso di occupazione del solo 51,2% ? In realtà non si capisce se si tratta del tasso di occupazione semplice (occupati/popolazione) o di quello specifico (occupati in età da lavoro/popolazione in età da lavoro). In secondo luogo il basso tasso di occupazione è in relazione con l’alto tasso di disoccupazione che passa dal già alto tasso del 10,2 % del 1998 al 19,9 % del 2003. In realtà dalla fine del socialismo reale vi è stato un crollo dell’occupazione nei paesi dell’Est, crollo a cui non hanno posto rimedio né i forti investimenti dall’estero né il basso costo del lavoro. Se poi la Polonia ha avuto un buon tasso di crescita del Pil non è stato certo per la strategia economica, ma proprio per i forti investimenti dall’estero che hanno continuamente stimolato, se non drogato, l’economia. La Polonia è un paese privilegiato anche rispetto agli altri paesi dell’Est : a partire dal 1989 sono stati investiti in Polonia 49,4 mld di dollari, più degli altri paesi dell’est. Inizialmente gli aiuti europei ai paesi dell’Est erano indirizzati solo a Polonia ed Ungheria. Mentre solo nel 1994 tali aiuti furono estesi agli altri paesi, dal 1990 al 1994 il governo polacco aveva già ricevuto l’equivalente di 1 mld di euro che divennero 1,7 mld alla fine del 1998, di cui il 44% fu speso in infrastrutture (investimento tipicamente keynesiano). Gli investimenti privati dall’estero riguardano però nel 2000 per quasi il 40% la privatizzazione del settore pubblico e nel 2001 tale privatizzazione rallenta, con la salita al governo degli ex-comunisti guidati da Alexander Kwasniewski e già FMI e OCSE cominciano ad “essere preoccupati” per lo stato dell’economia polacca. Nel 2001, con la rarefazione delle privatizzazioni, gli investimenti dall’estero si riducono del 30%. Riassumendo, lo stato dell’economia polacca è quello di una nazione sorvegliata politicamente, premiata inizialmente per il fatto di essere stata la prima nazione a ribellarsi all’Urss nel decennio che condurrà al crollo del socialismo reale, poi punita perché non procede alla svendita del suo settore pubblico con la necessaria solerzia. Senza gli stimoli artificiali procurati da questi investimenti di matrice politica ed imperialistica, la Polonia viene restituita alle sue difficoltà di un’economia in transizione.

2.      Infatti, un’altra delle cause della diminuzione del tasso di occupazione e del contestuale aumento della disoccupazione si collega ad un'altra situazione specifica della Polonia : una pesante ristrutturazione del settore agricolo. Già nel 1997, a fronte di una disoccupazione complessiva del 10,5% si registra un 25% di disoccupazione nelle zone rurali del Nord. Gli occupati agricoli rappresentano nel 1996 ancora il 26% dell’occupazione totale, ma in realtà nelle zone rurali vi è molta disoccupazione occulta. L’adeguamento ai parametri comunitari ha comportato la riduzione dei sussidi agli agricoltori, lo spostamento traumatico degli occupati dal settore agricolo a quello dei servizi : l’occupazione agricola dal 21% del 1998 passa al 15% del 2008 ed il processo non è ancora finito.  La cosa ha assunto tale rilevanza da consentire al partito dei contadini di essere indispensabile per la tenuta del governo Kwasniewski e di affossarlo quasi nel 2003. La disoccupazione rimane in tutti questi anni sempre a due cifre e l’aumento dell’occupazione in termini assoluti di questi ultimi anni, lungi dall’essere causato dal modello liberista di mercato del lavoro, è il frutto di questo lento spostamento che ha causato prima un forte aumento della disoccupazione e poi una diminuzione della stessa : le riforme del mercato del lavoro hanno magari facilitato questo riassorbimento, ma sono state facilmente digerite proprio perché l’urbanizzazione di lavoratori e lavoratrici che vivevano nelle campagne in condizioni di semipovertà ha comunque coinciso con un miglioramento della loro condizione sociale.  Dunque si tratta di una situazione specifica che non è per niente esportabile.

3.      Ma davvero poi le riforme del mercato del lavoro hanno prodotto qualche effetto ? In realtà ci troviamo ancora una volta ad investimenti che hanno una matrice politica : nel 2002, l’accordo ottenuto dall’allora primo ministro Miller ha reso ancora una volta la Polonia maggiore beneficiario tra i paesi dell’Est degli aiuti europei, per un totale di 13,5 mld di euro dal 2004 al 2006 (il 48,6% del totale degli accrediti accordati ai 10 paesi candidati). Per non parlare dei 6 mld di dollari da parte degli Usa per investimenti connessi all’acquisto da parte delle forze armate polacche di almeno 32 aerei F-16 della Lockheed Martin entro il 2008 (investimenti che superano ovviamente la spesa del governo polacco, spesa che comunque sarebbe stata fatta).

Dunque cari camerati libertari di NoiseFromAmerika, il liberismo non c’entra nulla. Ancora una volta è la politica che genera economia.

Evviva il moltiplicatore !!!

 


3 settembre 2010

Quando non si sa cosa dire : Noisefromamerika sponsorizza la Polonia. Ma si sbaglia e noi la corriggeremo…

Orfani dell’Irlanda, che si è cagata in mano come una Grecia qualsiasi, i liberisti ad oltranza cercano spasmodicamente una nuova terra di Bengodi, un nuovo Cile, dove la possibilità di muovere i lavoratori come si vuole si coniughi con la prosperità e la crescita economica.

Il nuovo candidato è la Polonia. L’ultimo articolo comparso su NoisefromAmerika infatti parla della patria del Wojtylaccio come di una nazione cui la crisi non ha fermato la crescita e spiega tale fenomeno con l’alto tasso di occupazione favorito da una legislazione che promuove la flessibilità del lavoro fin oltre i già comprensivi parametri UE. La chiave di volta del successo polacco sarebbe così la riforma della normativa sul lavoro del 2003, riforma che ha consentito un incremento dell’occupazione costituito quasi per intero da impieghi a tempo determinato. Questi impieghi hanno resistito alla crisi ed hanno costituito un baluardo tale da permettere alla Polonia di crescere anche in questi anni di crisi.

Dunque viva il liberismo, viva la prosperità !

Ovviamente sarebbe il caso di farsi qualche altra domanda, in modo da problematizzare la semplicità della ricetta.

Wojtyla riflette sull'articolo di Noisefromamerika...

 

Infatti, se l’aumento del Pil è dovuto anche alle conseguenze degli investimenti dall’estero, facilitati dalla permissiva normativa del lavoro in Polonia, si tratta di una sorta di dumping sociale che, in quanto tale, non può essere generalizzato. Dire che anche prima gli investimenti dall’estero fossero rilevanti non vuol dire niente, in quanto il fatto che gli Ide non portino frutti è dovuto alla mancanza di condizioni che riguardano soprattutto istruzione e tecnologia e non la flessibilità del lavoro (che invece è collegabile all’aumento degli Ide). Ma, se la ricettività è migliore, gli Ide aiutano eccome ad aumentare il Pil. Riassumendo : è possibile che la tenuta del Pil polacco sia legata ai forti investimenti dall’estero che arrivano nel paese, investimenti dovuti almeno in parte al dumping sociale legato alla normativa del lavoro, dumping sociale che, in quanto tale, può volgersi in beneficio solo a quelle nazioni che lo possono fare prima e meglio. E tra queste non ci possono essere paesi come Francia, Italia, etc etc.

Quindi l’Italia non può imitare la Polonia, come vorrebbero i pasdaran del libero mercato.

Analizzando però più nel dettaglio la situazione,meglio si vedono i fattori che hanno determinato la tenuta del Pil polacco, senza dunque favoleggiare sulle riforme del mercato del lavoro.

In primo luogo, il crollo non c’è stato perché le banche polacche non erano esposte particolarmente ai titoli tossici e quindi sembrano uscite indenni dalla crisi.

In secondo luogo, il fatto che la Polonia sia fuori dell’euro ha giocato un ruolo importante : è stata possibile infatti una svalutazione moderata dello zloty che ha migliorato la bilancia commerciale del paese, la quale nel 2008 aveva un passivo di 26.033 milioni di dollari, mentre nel 2009 il passivo era di soli 5.323 milioni di dollari.

In terzo luogo c’è stata una diminuzione delle tasse che ha consentito un aumento dei consumi. Tale diminuzione delle tasse non ha causato una diminuzione della spesa pubblica che è invece aumentata e di conseguenza è aumentato il debito pubblico, che nel 2008 era il 47,1 % del Pil, mentre nel 2009 ammontava al 51,4%, in un trend destinato a crescere.

In quarto ed ultimo luogo c’è un argomento che taglia la testa al toro liberista :

I 16,8 miliardi di zloty provenienti dai fondi Ue e impiegati l'anno scorso in Polonia hanno contribuito per almeno il 50% alla crescita del Pil polacco. Lo rileva uno studio realizzato dall'Istituto per la ricerca strutturale (Ibs). Secondo la ricerca Ibs senza i fondi Ue il Pil polacco sarebbe diminuito dell'1,2% rispetto all'1.8% di aumento realizzato dal Pil polacco nel 2009. E anche per i prossimi anni i fondi Ue reciteranno una ruolo di primo piano nella crescita economica del paese: secondo Ibs contribuiranno per lo 0,7% all'aumento del Pil 2011 e dello 0,9% nel 2012

Et voilà. La Polonia non la possiamo nè la vogliamo imitare.
Viva il liberismo e viva la prosperità !!!

 


9 aprile 2009

Claudio Buttazzo : intervista a Vaclav Exner del partito comunista ceco

 

Sembra ancora lontana da una soluzione la crisi di governo nella Repubblica Ceca. Dopo le dimissioni del premier e leader del principale partito di destra (Ods), Mirek Topolanek, la situazione politica è in fase di stallo, bloccata dai veti incrociati dei vari partiti. L’Ods vorrebbe un reincarico a Topolenk. Ma il presidente della Repubblica, Vaclav Klaus, anch’egli dell’Ods, è intenzionato a dare l’incarico a qualcun altro. Il Partito socialdemocratico (Cssd) di Jiri Paroubek propone un governo a termine, sostenuto da una larga maggioranza, che duri fino alla fine di giugno per consentire alla Repubblica Ceca di portare avanti fino alla scadenza del mandato la presidenza di turno ceca nell’Unione Europea. E propone anche elezioni anticipate per il prossimo autunno.
Di diverso avviso la terza forza politica del paese, il Partito comunista di Boemia e Moravia (Kscm), che è, invece, fortemente contrario alla chiusura anticipata del parlamento, ritenendo che ciò sia irresponsabile di fronte alla crisi economica che attanaglia il paese. Un vuoto governativo non farebbe che aggravare la situazione.
Il Kscm propone che si dia vita a un governo di intesa nazionale con la partecipazione delle principali forze politiche e con una larga base parlamentare e di consenso nel paese; un governo che porti avanti la legislatura fino alla sua naturale scadenza, cioè fino alla primavera del 2010.
Per saperne di più sul senso e le finalità di questa proposta, abbiamo intervistato membro della segreteria nazionale del Kscm, Vaclav Exner, che è anche deputato e componente della Commissione Estri del Parlamento ceco.
Ecco il testo dell’intervista.

D. In cosa consiste esattamente la proposta del Partito comunista di Boemia e Moravia perla costituzione di un governo di intesa nazionale?

R. La nostra società, e di conseguenza anche il nostro parlamento, è oggi caratterizzata da una situazione di disordine, di divisione, di disorientamento. Sarebbe necessario che, per un periodo seppur limitato, le forze politiche principali si mettessero assieme (diciamo, da qui alle elezioni politiche del 2010), in modo da poter andare a una pacificazione della scena politica sulla base di un programma minimo che affronti le questioni più urgenti. Sono questioni di grane rilevanza che non possono essere affrontate da un governo con una scarsa base di consenso, da un governo costituito solo da uno o due partiti.

D. Concretamente, cosa dovrebbe fare un simile governo: affrontare i problemi della crisi economica?

R.
La crisi è il problema principale, anche se essa riguarda non solo la Repubblica Ceca, ma tutto il mondo. E un governo come quello che ha governato finora non è in grado di affrontarlo. Ma nel nostro paese la crisi si intreccia anche tutta una serie di altre questioni politicamente molto sensibili.
Ad esempio: la questione della privatizzazione di ulteriori settori produttivi di decisiva importanza. E poi: la questione dei fondi pubblici per la sanità e del modo come vengono utilizzati, come garantir l’effettivo accesso a tutti i cittadini alle cure sanitarie. Vi è, poi, il grave problema della crescente disoccupazione, fortemente connesso con la crisi economica. Si tratta solo di alcune delle grandi questioni che un governo di intesa nazionale dovrebbe affrontare e la loro soluzione dovrebbe avvenire sulla base di un grande impegno comune.





D. Avete, come partito comunista, delle proposte specifiche da avanzare per la soluzione della crisi economica?

R.
La nostra idea è che sia necessario smetterla di affrontare la crisi attraverso il pompaggio di ulteriori fondi pubblici a vantaggio delle banche e delle aziende, cioè degli stessi che hanno causato la situazione di crisi. A nostro parere, vanno affrontate le cause strutturali della crisi. Da noi c’è, ad esempio un problema di sovrapproduzione, e ciò soprattutto nel settore automobilistico. Questo è dovuto al fatto che la nostra economia è stata orientata soprattutto sul montaggio delle auto. E’ evidente che non si può più continuare con una produzione ce non ha poi alcuno sbocco di mercato. Noi riteniamo prioritario salvaguardare i posti d lavoro. E questo s può fare solo un massiccio e qualificato intervento pubblico, cioè un intervento pubblico nella costruzione di infrastrutture, nel risanamento e salvaguardia ambientale, nell’istruzione, nella cultura, nella scienza, nella ricerca. Si tratta di settori dove si possono creare posti di lavoro utili e stabili, lavoro buono. E si tratta, peraltro, di settori che richiederebbero quantità di investimenti pubblici assai minori di quello che si richiederebbe per la ristrutturazione dell’industria automobilistica.
In secondo luogo, sarebbe necessario sarebbe necessario sostenere uno sviluppo economico di tipo strutturale, interno, per quanto, in questo campo ci si scontra con gli impedimenti da parte dell’Unione Europea. Ma è, tuttavia, indispensabile creare le condizioni per lo sviluppo delle strutture economiche interne. Altri paesi, come la Gran Bretagna, l’Irlanda, i paesi nordici, si sono già mossi verso la ricerca di un vasto consenso politico e sociale interno, in modo che il governo potesse agire nell’ambito di linee largamente concordate.
Ciò è necessario per via dello sforzo enorme che è necessario per il percorrimento di vie nuove, verso uno sviluppo che favorisca la produzione ad alta tecnologia, l’utilizzo intensivo della scienza e il suo rapporto col lavoro umano, che deve diventare sempre più qualificato ed essere al meglio valorizzato.

D. A giugno si terranno le elezioni per il parlamento europeo. Come si prepara il Partito comunista di Boemia e Moravia a questo appuntamento?

R.
Io stesso sono uno dei candidati al parlamento europeo. Per la campagna elettorale abbiano già approvato il nostro programma. In questo programma, naturalmente, facciamo nostre un po’ tutte le questioni che sono già nel programma della Sinistra europea. Come tu sai, noi siamo presenti come osservatori nella Sinistra europea, non avendo ritenuto opportuno aderirvi pienamente per via di alcune riserve da parte nostra circa il giudizio sul nostro passato ed anche circa i meccanismi di democrazia all’interno della Se. E’ evidente che nel nostro programma chiediamo, innanzitutto, che la democrazia sia davvero rispettata all’interno dell’Ue. Per questo noi abbiamo fortemente contrastato l’approvazione del trattato di Lisbona. Un trattato che non risolve né il problema della burocrazia né il problema di deficit di democrazia nel funzionamento dell’Ue. Un forte accento, nel nostro programma, lo poniamo sulle questioni sociali, le quali sono state del tutto ignorate o accantonate dai vertici Ue. Col pretesto del supporto all’introduzione delle nuove tecnologie, il trattato di Lisbona ha in realtà avvantaggiato solo gli imprenditori, favorendo la disoccupazione e politiche antisociali ai danni dei lavoratori.
La borghesia cerca di favorire e utilizzare a proprio vantaggio la frantumazione, la divisione, le disparità tra i lavoratori delle singole nazioni e regioni in Europa.
E’ necessario che la Sinistra europea faccia di più per contrastare tutto questo, per unificare politicamente e sindacalmente i lavoratori in Europa, ma anche i lavoratori europei con quelli di tutto il mondo. Anche perché non possiamo pensare di poter risolvere la nostra crisi scaricandola sui lavoratori e sui paesi più deboli del resto del mondo, come vorrebbero le varie borghesie europee e dei paesi ricchi.
Occorre, poi, battersi per un salario minimo uguale in tutta Europa e anche per uno standard minimo di servizi e assistenza pubblica agli anziani, ai disoccupati, all’infanzia.
Noi ci impegneremo con tutte le nostre forze in questa campagna elettorale. Abbiamo già approntato il materiale di propaganda da diffondere nell’ambito delle nostre manifestazioni, elle assemblee pubbliche, ma anche porta a porta.
Per la prima volta abbiamo programmato iniziative elettorali di piazza non solo nelle grandi città, ma anche in quelle più piccole, facendo appello in questo senso alla mobilitazione di tutti i nostri iscritti.


28 marzo 2009

Sara Farolfi : salviamo la Indesit

 

«La famiglia deve restare unita, nel bel paese che è l'Italia». In apertura del corteo la vicenda Indesit diventa una storia, e non solo un'impresa, di famiglia: «Lo sai che nostra sorella lavastoviglie è costretta a emigrare in Polonia?», dice il frigorifero alla lavatrice, «non lo permetteremo...», replica la cucina. Dalla provincia di Caserta, dove mille e cento operai producono più di un milione tra lavatrici e frigoriferi all'anno, sono partiti giovedì sera per arrivare in tempo, «ci siamo pagati il viaggio, ci è costato».
Una coltre di incredulità sembra rivestire ancora tutta la vicenda. La grafica di un cuore spezzato ricorre negli striscioni che ieri hanno attraversato Torino, manifestazione nazionale di tutto il gruppo Indesit organizzata dai sindacati (Fiom, Fim e Uilm) per dire no alla delocalizzazione in Polonia. «Non vogliamo il divorzio tra Indesit e None, vogliamo un'altra possibilità», «noi ti portiamo sul trono (su una lavastoviglie di cartone siede Maria Paola Merloni ndr) e tu ci abbandoni», hanno scritto negli striscioni. Non ha fiatato ieri Maria Paola Merloni, la deputata del Pd che è anche consigliera e azionista dell'azienda. In rappresentanza 'democratica' c'era l'ex ministro del lavoro, Cesare Damiano che getta acqua sul fuoco delle polemiche: «Non mi interessa il proprietario, ma il destino di 600 lavoratori e rispettive famiglie». 




Si possono congelare i lavoratori licenziati ?

Il dado sembra tratto, la paura contagiosa. Merloni (Vittorio) ha deciso di smettere la produzione di lavastoviglie nello stabilimento torinese di None per portare il tutto a Radomsko, in Polonia. Tra costo del lavoro, tasse e energia, «il 15% circa di risparmi», dice Maurizio Landini (Fiom). E non è tutto, perchè circola il sospetto che gli accordi con il governo polacco prevedano soldi in cambio di assunzioni, che aprirebbe un problema politico non da poco, «un incentivo a licenziare fatto con soldi pubblici, europei».
«Non siamo abbastanza competitivi», ha detto l'azienda il 5 marzo scorso, e quindi tanti saluti. «I polacchi possono anche produrre a meno ma noi più produttivi di così non possiamo essere, questo è sicuro», spiega Pietro, arrivato da Caserta: «Se questo è il concetto di efficienza che hanno, allora da domani possiamo chiudere tutti». Non è tanto la Polonia a fare paura, l'impero Merloni (17 mila dipendenti in 18 siti produttivi in diversi paesi) lì era già presente, e in forze. Neppure le delocalizzazioni, che già ci sono state. Mai una chiusura però, è questo che sconcerta.
«Può toccare anche a noi, tutti a Torino», hanno pensato i 600 operai che a Comunanza (Ascoli Piceno) fanno lavatrici. Come anche Giuseppe e Antonio, entrambi vicini alla quarantina, che invece lavorano all'Iveco. Maria Luisa è delegata della Fim Cisl nello stabilimento di Alpacina, provincia di Ancona. I numeri sono da capogiro anche lì: 640 operai a costruire forni e piani cottura a incasso. «Da noi hanno spostato in Polonia le cucine economiche - racconta - Finchè portano fuori prodotti che commerciano lì posso capire, se la mia azienda vende di più all'estero ha più soldi poi da investire, qui però stiamo parlando di un'altra cosa».
A None infatti di investimenti ne erano stati fatti eccome. «Quattro linee nuove l'anno scorso, una nuova piattaforma delle vasche, zona bar e, avevano promesso, spogliatoi con doccia... Dicevano che volevano investire...», dice Stefany, trentaquattrenne arrivata a Torino dall'altra parte dell'oceano e assunta alla Indesit nel 2003. «In Polonia ci finivano i vecchi modelli, a None si fa l'alta gamma, assicurava l'azienda». Anche i polacchi hanno conosciuto a None. «Sono stati qui da noi sei o sette mesi per imparare a fare le macchine vecchie... Gli abbiamo insegnato noi il lavoro, per poi scoprire che là erano già pronte tre linee nuove». I rapporti? «Freddini», dice Rino. «Ma nessuna guerra tra poveri, il lavoro c'è sia per gli italiani che per i polacchi, il governo però deve pensare prima a noi», conclude Stefany. «Noi non siamo contro i polacchi - spiega Marianna, 32 anni - Indesit è un marchio italiano, siamo contenti che abbia stabilimenti all'estero, ma prima veniamo noi, prima devono pensare alla nostra nazione».
«Volevamo un'Europa migliore», è la lavastoviglie di cartone che avvolge il corpo di Carmelina, 29 anni, assunta da dieci e già due figli. Anche Stefano c'è stato in Polonia a insegnare il lavoro a operai polacchi. Non lavora alla Indesit, ma in un'azienda dell'indotto che conta 78 dipendenti e che la proprietà americana ha deciso di chiudere. Ironia della sorte, per andare in Polonia. «Ho conosciuto polacchi che guadagnano 300 euro al mese, e mi dicevano di non riuscire a pagarci neppure l'affitto con quei soldi. Non c'è sindacato, assunti o licenziati a seconda dei bisogni dell'azienda... Ora prenderanno il posto nostro, e io dopo vent'anni di lavoro mi trovo così, sulla strada».
Fiom e Fim e Uilm dicono no alla chiusura e chiedono l'apertura di un tavolo nazionale. Di una cosa Giorgio Airaudo, segretario torinese della Fiom, è convinto, «che quel che perdi oggi non lo recuperi più».


11 marzo 2009

Massimo Congiu : l'Ungheria sempre più in ginocchio

 

A vent'anni dalla caduta del regime si fanno i bilanci e la situazione in cui si trova oggi l'Ungheria è molto delicata. Da qualche tempo a questa parte l'economia del Paese non funziona come dovrebbe e il malcontento sociale è palpabile. Con la pesante crisi finanziaria abbattutasi dappertutto le cose si sono complicate. Alla fine dell'anno scorso lo Stato danubiano ha ottenuto un prestito di venti miliardi di euro dall'Ue, dall'Fmi e dal Birs (Banca Internazionale per la Ricostruzione e lo Sviluppo), fino al 2010. Secondo alcuni analisti si tratta di uno degli ultimi tentativi di salvare l'economia ungherese che da un po' di tempo a questa parte non gode più tanto della fiducia degli investitori stranieri, delle banche e degli stessi cittadini magiari. Sono già sei anni che il governo lotta contro il deficit pubblico, il problema, a parere di diversi esperti, è che finora Budapest non è riuscita ad adottare misure veramente efficaci e a realizzare la riforma del sistema fiscale. Il credito concesso al Paese dalle tre organizzazioni internazionali è quasi il doppio della cifra inizialmente prevista, e questo ha turbato l'opinione pubblica. Le spiegazioni sul perché di questa somma così alta sono sostanzialmente due: secondo i sostenitori dell'esecutivo il prestito ha lo scopo di dimostrare che l'Ungheria non rasenta affatto la bancarotta anzi, ha dalla sua tutte le carte in regola per uscire dalla crisi. L'opposizione di destra vede le cose in modo diverso: a suo parere questi venti miliardi di euro provano la gravità della situazione economica e finirà col provocare il superindebitamento del Paese.



Il malcontento popolare, si diceva all'inizio, è tangibile. Alla fine del 2006 ci sono state diverse manifestazioni di protesta nei confronti della stretta economica decisa da un esecutivo divenuto sempre più impopolare. Oggi l'Ungheria è guidata da un governo di minoranza formato solo dai socialisti che lo scorso primo aprile hanno subito l'abbandono della coalizione da parte dei liberaldemocratici (Szdsz) a seguito della decisione del premier di congedare ??gnes Horváth, membro del partito alleato. In realtà le due forze politiche erano impegnate da tempo in un rapporto conflittuale e anche i sindacati hanno spesso lamentato la tendenza socialista a ignorare la trattativa con gli alleati e con le parti sociali. Oggi la situazione è tesa, la gente perde le certezze residue e ha paura del domani. Chi ha un posto di lavoro se lo tiene ben stretto anche perché è tempo di licenziamenti. A gennaio sono stati soppressi circa 30.000 posti di lavoro e sono previsti a breve altri 10.000 provvedimenti del genere da parte delle aziende. Le proiezioni sul numero dei licenziamenti che si verificheranno entro la fine del 2009 sono diverse, c'è chi parla di 50.000 persone destinate a perdere il posto di lavoro, chi dice che la cifra è da moltiplicare per due.
Le imprese riescono a disfarsi senza troppi problemi soprattutto degli interinali che possono essere licenziati nel giro di qualche giorno, allorché un impiegato fisso riesce a beneficiare di un mese di preavviso. Secondo il direttore dell'istituto di ricerche e sondaggi Kopint-Tárki, Attila Bartha, le diseguaglianze sociali aumenteranno e la classe media si assottiglierà ulteriormente. Péter ??kos Bod, ministro dell'industria e del commercio nel primo governo postcomunista, presidente della Banca Nazionale d'Ungheria dal 1991 al 1994 e attualmente capo del dipartimento di politica economica dell'Università Corvinus di Budapest (ex Karl Marx), sostiene che la situazione magiara è particolarmente delicata in quanto l'Ungheria è stata un fiasco per l'Unione europea. «Il deficit di bilancio del Paese è stato colossale tra il 2004 e il 2007 - fa notare Bod - ma malgrado questo e pur violando più volte il patto di stabilità e di crescita, Budapest ha avuto accesso ai crediti supplementari a buone condizioni, di fatto, però, questo aspetto si è rivelato una lama a doppio taglio perché ha generato un grave indebitamento». L'esperto aggiunge che l'Unione ha avviato una procedura contro l'Ungheria nel 2004 ma ha previsto delle sanzioni concrete solo due anni dopo. Per Bod i dirigenti dell'Ue hanno sbagliato perché non hanno controllato e scoraggiato le cattive tendenze che si stavano affermando nello Stato danubiano e non si sono resi conto che gli uomini politici magiari non avevano imparato niente dai loro errori. Vent'anni dopo la caduta del regime non c'è molto da festeggiare. La tensione sociale non è mai stata così alta e l'incertezza del futuro pesa notevolmente sul morale delle persone. È evidente che qualcosa non ha funzionato, si rivela poi deleteria la combinazione fatta di liberismo scriteriato e cattiva gestione della cosa pubblica.


10 marzo 2009

Claudio Buttazzo :le ricadute della crisi nell'est europeo, e non solo

 

Ancora pochi mesi orsono tutti gli analisti ed economisti borghesi ci ammaliavano sul “miracolo” economico dei paesi dell’Europa dell’Est. Un articolo del Morning Star ci informava che “i mercati dell’Europa dell’Est continuano a salire. Le principali piazze finanziarie dell’area hanno registrato vistosi progressi. La maggiore sorpresa del mese è arrivata dalla Borsa polacca, dove l’indice Wig ha guadagnato il 5,1%. Il livello di disoccupazione – continuava l’articolo- è sceso sotto la soglia storica del 10% registrata nel 1997-98. La produttività è seconda solo a quella giapponese. A toccare i massimi storici è stato anche l’indice della Repubblica Ceca, il Px, che ha guadagnato il 4,6%”.
Ma ora sappiamo che il miracolo delle economie dell’Est, connotato da tassi di crescita ch la vecchia Europa poteva solo sognare, appartiene al passato. La crisi economica mondiale, come prevedibile, ha colpiti per primi e con molta più virulenza proprio quei paesi, che ora arrancano in una profonda recessione.
Sotto tiro sono Ungheria, Lettonia, Slovacchia, Bulgaria; ma anche Romania, Polonia e Repubblica Ceca; senza contare l’Ucraina. Ma la stessa Russia non se la passa bene.
La crisi, dunque, partita dal cuore dell’impero, si trasferisce dal centro del sistema economico mondiale ai paesi della periferia, che si ritrovano senza sbocchi per le loro merci nei mercati ricchi. Viene, così, allo scoperto la fragilità della recente ed impetuosa crescita di questi paesi, costruita innanzitutto su un enorme e irresponsabile indebitamento. E’ la conseguenza di sconsiderate scelte di politica economica che, attuando drastiche campagne di privatizzazione, hanno costituito il terreno dell’applicazione più sconsiderata del neoliberismo e, accogliendo massicci investimenti esteri, ha fatto del sistema produttivo di quei paesi il prolungamento dell’industria europea occidentale.
Oggi i paesi dell’Est europeo si ritrovano indebitati con le banche estere per ben 1.656 miliardi di dollari (di cui 1.511 con le banche dell’Europa occidentale), tre volte in più rispetto al 2005. Un debito insostenibile in presenza della recessione, che determina il crollo delle valute locali e l’aumento dei deficit commerciali e statali.
Basti pensare che un paese come l’Ucraina sta fronteggiando una perdita del 10% del Pil; mentre la Romania ha visto il suo deficit commerciale con l’estero passare dal 3,3% sul Pil nel 2002 ad un insostenibile 12,2% nel 2008, cui si aggiunge un debito pubblico del 5,2%.
Il restringimento del credito bancario, seguito allo scoppio della bolla dei subprime, fa, vieppiù, emergere la vulnerabilità di questi paesi, i quali ora avrebbero bisogno di 200 miliardi di dollari di rifinanziamenti e di 150 miliardi per la ricapitalizzazione delle banche.
Per fronteggiare questa situazione, Ungheria, Lettonia e Ucraina hanno pensato bene di stringere ancor più il cappio attorno a proprio collo, andando a chiedere prestiti d’emergenza presso il Fondo monetario internazionale.. Serbia e Romania stanno per fare la stesa cosa. Ed è evidente che, di fronte al rischio di insolvenza e di bancarotta statale di questi paesi, i più esposti sono proprio i paesi creditori dell’Europa occidentale. Ma questo sta anche a significare che, contrariamente a quanto molti ritengono, l’Europa è esposta alla crisi in modo molto più forte di quanto lo siano gli stessi Usa.
Non a caso i paesi europei più forti cercano di correre ai ripari nella logica del “si salvi chi può”.
E lo fanno a costo di sconfessare tutti i dogmi dell’economia di mercato che fino all’altro giorno consideravano intangibili. La Germania, ed esempio, ha approvato una legge che consente allo Stato l’espropriazione delle banche che versano in una situazione di grave difficoltà. Una novità epocale, se si pensa che la Costituzione tedesca, a differenza di altre Costituzioni europee, prevede limiti severissimi all’esproprio; oltre che una plateale sconfessione dei principi di economia liberista “orgogliosamente” sbandierati dalla Repubblica federale tedesca in aperta sfida ai principi socialisti della Repubblica democratica tedesca. La ragione di ciò è da rintracciarsi nell’apertura di una nuova fase nella crisi mondiale, che si sta per scaricare con violenza proprio su Eurolandia.
Dopo una prima fase della crisi che, con lo scoppio della bolla dei subprime, aveva messo a tappeto il sistema finanziario e bancario soprattutto negli Usa ed una seconda fase che ha fatto emergere la sovrapproduzione industriale da tempo latente nei paesi più avanzati, ora siamo dinanzi a una terza fase: il trasferimento, appunto, della crisi dal centro alla periferia del sistema economico mondiale.
E una suo ulteriore rimbalzo, come nel gioco del ping pong, verso il centro; poi di nuovo in periferia, in un rimpallo continuo.
Il più preoccupato, per ora, è il governo austriaco. L’Austria è il primo paese a risentire dell’onda d’urto dall’Est, avendo essa, negli ani appena scorsi, investito quasi tutto il suo potenziale economico sui paesi dell’Est europeo. Essa risulta al primo posto in assoluto per quanto concerne l’esposizione delle proprie banche nella regione (quasi il 20% dei crediti allocati dell’Europa occidentale sono austriaci). Solo le Erste Bank e Raiffeisen International sono esposte con 230 miliardi di euro in crediti concessi. Stiamo parlando di un valore pari al 70% del Pil nazionale austriaco!
Se si conta anche la Bank Austria, del gruppo Unicredit, la cifra sale a 280 miliardi.
Nel timore di perdite, le banche hanno cominciato a ritirare liquidità, aggravando, così, la situazione sul posto; mentre i loro titoli in borsa hanno fatto registrare cali enormi.
Così è spiegato il motivo per il quale, nel recente vertice dei paesi Ue dell’Est con la presidenza Ue, sia stato proprio il governo austriaco il maggiore sponsor della proposta di un prestito di prestito straordinario di 190 miliardi di euro da parte dei paesi europeo-occidentali ai paesi dell’Europa orientale. Proposta, che però non ha toccato il cuore dei maggiori paesi occidentali ( Germania in testa), che si son ben guardati dall’accoglierla.
La maggior parte analisti sono concordi nel dire che ignorare ora la bomba ad orologeria dell’Est equivale a dover pagare, dopo, un prezzo ancora più alto. Tanto che il presidente della Banca mondiale, Robert Zoellick, ha ritenuto di dover ammonire l’Occidente a sbrigarsi ad aiutare l’Europa orientale, pena il rischio di una nuova rottura del continente. Da più parti si evoca addirittura il rischio di una nuova cortina di ferro. Zoellick stima che servano all’Est Europa circa 95 miliardi di euro in capitale per le sue banche, altrimenti non ce la farà. Da un report di Credit Suisse emerge che la situazione nell’Est europeo è peggiore di quella asiatica negli anni della nota crisi delle “tigri asiatiche”. Le economie asiatiche – si scrive nel rapporto- erano più flessibili e il rallentamento economico a livello mondiale era molto meno sincronizzato rispetto a ora. L’Fmi e la Banca mondiale, inoltre, avevano allora più risorse disponibili per adottare pacchetti di sostegno all’economia.
Ed ecco, dunque, emergere, un altro tassello che complica le cose nel puzzle della grande crisi capitalistica: l’insufficiente liquidità nelle stesse casse del Fondo monetario internazionale e della
Banca mondiale. Ciò fa dire alla Credit Suisse di essere “molto pessimista sull’esposizione verso i paesi dell’Est, anche in considerazione del fatto che il rapporto “debito estero netto/Pil della regione” varia dal 25% (Ucraina) al 100% (Ungheria).
La situazione debitoria netta totale per i paesi Emea (Europa, Medio Oriente e Africa), escludendo la Russia, è pari a circa 1.000 miliardi di dollari, di cui circa 200 in scadenza nel 2009.
In termini valutari, il debito estero netto della regione (Emea) è salito dal 47 al 65%, a causa della debolezza delle valute. “Le autorità – dice la Credit Suiss – dovrebbero, dunque, aumentare i tassi di interesse, com’ è avvenuto in Russia, oppure irrigidire la politica fiscale”, anche se, la Credit Suisse, bontà sua, riconosce che queste mosse “provocherebbero una contrazione molto forte della domanda, trasformando la recessione in depressione”. La soluzione sarebbe, secondo l’istituto, un intervento di Fmi e Banca mondiale a favore di “diverse forme di ristrutturazione del debito”. Dunque, siamo al gatto che si morde la coda.
La realtà è che il capitalismo non sa come uscire dal disastro, rivelandosi, in molti casi, le sue ricette, se possibile, peggiori del male.
E’ molto probabile che i governi europei occidentali abbandonino l’Est al proprio destino, avendo essi delle gatte da pelare nello stesso recinto della zona euro. Senza specificare a quale paese in concreto si riferisse, il ministro delle Finanze tedesco, Steinbruech, ha recentemente affermato che la Germania potrebbe essere nella necessità di intervenire a sostegno di un governo dell’eurozona. Un paese che si troverebbe già in grossi problemi a rifinanziare il proprio debito. Alcuni osservatori hanno subito pensato all’Irlanda. Ma molti sostengono, invece, che il nome del paese sia stato volutamente taciuto, in quanto, in realtà, potrebbe trattarsi, a seconda delle circostanze, anche della Grecia o della stessa Italia.
Quali paesi, dunque, non solo nel mondo e in Europa in generale, ma nella stessa zona dell’euro, sono condannati ad essere espulsi e ricacciati ai margini dello sviluppo dal ristretto numero dei paesi che, in qualche modo, sopravvivranno alla crisi? Perché è di questo che si tratta. E non è detto che l’Europa che conosciamo (parlo della stessa Unione europea) sarà quella che ci ritroveremo di qui a qualche anno, se non qualche mese. Quale sarà la dislocazione degli imperialismi sul territorio europeo.
E cosa accadrà sul piano politico? Le recenti elezioni in Carinzia ci dicono cosa potrebbe accadere e quale spazio potrebbe avere l’estrema destra populista, xenofoba e nazionalista, se le forze comuniste e anticapitaliste non si coordineranno quanto prima sul piano europeo, offrendo anche una sponda politica organizzativa alle realtà antagoniste dell’Est europeo, ai nuovi movimenti che probabilmente nasceranno e si svilupperanno in forme nuove rispetto al passato.


9 marzo 2009

Mauro Caterina : l'impatto di Varsavia

 

Fino a qualche mese fa gli analisti economici e finanziari dicevano che la Polonia era uno dei pochi paesi dell'Est europeo (se non l'unico) che poteva tranquillamente far fronte alla tempesta finanziaria proveniente d'oltre oceano senza particolari patemi d'animo. Ma trovare di questi tempi un economista che azzecca una previsione è cosa alquanto difficile. Lo scorso dicembre la crisi ha bussato alle porte di Varsavia: crollo degli ordini dall'estero. Il primo settore a farne le spese è stato quello manifatturiero, provocando un'ondata di licenziamenti che ha fatto schizzare il tasso di disoccupazione al 9,5%. Certo la situazione economica del paese non è paragonabile a quella dell'Ucraina (sull'orlo della bancarotta) o quella della Lettonia (la Banca centrale ha dichiarato «clinicamente morta» l'economia lettone dopo una contrazione del 10,5% nel quarto trimestre), dove le massicce proteste della popolazione hanno costretto il governo di centro-destra alle dimissioni.
Stando alle ultime (ottimistiche) previsioni, l'economia polacca dovrebbe crescere dell'1,4% per il 2009. Nel 2007 era stata del 6,7% e nel 2008 del 4,8%. Una contrazione non di poco, i cui effetti si sono fatti sentire soprattutto nelle grandi città. Agata Logan è un'imprenditrice di Varsavia: nome polacco e cognome inglese (per via di suo marito). Lei è una delle nuove leve della media borghesia imprenditoriale polacca cresciuta durante gli anni del boom economico. Dirige una piccola catena di negozi d'abbigliamento sparsi per la capitale. «I saldi quest'anno sono andati male - dice - abbiamo avuto una flessione del 30% rispetto allo scorso anno. La gente non compra, ha paura di comprare, anche quando presentiamo una nuova collezione, prima c'era la fila fuori dai nostri negozi. Adesso tutti aspettano gli sconti prima di mettere mano al portafoglio».
Insomma la crisi c'è e si sente. Anche i festeggiamenti per la Wielka Orkiestra Swiatecznej Pomozy - la più grande manifestazione di beneficenza della Polonia, che si tiene ogni anno a gennaio con concerti e iniziative culturali in tutti i grandi centri del paese - sono stati ridimensionati per adeguarsi al nuovo clima di austerità. A febbraio il governo liberal-conservatore guidato da Donald Tusk ha varato (non a caso) un austerity plan per far fronte alla crisi. Un ulteriore intervento dopo il pacchetto di stabilizzazione di 24 miliardi di euro fatto nel novembre del 2008, nel tentativo di arginare gli effetti della crisi. L'obiettivo è quello di risparmiare 16-17 miliardi di zloty (circa 3,6 miliardi di euro) tagliando le spese dove possibile. Il portavoce del governo ha dichiarato al quotidiano Gazeta Wyborcza che verrà ordinato il ritiro delle truppe polacche attualmente dispiegate in Ciad e Libano se sarà necessario reperire risorse finanziarie mancanti.
Ad aggravare la situazione, oltretutto, si ci è messa pure la tempesta monetaria che sta colpendo tutte le valute dell'ex blocco sovietico. Per molti analisti una delle più grandi speculazioni di sempre, più grande persino di quella asiatica negli anni '90, che sta mettendo seriamente a rischio il sistema del credito bancario dell'intera regione, controllato per la maggior parte dalle banche occidentali. In pratica, un cittadino polacco, ungherese, o lettone che ha sottoscritto un mutuo per la casa, ha contratto il debito in valuta forte: euro o franchi svizzeri. Ciò implica che la rata mensile da pagare alla banca sarà conteggiata in euro o franchi svizzeri. Se la moneta nazionale si svaluta del 20% o del 30% nei confronti dell'euro o del franco svizzero, quel cittadino polacco, ungherese o lettone non sarà più in grado di pagare il mutuo. In Polonia il 60% delle riserve monetarie è in franchi svizzeri e lo zloty (la moneta nazionale) ha dimezzato in un mese il proprio valore rispetto al franco. Una situazione simile si è verificata (e si sta verificando) in Ungheria, nei Balcani, nelle Repubbliche Baltiche e in Ucraina.



A questo proposito Varsavia sta pensando di utilizzare parte dei fondi europei dell'Agenda 2007-2013 e destinarli alla spesa sociale. In particolare, si sta pensando alla creazione di un fondo a sostegno di quei lavoratori che hanno contratto un mutuo e che nel frattempo hanno perso il lavoro, e l'istituzione della cassa integrazione (prima inesistente) per quelle aziende che hanno temporaneamente bloccato la produzione a causa della crisi. I fondi europei dell'Agenda 2007-2013 per la Polonia ammontano a 67 miliardi di euro e sono destinati a infrastrutture, agricoltura, scuola, formazione e università, in modo tale da colmare il gap infrastrutturale del Paese col resto d'Europa. Il primo ministro polacco ha detto che per il 2009 il suo governo prevede di utilizzare 4,6 miliardi di euro presi dai fondi e poter tamponare in questo modo la crisi. Il governo sta inoltre ragionando sull'ipotesi di immettere ulteriore liquidità dentro le banche Pko-Bp e Bgk (controllate dallo stato) affinché possano garantire ai cittadini speciali crediti d'emergenza low-cost.
Tusk ha detto anche che vuole portare la Polonia nell'euro entro il 2012, cosa che ha fatto imbestialire i gemelli eurofobici Lech (presidente) e Jaroslav (ex premier) Kaczynski. In un report presentato il 16 febbraio dalla Banca Centrale (guidata da un fedelissimo dei Kaczynski) si consiglia di «valutare bene i costi e i benefici di un'entrata frettolosa nell'euro durante la crisi» e viene indicata come data alternativa il 2020. In realtà la polemica sull'euro è dovuta alle imminenti elezioni europee. E come sempre accade in questi casi, i «gemelli terribili» sono sempre pronti a soffiare sulle paure della gente. Il ministro dell'economia Waldemar Pawlac si è detto ottimista. Durante un dibattito nel salotto politico della tv pubblica ha rassicurato i propri connazionali dicendo che si respira un cauto ottimismo dentro il governo, perché le banche polacche sono controllate da regole ferree e non presentano titoli tossici al loro interno.
L'ottimismo (seppur cauto) è poco condiviso dai giovani, tra le prime vittime della crisi. Asia ha 28 anni ed è laureata in sociologia. «Ho trovato lavoro in un call-center della Easy Jet - ci racconta - l'unico lavoro disponibile dopo 6 mesi di porte chiuse». Asia ha fatto l'erasmus a Cagliari e parla benissimo l'italiano. «Quando ho finito i miei studi ero piena di entusiasmo e grinta - continua - adesso invece mi devo accontentare di 2000 zloty al mese (400 euro) e devo ritenermi fortunata perchè conosco l'italiano e mi hanno presa per questo». Asia aveva pensato di tornare in Italia e trovare un lavoro, ma i suoi amici da Cagliari le hanno detto che anche nel Belpaese la crisi è impietosa. Altri giovani, invece, prendono la via dell'emigrazione. Come Marek, 30 anni, una laurea in economia, in partenza per Londra a fare il cameriere: «La realtà è che in Polonia la crisi è stata sempre costante dopo il crollo del comunismo. Chi ha beneficiato della crescita e del boom economico degli ultimi anni? Non certo la maggioranza dei polacchi che per il 60% vive nelle piccole città e nei villaggi di campagna. Quello che è mancato in questi anni è stato una redistribuzione equa della crescita». Lui intanto va via.


sfoglia     agosto        ottobre
 

 rubriche

Diario
Filosofia
Politica
Articoli
deliri
Schegge
Ontologia
Epistemologia
Storia
Ermeneutica
Conto e racconto
Comunismo

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

italo nobile
Periecontologia
blog filosofia analitica
porta di massa (filosofia)
Crisieconflitti
Blog di crisieconflitti
Rescogitans
Spettegolando
Being and existence
Josiah Royce
filosoficonet
Russell on proposition
Wittgenstein against Russell
Landini on Russell
Kalam argument
Internet enciclopedy of philosophy
Sifa
swif
Moses
Grayling
Bas Van Fraassen
Gilbert Harman
Nordic journal of Philosophical logic
Paideia Project
Ousia
Diogene : filosofare oggi
formamentis
riflessioni
Articoli filosofici
Ancient Philosophy
Dialegesthai
Hegel in MIA
MIA . risorse filosofiche
Gesù e la storia
piergiorgio odifreddi
renato palmieri
Dizionario sanscrito
Lessico aramaico
Cultura indù
Lessico indiano
Mitologie
Egittologia
Archeogate
Popoli antichi
Antichi testi cristiani
Bibbia
Testi biblici e religiosi
Agiografia
Eresie
Critica della Bibbia
Psychomedia
Rabindranath Tagore
La Pietà di Michelangelo
Sapere
google
Wikipedia
Libri in commercio
google traduttore
libri su google
Emiliano Brancaccio
Libri in commercio2
Dispense
crisieconflittiblog
l'ernesto
Essere comunisti
manifesto
Liberazione
Proteo Vasapollo
Appello degli economisti
Krisis
Rivista del Manifesto
n+1
Temi marxisti
Ripensare Marx
Gianfranco La Grassa
Ripensare Marx 2
Costanzo Preve
CriticaMente
Mercati esplosivi
Intermarx
Archivio marxista
35 ore
Gianfranco Pala
Contraddizione
falcemartello
Comunisti internazionalisti
Comedonchisciotte
Che fare
Teoria critica libertaria
Bellaciao
Anarcocomunisti
Informationguerrilla
Scambio senza denaro
Chaos
Guerra globale
Peacelink
Altraeconomia
Brianza popolare
indymedia napoli
Partito comunista internazionale
Prometeo
Giano
Cervetto
Rivoluzione comunista
P.C.internazionale (sinistra)
Teoria e prassi
Contropiano
Mazzetti
mazzetti2
vis a vis
Rotta comunista
Erre
Indymedia lavoro
Il pane e le rose
Articoli neweconomy
Noam Chomsky
Malcom X economia
La Voce.info
Z-Anarchismo
Iura Gentium
Domenico Gallo
Articolo 21
ansa
Openpolis
Asca (agenzia stampa)
Repubblica
Corriere della Sera
Adnkronos
Agenzia giornalistica italiana
Il Foglio
Informazioni on line
Rapporto Amnesty
Governo italiano
Inail
Avvisatore Parlamento
Inps
Istat
Censis
Rete no-global
Greenpeace
Utopie
Associazione pro Cuba
Rassegna stampa
Rassegna sindacale
Lucio Manisco
Nonluoghi
Osservatorio Balcani
Comunisti italiani
Rifondazione
Peace reporter
Centroimpastato
Democrazia e legalità
Società civile
Beppe Grillo
Alternative
Un mondo possibile
Laboratori di società
Antiutilitarismo
Mediawatch
Megachip
Le monde diplomatique
Report
Forum Palestina
Il filo rosso
Il Dialogo
Giulietto Chiesa
Guerraepace
Namaste
NensVisco Bersani
Unità
Sinistri progetti
Socialpress
Cafebabel
Terreliberedallamafia
Maria Turchetto
Carta
Carmilla
Lettera internazionale
Jacopo Fo
Globalproject
Attac
Anarchivio
Resistenze
Micromegas
Sbilanciamoci
War news
Tobin tax
Un ponte per
Uruknet
Lettera 22
Rainews
Reti invisibili
Centomovimenti
Euronews
Nidil Cgil
Chain workers
Cani sciolti
Ivan Ingrilli (sanità)
Sanità mondiale
Almanacco dei misteri
Rapporto Amnesty
Diritto del lavoro
Atlante geopolitico
Criticamente
Disinformazione
istitutobrunoleoni
Statistiche Bankit
Debitopubblico
Economia politica
Rasegna stampa economia
Dizionario economia
Cnel
formazionelavoratori
Confcommercio
Affari esteri
Teocollectorborse
Businessonline
Linneo economia
Economia e società aperta
Statistiche annuario ferrarese
Eures
Cgil Lombardia
Fondazione Di Vittorio
Fai notizia
Luogo comune
Zoopolitico
ok notizie
Wikio
La mia notizia
Youtube
Technorati
Blog
Answers
La leva di Archimede
Eguaglianzaelibertà
Liberanimus
Link economici
campioni pugilato
All words (dizionari)
Babelfish traduttore
Dieta
Cucina 2 : Buonissimo
Calorie
Cucina
Primi piatti
Dieta 2
Last minute
Dica 33
Schede medicinali
Dizionario etimologico
Dizionari
E-testi
Foto da internet
Ferrovie dello Stato
La Gazzetta dello Sport
Incucina
Cucina napoletana
Tabelle nutrizionali
Altalex
Pagine bianche
Calcola inflazione e interessi
Film Tv
Fuoco
Studium
Amica Mia di Pigura
prc valdelsa
Siddhartino
Altromedia
Trashopolis
lotte operaie nel mondo
vulvia
Korvo Rosso
La tela di Penelope
Conteoliver
Mario
Cloroalclero
Fronesis
Il mondo di Galatea
Polpettine
Tisbe
Lameduck
aiuto
Daciavalent
Arabafenice
Batsceba
Pibua
Guevina
Vietato cliccare
Cattivomaestro
Khayyamsblog
Francesco Nardi
Alex321
Ciromonacella
Comicomix
Devarim
Raccoon
La grande crisi del 2009 (cronache)
Giornalettismo
Zio Antonio
Radioinsurgente
Garbo
Vita da St(r)agista
sonolaico
serafico
jonathan fanesi
Valhalla
Millenniumphoenix
gianfalcovignettista
occhidaorientale
Undine
Capemaster
Mimovo
antonio barbagallo
Nefeli
Secondoprotocollo
Nessunotocchisaddam
Pragmi
Rigitans
Alessandro
Formamentisblog
Corso di traduzione letteraria
Filosofia del web
Mediamente
Psicopolis
Blog cognitivismo
Dswelfare
Caffeeuropa
Stefano Borselli
Domenico De simone
Andrea Agostini
democrazia diretta
Finkelstein
Movisol
Società e conflitto
menoStato
Settantasette
la Cia
misteri e cospirazioni
Globalizzazione
Centroimpastato
Tugan Baranovsky
Wright su reddito garantito
Contro il lavoro
Assenteismo e operai
Auschwitz e il marxismo
Cestim migrazioni
Salute naturale
Signoraggio
Umanitànova
Crisi della liquidità
Cooperazione tra cervelli
La Grassa su Bettelheim
Marx e Lange
Gramsci e la globalizzazione
Marx e la crisi
Prc quinto Congresso
Lessico gramsciano
Il virus inventato
Lotte disoccupati francesi
Biospazio
Storia nonviolenza
Tax justice network
Marx e la crisi
Seminari della controra
Valori e prezzi
Veti Usa a risoluzioni Onu
Anarchici
Nuovi mondi media
Stele e cartigli egizi
Libro dei morti
Egitto
Egitto2
Egitto3
Egitto4
Egitto5
Storia delle Brigate Rosse
Guide di Dada net
Aljazira.it
Arab monitor
Il Giornale
Cultura cattolica
Il denaro
Aldo Pietro Ferrari
Asianews
Storia della birra
Storia contemporanea
Dossier Legge Biagi
Ateneonline

Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom