.
Annunci online

  pensatoio passeggiate per digerire l'attuale fase storica
 
Diario
 


 

 

Sono marxista

 




Darfur Day

Annuncio Pubblicitario

gaza_black_ribbon






sotto la media l'Italia arranca, con questi media l'Italia crepa







  


        
Articoli di filosofia

Il futuro delle filosofie
http://www.italonobile.it/Il%20futuro%20delle%20filosofie.htm

L'argomentazione apagogica sulla verità in Vittorio Hosle
http://www.italonobile.it/Esiste%20verità.htm

Pensiero di Pensiero...
http://www.italonobile.it/pensiero%20di%20pensiero.htm

La teoria delle descrizioni definite di Bertrand Russell

La x è solo un segno ?

Dall'assenza del segno al segno dell'assenza

Dallo zero alla variabile


Frege e la negazione

Frege e l'esistenza

Senso e denotazione in G. Frege

Concetto e Oggetto in G. Frege

Frege e la logica

Frege e il pensiero

Concetto e rappresentazione in G.Frege

Funzione e concetto in G. Frege

Il senso e la denotazione dei concetti in Frege

La connessione dei concetti in Frege

Ontologia del virtuale
http://www.italonobile.it/Ontologia%20del%20virtuale.htm

L'eliminazione della metafisica di R. Carnap

Conoscenza e concetto in M. Schlick

Schlick e la possibilità di altre logiche

Tempo e spazio in Schlick

Schlick e le categorie kantiane

Apparenza e realtà in Schlick

Concetti e giudizi in Schlick

Analitico e sintetico in Schlick

Evidenza e percezione in Schlick

Giudizio e conoscenza in Schlick

Il reale secondo Schlick

La critica di Schlick all'intuizione

Definizioni e sistemi formali in Schlick

La logica in Schlick

La verificazione in Schlick

La verità in Schlick

Lo scetticismo nell'analisi secondo Schlick

Lo scopo della conoscenza in Schlick

Logico e psicologico in Schlick

L'unità di coscienza secondo Schlick

Schlick e la svolta della filosofia

Schlick e l'induzione

Matematica e realtà in Schlick


Alexius von Meinong e la teoria dell'oggetto


Bernard Bolzano e una logica per la matematica

Contenuto e oggetto in Kazimierz Twardowski

Jean Piaget e la conservazione delle quantità continue

L'attualità di Feyerabend

Sul Gesù storico
http://www.italonobile.it/La%20spartizione%20delle%20vesti.htm

La coscienza secondo Thomas Nagel
http://www.italonobile.it/la%20doppia%20vita%20del%20conte%20Dracula.htm

Filosofia e visione
http://www.italonobile.it/l'immagine%20della%20filosofia.htm
http://pensatoio.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=614562

Ermeneutica della luce e dell'ombra
http://www.italonobile.it/all'ombra%20della%20luce.htm
http://pensatoio.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=614557

Il test di Fantuzzing: mente e società
http://www.italonobile.it/Test%20di%20Fantuzzing.htm

Metafisica oggi
http://www.italonobile.it/metafisica.htm

La merce in Marx

Una teoria marxista della crisi : un primo livello di riflessione


Globalizzazione economica e giuridica
http://www.italonobile.it/globalizzazione.htm
http://pensatoio.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=615609

Guerra, marxismo e nonviolenza
http://www.italonobile.it/Guerra,%20marxismo%20e%20non%20violenza.htm
http://pensatoio.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=615613

Utopia e stato d'eccezione
http://www.italonobile.it/utopia%20e%20stato%20d'eccezione.htm
http://pensatoio.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=622445

Il reddito di cittadinanza
http://www.crisieconflitti.it/public/Nobile1.pdf

Keynes da un punto di vista marxista

Appunti marxiani 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10



STORIA DEI NUMERI E DELLE CIFRE NUMERICHE
http://www.italonobile.it/genealogia%20della%20matematica.htm

La comunicazione nel linguaggio scientifico e la filosofia

 http://pensatoio.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=614558



Lemmi Wikipedia da me integrati
Alexius Meinong
Bernard Bolzano
Storia dei numeri
Sistema di numerazione
Sistema di numerazione cinese
Sistema di numerazione maya


Il Capitale di Marx e altro
1 2  3  4  6  7  8  9
10  11  12  13  14  15  
16  17  18  19  20  21
22  23  24  25  26  27
28  29  30  31  32 

 

Dibattito su Emiliano Brancaccio
1 2 3

Quelli che la crisi l'avevano prevista

Cazzari Nobel

Le molte cazzate del Nobel cazzaro

 

DISCLAIMER (ATTENZIONE):
l'Autore dichiara di non essere
responsabile per i commenti
inseriti nei post. Eventuali
commenti dei lettori, lesivi
dell'immagine o dell'onorabilità
di persone terze non sono da
attribuirsi all'Autore, nemmeno se
il commento viene espresso
in forma anonima o criptata.







7 ottobre 2010

La nuova macroeconomia classica e i suoi apostoli : Lucas, Kydland e Prescott

I contributi di Muth e Phelps  furono utilizzati per la costruzione di un paradigma alternativo a quello keynesiano, nel quale veniva respinta la nozione keynesiana di disequilibrio come conseguenza di rigidità, mentre si riformulavano i postulati dell’equilibrio economico generale in presenza di condizioni di incertezza, giudicando superfluo il postulato walrasiano dell’equilibrio come risultato dell’informazione completa di tutti i soggetti in tutti i mercati.

Lucas sostenne che i modelli keynesiani per quanto spieghino il ciclo non sono teorie dell’equilibrio, dal momento che Keynes considerava quest’ultima irrealizzabile, non essendo la disoccupazione spiegabile come conseguenza di scelte individuali. Lucas aggiunge, nonostante l’opinione di Keynes, che anche l’allontanamento dall’equilibrio doveva essere studiato sul fondamento di un modello di equilibrio, in quanto quest’ultimo è costruito per definizione in modo da poter predire come operatori con preferenze e tecnologie stabili sceglieranno di reagire ad una nuova situazione. Al contrario un qualunque modello di disequilibrio, costruito codificando semplicemente le regole decisionali che gli agenti hanno trovato utile usare in un qualche periodo precedente, senza alcuna spiegazione del perché queste regole sono state usate non sarebbe di alcuna utilità predittiva. Solo la nozione di equilibrio è collegabile ad una teoria coerente e predittiva. Il problema era di ampliare la nozione di equilibrio perché spiegasse anche quegli eventi fino ad allora ricompresi nella nozione di disequilibrio. A tal proposito Lucas propose di considerare i disequilibri non come eventi singoli ed autonomi, ma come fasi di un ciclo caratterizzato dal comovimento di alcune macrovariabili. Se si definisce il ciclo economico come comovimento di differenti serie storiche aggregate, si può giungere alla conclusione che non vi è alcun bisogno di qualificare le osservazioni restringendole a particolari paesi o a determinati periodi. Rispetto al comportamento qualitativo dei comovimenti delle varie serie storiche, i cicli economici sono tutti simili e dunque c’è la possibilità di una interpretazione unica del ciclo fondata sulle leggi generali che governano le economie di mercato piuttosto che su specifiche caratteristiche politiche o istituzionali di particolari paesi o periodi. Il primo passo da compiere per superare la nozione di disequilibrio consisteva appunto nell’assumere come oggetto d’indagine il ciclo economico e non singoli momenti di crisi. Lucas propone anche di definire l’equilibrio come una situazione di prezzi stabili piuttosto che come una situazione di pieno impiego delle risorse, rompendo il legame tra la nozione di equilibrio e quella di piena occupazione. Ciò che contava in un’economia di mercato era la quantità di risorse o di beni offerta o richiesta dal mercato, non la quantità esistente. Assumendo la perfetta flessibilità dei prezzi, si poteva definire mercato in equilibrio ogni mercato che avesse prezzi stabili, poiché tale stabilità era il segnale che il prezzo raggiunto aveva eguagliato la domanda e l’offerta. Le risorse di lavoro e di capitale che rimanevano inutilizzate andavano considerate come volontariamente escluse. L’equilibrio di ogni singolo mercato era un equilibrio mobile in relazione alla fase del ciclo prevalente in quel momento ed era un equilibrio che poteva non coincidere con la piena occupazione nel significato keynesiano. La natura volontaria o involontaria non era verificabile attraverso l’informazione diretta. L’unico modo praticabile per definire l’equilibrio e dunque l’ammontare di disoccupazione era quello di esaminare il movimento del prezzo del lavoro. Se il salario di mercato risultava stabile, bisognava dedurre che le risorse di lavoro disponibili erano esaurite e che la manodopera non impiegata apparteneva al serbatoio del tasso naturale di disoccupazione.

 

 

Il punto di partenza della nuova macroeconomia era una situazione di equilibrio generale caratterizzato dalla stabilità dei prezzi e della produzione a livello aggregato. I micro fondamenti di questa formazione erano individuabili nel comportamento ottimizzante dei soggetti, nella informazione per isole e nelle aspettative razionali. Ogni soggetto avendo come riferimento per le sue scelte solo il prezzo della risorsa da cedere (ad es. il salario) individuava la ripartizione più conveniente tra lavoro e tempo libero ed utilizzava nel modo più efficiente le informazioni disponibili per decidere la condotta da tenere nel futuro. Poiché nel periodo precedente sia i prezzi che la produzione non avevano subito cambiamenti, le possibili cause di variazione nelle scelte di ogni soggetto potevano scaturire solo da modificazioni nelle preferenze o nella tecnologia. Queste modificazioni avrebbero prodotto variazioni nei prezzi relativi con continui aggiustamenti nelle scelte individuali, ma con tutta probabilità né il livello dei prezzi, né la produzione aggregata avrebbero subito mutamenti di rilievo a causa della compensazione tra variazioni di opposto segno. Il quadro complessivo cambiava totalmente se invece si ipotizzava un cambiamento nel livello medio dei prezzi. Ogni soggetto poteva avere nozione di questa eventualità esaminando le variazioni del suo prezzo di riferimento, ma non aveva informazioni sufficienti per capire se si trattava di una variazione del suo prezzo di riferimento o di una variazione di tutti i prezzi. La decodificazione del segnale era imprecisa e gli operatori invece di mantenere inalterata l’offerta erano indotti a modificarla. Dando così inizio ad una nuova fase del ciclo. Le compensazioni tra i mercati, frequenti nel caso delle variazioni di preferenze e tecnologie, non si verificavano perché era la generalità dei soggetti a percepire la variazione del livello generale dei prezzi come una variazione del proprio prezzo. Da questa confusione scaturivano comovimenti dei prezzi, della produzione e degli investimenti a livello aggregato, così come si osservava nel ciclo reale. Ad es. una espansione della produzione si sarebbe fermata quando gli operatori si fossero accorti di avere sbagliato e ci si fosse resi conto dell’inflazione generalizzata : gli investimenti sarebbero scesi al di sotto del loro livello normale ma lentamente perché non vi sarebbe stata alcuna ragione per aspettarsi che questo riaggiustamento avvenisse rapidamente e potesse essere descritto come una crisi.

Individuato il motivo dominante del ciclo non nell’accumulazione del capitale ma nelle risposte razionali ai movimenti osservati dei prezzi, Lucas ricondusse i movimenti dei prezzi all’unica possibile fonte della variazione della quantità di moneta immessa sul mercato. I movimenti ciclici desumibili dai comovimenti di numerose macrovariabili dovevano essere attribuiti all’afflusso di nuova moneta. Da questa variazione esogena derivava un aumento generalizzato dei prezzi che, a causa dell’informazione limitata, veniva interpretato come un segnale di variazione dei prezzi relativi con conseguente crescita degli investimenti, dell’occupazione e del livello dei prezzi. L’utilizzo sempre più efficiente delle informazioni induceva poi negli operatori aspettative più aderenti del reale svolgimento dei fatti ed il ciclo iniziava così la sua fase discendente con il disturbo monetario provocante il ciclo reale che esauriva i suoi effetti. L’obiettivo della spiegazione del ciclo con il metodo dell’equilibrio fu raggiunto semplicemente ipotizzando uno shock esogeno in presenza di informazione incompleta degli operatori. Il messaggio conclusivo della nuova scuola si poteva riassumere nella esortazione a liberare i mercati dall’intervento dello stato e nell’evitare le politiche economiche di stabilizzazione in quanto inefficaci o controproducenti.

Dopo un iniziale consenso ci si è resi conto che una riduzione della spesa pubblica avrebbe prodotto effetti dannosi alle imprese per la ripresa della conflittualità nel rapporto di lavoro. Riprese vigore la tesi della necessità di una regolamentazione delle principali grandezze economiche al fine di assicurare alle imprese condizioni di stabilità monetaria ed interventi di sostegno nei settori più deboli. Divenne sempre meno convincente l’idea di base circa la possibilità di raggiungere posizioni di equilibrio nei singoli mercati nonostante l’incompleta informazione degli operatori e le tesi contrarie che assumevano ipotesi di lavoro fondate sul disequilibrio dei mercati come condizione normale di funzionamento delle economie industrializzate ripresero vigore. Anche il rigore analitico del ritorno a spiegazioni esogene del ciclo appariva fondato sulla fusione di due ipotesi (aspettative razionali e informazione incompleta) che appartenevano in fondo a concezioni teoriche opposte. Infatti non si poteva sostenere ragionevolmente l’ipotesi che gli operatori potessero cercare di informarsi su tutto tranne che sull’andamento del livello generale dei prezzi. Di conseguenza la possibilità di conservare i principi del comportamento razionale degli operatori per le decisioni riguardanti il futuro rimaneva in piedi solo quando il sistema economico non subiva shock esterni. 

Secondo Augusto Graziani per Lucas gli eventi economici futuri sono tali da poter essere desunti dalle conoscenze di oggi, mentre per i keynesiani gli eventi prevedibili sono del tutto marginali, mentre le grandi svolte rientrano nel dominio dell’imprevedibile. Inoltre per Lucas il mondo è retto da miriadi di decisioni indipendenti e capillari prese da singoli soggetti isolati, mentre per i keynesiano esistono, nel mondo dell’industria e della finanza, fulcri di potere le cui decisioni possono condizionare i destini di interi mercati.

 

Secondo Brancaccio la tendenza rappresentata da Lucas viene ulteriormente raffinata da F. E. Kydland ed E. C. Prescott i quali pure muovono dall’assunto che nella costruzione di un modello economico qualsiasi premessa è lecita, purchè il modello sia in grado di riprodurre correttamente l’andamento dei dati statistici osservati. Si può dunque anche accettare l’idea che una massaia si comporti come se ogni sua scelta derivasse da complicati programmi matematici di ottimizzazione. Quel che conta per questi economisti è che l’improvvida assunzione non trovi sostanziali smentite nei dati. Essi appaiono disposti a tutto pur di rendere compatibili teoria e dati. Basti notare che i loro modelli si fondano su ipotesi tali da rendere la piena occupazione dei lavoratori un risultato inevitabile, la cui smentita consiste di una mera disoccupazione volontaria. Questa abolizione per decreto della disoccupazione conduce poi ad una ragguardevole serie di implicazioni per la politica economica. Obiettivo chiave di Kydland e Prescott è quello di togliere legittimazione teorica a qualsiasi tentativo delle autorità monetarie di reagire ad una recessione con misure espansive. A tale scopo i due economisti affermano che in un mondo di agenti razionali sussiste un problema di incoerenza temporale nelle decisioni delle autorità politiche. Il concetto viene esposto ricorrendo all’esempio dei dirottatori : al fine di scoraggiare i dirottamenti aerei, la maggior parte dei governi segue la regola di non negoziare mai con i dirottatori. Si supponga tuttavia che, nonostante la politica annunciata dal governo, avvenga comunque un dirottamento. In questo caso le autorità potrebbero essere indotte a negoziare, visto che il prezzo richiesto dai dirottatori difficilmente supererebbe gli effetti devastanti della perdita di vite umane. Quindi la miglior politica sembrerebbe essere questa : annunciare di non essere disposti a negoziare, ma poi negoziare in caso di effettivo dirottamento. Se a questo punto si trasferisce il ragionamento in ambito economico, si potrebbe pensare che alle autorità monetarie convenga un atteggiamento analogo a quello appena descritto. Esse possono cioè annunciare una politica rigorosamente anti-inflazionista. I lavoratori di conseguenza si attenderanno prezzi bassi e dunque accetteranno salari monetari bassi. Le autorità monetarie potrebbero allora approfittare di queste previsioni smentendo gli annunci e attuando una politica espansiva. I prezzi aumenterebbero in modo imprevisto e i lavoratori tarderebbero quindi a reagire. La corsa dei prezzi e il ritardo dei salari potrebbe indurre le imprese ad aumentare almeno temporaneamente le occupazioni. In realtà, dicono Kydland e Prescott, l’idea che una simile incoerenza temporale tra annunci e decisioni possa dar luogo a risultati positivi è viziata dall’ipotesi inaccettabile che gli individui siano passivi, ossia che decidano le loro azioni in base alla sola dichiarazione di intenti delle autorità e non al loro comportamento effettivo. Ma nei fatti è proprio la tendenza o meno dell’autorità a smentirsi che si rivela decisiva, nel senso che non appena gli annunci del governo dovessero mostrarsi non credibili, i singoli ne terranno conto ed agiranno di conseguenza. Ad es. i sequestri di aerei da parte dei dirottatori diventeranno all’ordine del giorno. E gli stessi lavoratori non reputeranno più credibili le promesse anti inflazioniste del banchiere centrale. Partendo da questo tipo di esempi, Kydland e Prescott hanno attaccato i vecchi modelli keynesiani, accusati per l’appunto di cristallizzare il comportamento degli operatori privati in una serie di parametri fissi. Quei modelli erano rigidi e quindi inservibili, poiché non tenevano conto della reazione degli operatori alla maggiore o minore coerenza tra gli annunci dell’autorità politica e le sue azioni effettive. Da simili riflessioni i due autori hanno tratto suggerimenti politici secondo cui, per convincere i privati che i prezzi sono sotto controllo è necessario rendere assolutamente credibile la banca centrale legandole le mani e cioè vincolandola all’obiettivo della lotta all’inflazione.

 


sfoglia     settembre        novembre
 

 rubriche

Diario
Filosofia
Politica
Articoli
deliri
Schegge
Ontologia
Epistemologia
Storia
Ermeneutica
Conto e racconto
Comunismo

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

italo nobile
Periecontologia
blog filosofia analitica
porta di massa (filosofia)
Crisieconflitti
Blog di crisieconflitti
Rescogitans
Spettegolando
Being and existence
Josiah Royce
filosoficonet
Russell on proposition
Wittgenstein against Russell
Landini on Russell
Kalam argument
Internet enciclopedy of philosophy
Sifa
swif
Moses
Grayling
Bas Van Fraassen
Gilbert Harman
Nordic journal of Philosophical logic
Paideia Project
Ousia
Diogene : filosofare oggi
formamentis
riflessioni
Articoli filosofici
Ancient Philosophy
Dialegesthai
Hegel in MIA
MIA . risorse filosofiche
Gesù e la storia
piergiorgio odifreddi
renato palmieri
Dizionario sanscrito
Lessico aramaico
Cultura indù
Lessico indiano
Mitologie
Egittologia
Archeogate
Popoli antichi
Antichi testi cristiani
Bibbia
Testi biblici e religiosi
Agiografia
Eresie
Critica della Bibbia
Psychomedia
Rabindranath Tagore
La Pietà di Michelangelo
Sapere
google
Wikipedia
Libri in commercio
google traduttore
libri su google
Emiliano Brancaccio
Libri in commercio2
Dispense
crisieconflittiblog
l'ernesto
Essere comunisti
manifesto
Liberazione
Proteo Vasapollo
Appello degli economisti
Krisis
Rivista del Manifesto
n+1
Temi marxisti
Ripensare Marx
Gianfranco La Grassa
Ripensare Marx 2
Costanzo Preve
CriticaMente
Mercati esplosivi
Intermarx
Archivio marxista
35 ore
Gianfranco Pala
Contraddizione
falcemartello
Comunisti internazionalisti
Comedonchisciotte
Che fare
Teoria critica libertaria
Bellaciao
Anarcocomunisti
Informationguerrilla
Scambio senza denaro
Chaos
Guerra globale
Peacelink
Altraeconomia
Brianza popolare
indymedia napoli
Partito comunista internazionale
Prometeo
Giano
Cervetto
Rivoluzione comunista
P.C.internazionale (sinistra)
Teoria e prassi
Contropiano
Mazzetti
mazzetti2
vis a vis
Rotta comunista
Erre
Indymedia lavoro
Il pane e le rose
Articoli neweconomy
Noam Chomsky
Malcom X economia
La Voce.info
Z-Anarchismo
Iura Gentium
Domenico Gallo
Articolo 21
ansa
Openpolis
Asca (agenzia stampa)
Repubblica
Corriere della Sera
Adnkronos
Agenzia giornalistica italiana
Il Foglio
Informazioni on line
Rapporto Amnesty
Governo italiano
Inail
Avvisatore Parlamento
Inps
Istat
Censis
Rete no-global
Greenpeace
Utopie
Associazione pro Cuba
Rassegna stampa
Rassegna sindacale
Lucio Manisco
Nonluoghi
Osservatorio Balcani
Comunisti italiani
Rifondazione
Peace reporter
Centroimpastato
Democrazia e legalità
Società civile
Beppe Grillo
Alternative
Un mondo possibile
Laboratori di società
Antiutilitarismo
Mediawatch
Megachip
Le monde diplomatique
Report
Forum Palestina
Il filo rosso
Il Dialogo
Giulietto Chiesa
Guerraepace
Namaste
NensVisco Bersani
Unità
Sinistri progetti
Socialpress
Cafebabel
Terreliberedallamafia
Maria Turchetto
Carta
Carmilla
Lettera internazionale
Jacopo Fo
Globalproject
Attac
Anarchivio
Resistenze
Micromegas
Sbilanciamoci
War news
Tobin tax
Un ponte per
Uruknet
Lettera 22
Rainews
Reti invisibili
Centomovimenti
Euronews
Nidil Cgil
Chain workers
Cani sciolti
Ivan Ingrilli (sanità)
Sanità mondiale
Almanacco dei misteri
Rapporto Amnesty
Diritto del lavoro
Atlante geopolitico
Criticamente
Disinformazione
istitutobrunoleoni
Statistiche Bankit
Debitopubblico
Economia politica
Rasegna stampa economia
Dizionario economia
Cnel
formazionelavoratori
Confcommercio
Affari esteri
Teocollectorborse
Businessonline
Linneo economia
Economia e società aperta
Statistiche annuario ferrarese
Eures
Cgil Lombardia
Fondazione Di Vittorio
Fai notizia
Luogo comune
Zoopolitico
ok notizie
Wikio
La mia notizia
Youtube
Technorati
Blog
Answers
La leva di Archimede
Eguaglianzaelibertà
Liberanimus
Link economici
campioni pugilato
All words (dizionari)
Babelfish traduttore
Dieta
Cucina 2 : Buonissimo
Calorie
Cucina
Primi piatti
Dieta 2
Last minute
Dica 33
Schede medicinali
Dizionario etimologico
Dizionari
E-testi
Foto da internet
Ferrovie dello Stato
La Gazzetta dello Sport
Incucina
Cucina napoletana
Tabelle nutrizionali
Altalex
Pagine bianche
Calcola inflazione e interessi
Film Tv
Fuoco
Studium
Amica Mia di Pigura
prc valdelsa
Siddhartino
Altromedia
Trashopolis
lotte operaie nel mondo
vulvia
Korvo Rosso
La tela di Penelope
Conteoliver
Mario
Cloroalclero
Fronesis
Il mondo di Galatea
Polpettine
Tisbe
Lameduck
aiuto
Daciavalent
Arabafenice
Batsceba
Pibua
Guevina
Vietato cliccare
Cattivomaestro
Khayyamsblog
Francesco Nardi
Alex321
Ciromonacella
Comicomix
Devarim
Raccoon
La grande crisi del 2009 (cronache)
Giornalettismo
Zio Antonio
Radioinsurgente
Garbo
Vita da St(r)agista
sonolaico
serafico
jonathan fanesi
Valhalla
Millenniumphoenix
gianfalcovignettista
occhidaorientale
Undine
Capemaster
Mimovo
antonio barbagallo
Nefeli
Secondoprotocollo
Nessunotocchisaddam
Pragmi
Rigitans
Alessandro
Formamentisblog
Corso di traduzione letteraria
Filosofia del web
Mediamente
Psicopolis
Blog cognitivismo
Dswelfare
Caffeeuropa
Stefano Borselli
Domenico De simone
Andrea Agostini
democrazia diretta
Finkelstein
Movisol
Società e conflitto
menoStato
Settantasette
la Cia
misteri e cospirazioni
Globalizzazione
Centroimpastato
Tugan Baranovsky
Wright su reddito garantito
Contro il lavoro
Assenteismo e operai
Auschwitz e il marxismo
Cestim migrazioni
Salute naturale
Signoraggio
Umanitànova
Crisi della liquidità
Cooperazione tra cervelli
La Grassa su Bettelheim
Marx e Lange
Gramsci e la globalizzazione
Marx e la crisi
Prc quinto Congresso
Lessico gramsciano
Il virus inventato
Lotte disoccupati francesi
Biospazio
Storia nonviolenza
Tax justice network
Marx e la crisi
Seminari della controra
Valori e prezzi
Veti Usa a risoluzioni Onu
Anarchici
Nuovi mondi media
Stele e cartigli egizi
Libro dei morti
Egitto
Egitto2
Egitto3
Egitto4
Egitto5
Storia delle Brigate Rosse
Guide di Dada net
Aljazira.it
Arab monitor
Il Giornale
Cultura cattolica
Il denaro
Aldo Pietro Ferrari
Asianews
Storia della birra
Storia contemporanea
Dossier Legge Biagi
Ateneonline

Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom