.
Annunci online

  pensatoio passeggiate per digerire l'attuale fase storica
 
Diario
 


 

 

Sono marxista

 




Darfur Day

Annuncio Pubblicitario

gaza_black_ribbon






sotto la media l'Italia arranca, con questi media l'Italia crepa







  


        
Articoli di filosofia

Il futuro delle filosofie
http://www.italonobile.it/Il%20futuro%20delle%20filosofie.htm

L'argomentazione apagogica sulla verità in Vittorio Hosle
http://www.italonobile.it/Esiste%20verità.htm

Pensiero di Pensiero...
http://www.italonobile.it/pensiero%20di%20pensiero.htm

La teoria delle descrizioni definite di Bertrand Russell

La x è solo un segno ?

Dall'assenza del segno al segno dell'assenza

Dallo zero alla variabile


Frege e la negazione

Frege e l'esistenza

Senso e denotazione in G. Frege

Concetto e Oggetto in G. Frege

Frege e la logica

Frege e il pensiero

Concetto e rappresentazione in G.Frege

Funzione e concetto in G. Frege

Il senso e la denotazione dei concetti in Frege

La connessione dei concetti in Frege

Ontologia del virtuale
http://www.italonobile.it/Ontologia%20del%20virtuale.htm

L'eliminazione della metafisica di R. Carnap

Conoscenza e concetto in M. Schlick

Schlick e la possibilità di altre logiche

Tempo e spazio in Schlick

Schlick e le categorie kantiane

Apparenza e realtà in Schlick

Concetti e giudizi in Schlick

Analitico e sintetico in Schlick

Evidenza e percezione in Schlick

Giudizio e conoscenza in Schlick

Il reale secondo Schlick

La critica di Schlick all'intuizione

Definizioni e sistemi formali in Schlick

La logica in Schlick

La verificazione in Schlick

La verità in Schlick

Lo scetticismo nell'analisi secondo Schlick

Lo scopo della conoscenza in Schlick

Logico e psicologico in Schlick

L'unità di coscienza secondo Schlick

Schlick e la svolta della filosofia

Schlick e l'induzione

Matematica e realtà in Schlick


Alexius von Meinong e la teoria dell'oggetto


Bernard Bolzano e una logica per la matematica

Contenuto e oggetto in Kazimierz Twardowski

Jean Piaget e la conservazione delle quantità continue

L'attualità di Feyerabend

Sul Gesù storico
http://www.italonobile.it/La%20spartizione%20delle%20vesti.htm

La coscienza secondo Thomas Nagel
http://www.italonobile.it/la%20doppia%20vita%20del%20conte%20Dracula.htm

Filosofia e visione
http://www.italonobile.it/l'immagine%20della%20filosofia.htm
http://pensatoio.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=614562

Ermeneutica della luce e dell'ombra
http://www.italonobile.it/all'ombra%20della%20luce.htm
http://pensatoio.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=614557

Il test di Fantuzzing: mente e società
http://www.italonobile.it/Test%20di%20Fantuzzing.htm

Metafisica oggi
http://www.italonobile.it/metafisica.htm

La merce in Marx

Una teoria marxista della crisi : un primo livello di riflessione


Globalizzazione economica e giuridica
http://www.italonobile.it/globalizzazione.htm
http://pensatoio.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=615609

Guerra, marxismo e nonviolenza
http://www.italonobile.it/Guerra,%20marxismo%20e%20non%20violenza.htm
http://pensatoio.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=615613

Utopia e stato d'eccezione
http://www.italonobile.it/utopia%20e%20stato%20d'eccezione.htm
http://pensatoio.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=622445

Il reddito di cittadinanza
http://www.crisieconflitti.it/public/Nobile1.pdf

Keynes da un punto di vista marxista

Appunti marxiani 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10



STORIA DEI NUMERI E DELLE CIFRE NUMERICHE
http://www.italonobile.it/genealogia%20della%20matematica.htm

La comunicazione nel linguaggio scientifico e la filosofia

 http://pensatoio.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=614558



Lemmi Wikipedia da me integrati
Alexius Meinong
Bernard Bolzano
Storia dei numeri
Sistema di numerazione
Sistema di numerazione cinese
Sistema di numerazione maya


Il Capitale di Marx e altro
1 2  3  4  6  7  8  9
10  11  12  13  14  15  
16  17  18  19  20  21
22  23  24  25  26  27
28  29  30  31  32 

 

Dibattito su Emiliano Brancaccio
1 2 3

Quelli che la crisi l'avevano prevista

Cazzari Nobel

Le molte cazzate del Nobel cazzaro

 

DISCLAIMER (ATTENZIONE):
l'Autore dichiara di non essere
responsabile per i commenti
inseriti nei post. Eventuali
commenti dei lettori, lesivi
dell'immagine o dell'onorabilità
di persone terze non sono da
attribuirsi all'Autore, nemmeno se
il commento viene espresso
in forma anonima o criptata.







16 marzo 2008

No dal Molin alle elezioni comunali

 

È stato un dibattito lungo, a tratti difficile, decisamente molto partecipato. Riunioni accanto al fuoco, anche fino a tarda notte. Al presidio permanente no Dal Molin da due mesi si discute delle prossime elezioni comunali. «Un evento - dice Marco - che attraversa la città, che riguarda la città, con il quale piaccia o non piaccia bisognava rapportarsi, misurarsi». E scegliere. Decidere se stare dentro o stare fuori. Se ignorare l'evento (ma l'ipotesi è stata scartata fin da subito) o se invece ragionare (e questa è stata alla fine l'idea prevalente) su come affrontarlo. Dicendo la propria, ascoltando e facendosi ascoltare, mantenendo indipendenza e autonomia, .
Alla fine una decisione è stata presa: il presidio no Dal Molin parteciperà alle elezioni comunali con una propria lista, un proprio simbolo, un proprio candidato sindaco. La lista si chiamerà «Vicenza libera» e più eloquente di così non poteva essere. Il dibattito però non è concluso. Anzi, è soltanto all'inizio. E dal presidio viene rilanciato al movimento in tutta Italia. Perché il nodo da sciogliere rimane quello di come stare nelle istituzioni pur rifiutando il principio della delega. Non un percorso facile, ma certamente un percorso che si vuole condiviso. Se ci saranno consiglieri eletti non saranno portavoce e nemmeno «delegati», saranno piuttosto uno strumento in più per la comunità. In altre parole i candidati del presidio non chiederanno una delega ai cittadini, ma si metteranno a disposizione dei cittadini, non tanto e non solo per portare in consiglio comunale le eventuali istanze, gli input provenienti dall'esterno. L'obiettivo è quello di continuare a lavorare insieme. Chi sta dentro cercherà di capire come far avanzare le istanze che provengono dall'esterno, di quali strumenti si potrà dotare il fuori.
«E' chiaro - dice Marco - che il dibattito rischiava e continua a rischiare di essere appiattito su schemi tradizionali, lista sì o lista no, il movimento che entra nelle istituzioni e quindi perde o rinuncia a qualcosa. Inizialmente - continua Marco - anche nelle nostre riunioni si affrontava la questione con lenti antiche. Ma più il tempo passava, più si facevano assemblee, più si è cominciato a capire che bisognava fare un salto in avanti, uscendo dalle vecchie logiche per traslare invece le nostre pratiche anche all'interno delle istituzioni». Assemblea dopo assemblea, intervento dopo intervento, sempre più si è fatta strada la consapevolezza che in gioco non c'era la «verginità» del movimento. Più che altro si trattava di capire se «le elezioni comunali potevano essere usate come opportunità, come occasione. Una sfida certamente - sottolinea Marco - ma vogliamo provare a scardinare e modificare i meccanismi della rappresentanza tradizionale che è in crisi». Provare a rompere, dunque, un meccanismo per portare anche all'interno delle istituzioni le pratiche che hanno attraversato e caratterizzato il movimento no dal Molin, e non solo quello. Il tentativo allora è quello di provare un percorso, sperimentare. Per dimostrare che la delega non è l'unica soluzione possibile. Anzi, l'ambizione è proprio quella di far vedere che la comunità può lavorare nelle e con le istituzioni senza soluzione di continuità, un osmotico scambio. Dove non c'è distinzione tra il «dentro» e il «fuori». Lo ricorda Francesco, «l'esperienza dell'Altro Comune per noi è importante. Non sappiamo ancora bene come renderla pratica in un'arena politica già costituita, ma ci proveremo». Perché lo scopo è quello di «rompere un perimetro, usare il terminale comune come strumento di lotta».
E' chiaro che la strada è tutta in salita. Altri movimenti, in altre parti d'Italia (pensiamo al capofila delle lotte in corso, il popolo no Tav), hanno fatto scelte diverse. E a questi movimenti i no Dal Molin si rivolgono per aprire un dibattito, chiedono di confrontare pareri, opinioni. Collaborazione anche nell'elaborazione di un percorso che è ancora tutto da scrivere. Qualche idea c'è già. Per esempio, tanto per provare a tradurre in pratica i molti interventi «teorici» delle assemblee: se un quartiere vuole una pista ciclabile, l'idea dei no Dal Molin è quella non di chiedere all'eventuale consigliere di fare pressioni in consiglio per realizzarla. Armato di vernice gialla e pennello, il consigliere, con i cittadini andrà a dipingersela quella pista ciclabile. Le assemblee sono state davvero molto partecipate, a testimonianza di quanto comunque questo tema delle elezioni comunali sia sentito. Il presidio a un certo punto si è fatto «assemblea permanente» proprio per fare in modo che tutti potessero esprimersi. C'erano anche trenta interventi a serata. Giorno dopo giorno, sera dopo sera «ci siamo riuniti in piccoli gruppi per ragionare, discutere, elaborare». Adesso si è entrati nella fase operativa, da una parte c'è la preparazione delle liste e dall'altra l'elaborazione del percorso da seguire. E poiché ascoltare è il tratto distintivo della «piazza presidio», in questi giorni in cui con trenta gazebo sparsi per la città si raccoglievano le firme di solidarietà con i «presidianti» denunciati per l'occupazione della prefettura, si è chiacchierato e chiesto pareri con le migliaia di cittadini che passavano e si fermavano a esprimere la loro solidarietà. E' stato distribuito anche un questionario per capire come la città percepisce il presidio e l'eventualità di un ingresso in consiglio comunale. Sono tornati alla base ben tremila questionari compilati. Tanto per dire, alle primarie per il partito democratico hanno votato circa tremila persone. La maggioranza degli interpellati vede con favore un impegno del presidio anche in comune. «Abbiamo voluto - dice Cinzia Bottene - interpellare la città, perché decidere insieme è stato sempre il nostro modo di fare politica. E' un modo faticoso - insiste Bottene - ma affascinante. Vogliamo portare il nostro contributo anche all'interno delle istituzioni, diventando strumento per i cittadini che hanno seguito il nostro approccio: oltre alla critica bisogna anche saper costruire. Questa è la sfida che ci troviamo di fronte».

(Orsola Casagrande)


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. No dal Molin Nato Vicenza Sinistra elezioni

permalink | inviato da pensatoio il 16/3/2008 alle 7:31 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


16 marzo 2008

La Sinistra e il Veneto

 "Oui, se puede»: l'impagabile titolo del manifesto di ieri ricorda, con l'esito delle elezioni spagnole e francesi, che le lingue in cui si può dire la propria speranza politica sono molte, e altrettante le realtà sociali e civili da interpretare ed esprimere in un progetto politico e in un programma di governo. Esattamente ciò che non accade, o non abbastanza, qui nel Nordest, dove Pd e Sinistra Arcobaleno confermano, in questo frangente elettorale e in questa congiuntura sociale ed economica, la propria difficoltà, in certi casi la propria cronica incapacità e perfino la non volontà, di capire cosa sta accadendo. Quei limiti di lettura che Marco D'Eramo notava ieri a proposito di sondaggi italiani disancorati dalla realtà effettiva, a differenza di quelli usati nella corsa alle presidenziali Usa che sono sempre ricondotti alla composizione sociale, di genere, di generazione, di etnia, di territorio eccetera, tali limiti, sono qui a Nordest, se possibile, ancora più evidenti e segnano tutto l'approccio della politica.
Galan e la Lega capiscono a intuito la realtà, come pesci che nuotano nell'acqua propria. La sinistra sembra invece non capirla e cerca a volte di superare lo spiazzamento e l'imbarazzo con gesti sopra le righe. Prendiamo il caso della discussa candidatura di Massimo Calearo nel Pd. Il messaggio che si vorrebbe mandare è forte, perché il vicentino ex leader di Federmeccanica è un candidato che molti, qui nel Veneto, mai si sarebbero aspettati di vedere nel centrosinistra. E tuttavia si tratta di una scelta che non coglie il cuore della questione della rappresentanza dei veri mondi vitali che distinguono oggi, nell'impresa e nel lavoro, nella società e nella comunità locale a Nordest. Quest'area del paese, come riassume benissimo Aldo Bonomi in un saggio di estrema lucidità contenuto nell'importante volume La questione settentrionale. Economia e società in trasformazione, da poco edito a cura di Giuseppe Berta dalla Fondazione Feltrinelli, dopo la sua emersione e assunzione a «modello» avvenuta negli ultimi due decenni (in parallelo alla disarticolazione del «triangolo industriale» a Nordovest), vive una nuova effervescente stagione di cambiamenti dei quali è protagonista quella «geocomunità» in cui ormai prevale una sorta di «capitalismo personale» che assume il territorio come «elemento imprescindibile di sviluppo» in una nuova e stringente dialettica tra reti locali e flussi globali.
Le cose, in realtà, forse non sono ancora così compiute come le descrive Bonomi, certo per fissarne meglio le tendenze fondamentali, ma la sua analisi illumina bene il passaggio di fase in cui siamo. La candidatura di Calearo, tornando all'episodio elettorale, non può intercettare che molto parzialmente le domande politiche e di rappresentanza della nuova composizione. E', però, un tentativo forte ed esplicito in tale direzione. A sinistra, invece, non c'è ancora quasi nessun tentativo di capire e rappresentare questa comunità in trasformazione. Nel migliore dei casi, ci si limita apprezzabilmente a tentare di rappresentare il disagio e la protesta di talune componenti, senza però nemmeno dar loro, nella circostanza elettorale, visibilità e peso adeguati. Le liste dei candidati in loco, appena rigidamente compilate a Roma, sono infatti di desolante estraneità e, vien da dire, di irridente ostilità, al contesto regionale. E però, dopo le poliglotte esortazioni pre-elettorali, la sera del 14 aprile la vera domanda sarà, con la lingua del Marco Paolini gran poeta del rugby, «Chi gà vinto»?

(Gianfranco Bettin)


sfoglia     febbraio        aprile
 

 rubriche

Diario
Filosofia
Politica
Articoli
deliri
Schegge
Ontologia
Epistemologia
Storia
Ermeneutica
Conto e racconto
Comunismo

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

italo nobile
Periecontologia
blog filosofia analitica
porta di massa (filosofia)
Crisieconflitti
Blog di crisieconflitti
Rescogitans
Spettegolando
Being and existence
Josiah Royce
filosoficonet
Russell on proposition
Wittgenstein against Russell
Landini on Russell
Kalam argument
Internet enciclopedy of philosophy
Sifa
swif
Moses
Grayling
Bas Van Fraassen
Gilbert Harman
Nordic journal of Philosophical logic
Paideia Project
Ousia
Diogene : filosofare oggi
formamentis
riflessioni
Articoli filosofici
Ancient Philosophy
Dialegesthai
Hegel in MIA
MIA . risorse filosofiche
Gesù e la storia
piergiorgio odifreddi
renato palmieri
Dizionario sanscrito
Lessico aramaico
Cultura indù
Lessico indiano
Mitologie
Egittologia
Archeogate
Popoli antichi
Antichi testi cristiani
Bibbia
Testi biblici e religiosi
Agiografia
Eresie
Critica della Bibbia
Psychomedia
Rabindranath Tagore
La Pietà di Michelangelo
Sapere
google
Wikipedia
Libri in commercio
google traduttore
libri su google
Emiliano Brancaccio
Libri in commercio2
Dispense
crisieconflittiblog
l'ernesto
Essere comunisti
manifesto
Liberazione
Proteo Vasapollo
Appello degli economisti
Krisis
Rivista del Manifesto
n+1
Temi marxisti
Ripensare Marx
Gianfranco La Grassa
Ripensare Marx 2
Costanzo Preve
CriticaMente
Mercati esplosivi
Intermarx
Archivio marxista
35 ore
Gianfranco Pala
Contraddizione
falcemartello
Comunisti internazionalisti
Comedonchisciotte
Che fare
Teoria critica libertaria
Bellaciao
Anarcocomunisti
Informationguerrilla
Scambio senza denaro
Chaos
Guerra globale
Peacelink
Altraeconomia
Brianza popolare
indymedia napoli
Partito comunista internazionale
Prometeo
Giano
Cervetto
Rivoluzione comunista
P.C.internazionale (sinistra)
Teoria e prassi
Contropiano
Mazzetti
mazzetti2
vis a vis
Rotta comunista
Erre
Indymedia lavoro
Il pane e le rose
Articoli neweconomy
Noam Chomsky
Malcom X economia
La Voce.info
Z-Anarchismo
Iura Gentium
Domenico Gallo
Articolo 21
ansa
Openpolis
Asca (agenzia stampa)
Repubblica
Corriere della Sera
Adnkronos
Agenzia giornalistica italiana
Il Foglio
Informazioni on line
Rapporto Amnesty
Governo italiano
Inail
Avvisatore Parlamento
Inps
Istat
Censis
Rete no-global
Greenpeace
Utopie
Associazione pro Cuba
Rassegna stampa
Rassegna sindacale
Lucio Manisco
Nonluoghi
Osservatorio Balcani
Comunisti italiani
Rifondazione
Peace reporter
Centroimpastato
Democrazia e legalità
Società civile
Beppe Grillo
Alternative
Un mondo possibile
Laboratori di società
Antiutilitarismo
Mediawatch
Megachip
Le monde diplomatique
Report
Forum Palestina
Il filo rosso
Il Dialogo
Giulietto Chiesa
Guerraepace
Namaste
NensVisco Bersani
Unità
Sinistri progetti
Socialpress
Cafebabel
Terreliberedallamafia
Maria Turchetto
Carta
Carmilla
Lettera internazionale
Jacopo Fo
Globalproject
Attac
Anarchivio
Resistenze
Micromegas
Sbilanciamoci
War news
Tobin tax
Un ponte per
Uruknet
Lettera 22
Rainews
Reti invisibili
Centomovimenti
Euronews
Nidil Cgil
Chain workers
Cani sciolti
Ivan Ingrilli (sanità)
Sanità mondiale
Almanacco dei misteri
Rapporto Amnesty
Diritto del lavoro
Atlante geopolitico
Criticamente
Disinformazione
istitutobrunoleoni
Statistiche Bankit
Debitopubblico
Economia politica
Rasegna stampa economia
Dizionario economia
Cnel
formazionelavoratori
Confcommercio
Affari esteri
Teocollectorborse
Businessonline
Linneo economia
Economia e società aperta
Statistiche annuario ferrarese
Eures
Cgil Lombardia
Fondazione Di Vittorio
Fai notizia
Luogo comune
Zoopolitico
ok notizie
Wikio
La mia notizia
Youtube
Technorati
Blog
Answers
La leva di Archimede
Eguaglianzaelibertà
Liberanimus
Link economici
campioni pugilato
All words (dizionari)
Babelfish traduttore
Dieta
Cucina 2 : Buonissimo
Calorie
Cucina
Primi piatti
Dieta 2
Last minute
Dica 33
Schede medicinali
Dizionario etimologico
Dizionari
E-testi
Foto da internet
Ferrovie dello Stato
La Gazzetta dello Sport
Incucina
Cucina napoletana
Tabelle nutrizionali
Altalex
Pagine bianche
Calcola inflazione e interessi
Film Tv
Fuoco
Studium
Amica Mia di Pigura
prc valdelsa
Siddhartino
Altromedia
Trashopolis
lotte operaie nel mondo
vulvia
Korvo Rosso
La tela di Penelope
Conteoliver
Mario
Cloroalclero
Fronesis
Il mondo di Galatea
Polpettine
Tisbe
Lameduck
aiuto
Daciavalent
Arabafenice
Batsceba
Pibua
Guevina
Vietato cliccare
Cattivomaestro
Khayyamsblog
Francesco Nardi
Alex321
Ciromonacella
Comicomix
Devarim
Raccoon
La grande crisi del 2009 (cronache)
Giornalettismo
Zio Antonio
Radioinsurgente
Garbo
Vita da St(r)agista
sonolaico
serafico
jonathan fanesi
Valhalla
Millenniumphoenix
gianfalcovignettista
occhidaorientale
Undine
Capemaster
Mimovo
antonio barbagallo
Nefeli
Secondoprotocollo
Nessunotocchisaddam
Pragmi
Rigitans
Alessandro
Formamentisblog
Corso di traduzione letteraria
Filosofia del web
Mediamente
Psicopolis
Blog cognitivismo
Dswelfare
Caffeeuropa
Stefano Borselli
Domenico De simone
Andrea Agostini
democrazia diretta
Finkelstein
Movisol
Società e conflitto
menoStato
Settantasette
la Cia
misteri e cospirazioni
Globalizzazione
Centroimpastato
Tugan Baranovsky
Wright su reddito garantito
Contro il lavoro
Assenteismo e operai
Auschwitz e il marxismo
Cestim migrazioni
Salute naturale
Signoraggio
Umanitànova
Crisi della liquidità
Cooperazione tra cervelli
La Grassa su Bettelheim
Marx e Lange
Gramsci e la globalizzazione
Marx e la crisi
Prc quinto Congresso
Lessico gramsciano
Il virus inventato
Lotte disoccupati francesi
Biospazio
Storia nonviolenza
Tax justice network
Marx e la crisi
Seminari della controra
Valori e prezzi
Veti Usa a risoluzioni Onu
Anarchici
Nuovi mondi media
Stele e cartigli egizi
Libro dei morti
Egitto
Egitto2
Egitto3
Egitto4
Egitto5
Storia delle Brigate Rosse
Guide di Dada net
Aljazira.it
Arab monitor
Il Giornale
Cultura cattolica
Il denaro
Aldo Pietro Ferrari
Asianews
Storia della birra
Storia contemporanea
Dossier Legge Biagi
Ateneonline

Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom