.
Annunci online

  pensatoio passeggiate per digerire l'attuale fase storica
 
Diario
 


 

 

Sono marxista

 




Darfur Day

Annuncio Pubblicitario

gaza_black_ribbon






sotto la media l'Italia arranca, con questi media l'Italia crepa







  


        
Articoli di filosofia

Il futuro delle filosofie
http://www.italonobile.it/Il%20futuro%20delle%20filosofie.htm

L'argomentazione apagogica sulla verità in Vittorio Hosle
http://www.italonobile.it/Esiste%20verità.htm

Pensiero di Pensiero...
http://www.italonobile.it/pensiero%20di%20pensiero.htm

La teoria delle descrizioni definite di Bertrand Russell

La x è solo un segno ?

Dall'assenza del segno al segno dell'assenza

Dallo zero alla variabile


Frege e la negazione

Frege e l'esistenza

Senso e denotazione in G. Frege

Concetto e Oggetto in G. Frege

Frege e la logica

Frege e il pensiero

Concetto e rappresentazione in G.Frege

Funzione e concetto in G. Frege

Il senso e la denotazione dei concetti in Frege

La connessione dei concetti in Frege

Ontologia del virtuale
http://www.italonobile.it/Ontologia%20del%20virtuale.htm

L'eliminazione della metafisica di R. Carnap

Conoscenza e concetto in M. Schlick

Schlick e la possibilità di altre logiche

Tempo e spazio in Schlick

Schlick e le categorie kantiane

Apparenza e realtà in Schlick

Concetti e giudizi in Schlick

Analitico e sintetico in Schlick

Evidenza e percezione in Schlick

Giudizio e conoscenza in Schlick

Il reale secondo Schlick

La critica di Schlick all'intuizione

Definizioni e sistemi formali in Schlick

La logica in Schlick

La verificazione in Schlick

La verità in Schlick

Lo scetticismo nell'analisi secondo Schlick

Lo scopo della conoscenza in Schlick

Logico e psicologico in Schlick

L'unità di coscienza secondo Schlick

Schlick e la svolta della filosofia

Schlick e l'induzione

Matematica e realtà in Schlick


Alexius von Meinong e la teoria dell'oggetto


Bernard Bolzano e una logica per la matematica

Contenuto e oggetto in Kazimierz Twardowski

Jean Piaget e la conservazione delle quantità continue

L'attualità di Feyerabend

Sul Gesù storico
http://www.italonobile.it/La%20spartizione%20delle%20vesti.htm

La coscienza secondo Thomas Nagel
http://www.italonobile.it/la%20doppia%20vita%20del%20conte%20Dracula.htm

Filosofia e visione
http://www.italonobile.it/l'immagine%20della%20filosofia.htm
http://pensatoio.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=614562

Ermeneutica della luce e dell'ombra
http://www.italonobile.it/all'ombra%20della%20luce.htm
http://pensatoio.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=614557

Il test di Fantuzzing: mente e società
http://www.italonobile.it/Test%20di%20Fantuzzing.htm

Metafisica oggi
http://www.italonobile.it/metafisica.htm

La merce in Marx

Una teoria marxista della crisi : un primo livello di riflessione


Globalizzazione economica e giuridica
http://www.italonobile.it/globalizzazione.htm
http://pensatoio.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=615609

Guerra, marxismo e nonviolenza
http://www.italonobile.it/Guerra,%20marxismo%20e%20non%20violenza.htm
http://pensatoio.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=615613

Utopia e stato d'eccezione
http://www.italonobile.it/utopia%20e%20stato%20d'eccezione.htm
http://pensatoio.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=622445

Il reddito di cittadinanza
http://www.crisieconflitti.it/public/Nobile1.pdf

Keynes da un punto di vista marxista

Appunti marxiani 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10



STORIA DEI NUMERI E DELLE CIFRE NUMERICHE
http://www.italonobile.it/genealogia%20della%20matematica.htm

La comunicazione nel linguaggio scientifico e la filosofia

 http://pensatoio.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=614558



Lemmi Wikipedia da me integrati
Alexius Meinong
Bernard Bolzano
Storia dei numeri
Sistema di numerazione
Sistema di numerazione cinese
Sistema di numerazione maya


Il Capitale di Marx e altro
1 2  3  4  6  7  8  9
10  11  12  13  14  15  
16  17  18  19  20  21
22  23  24  25  26  27
28  29  30  31  32 

 

Dibattito su Emiliano Brancaccio
1 2 3

Quelli che la crisi l'avevano prevista

Cazzari Nobel

Le molte cazzate del Nobel cazzaro

 

DISCLAIMER (ATTENZIONE):
l'Autore dichiara di non essere
responsabile per i commenti
inseriti nei post. Eventuali
commenti dei lettori, lesivi
dell'immagine o dell'onorabilità
di persone terze non sono da
attribuirsi all'Autore, nemmeno se
il commento viene espresso
in forma anonima o criptata.







9 novembre 2011

Lettera alla Cgil : lo standard retributivo europeo (una interessante proposta di Emiliano Brancaccio)

Un'altra possibile riforma che andrebbe fatta secondo sia Brancaccio che Bruno Bosco è quella di arrivare, attraverso un accordo con la nuova amministrazione USA e con le maggiori piazze finanziarie mondiali ad un’Imposta Europea sulle Transazioni Finanziarie, realizzata all’interno dei singoli mercati nazionali indipendentemente dalla divisa in cui avvengono le transazioni. Questa riprenderebbe l’idea fondamentale di tassare, in misura da valutare con prudenza ma senza timori reverenziali, il controvalore degli scambi finanziari in modo da incidere prevalentemente sui contratti e sugli strumenti finanziari di più accentuato contenuto speculativo. Tale misura avrebbe la finalità di contribuire alla stabilizzazione dei mercati e di raccogliere sul territorio europeo un significativo gettito da finalizzare all’aumento del budget dell’Unione.

 

 

Tuttavia la vera e propria riforma a livello europeo è quella proposta da Emiliano Brancaccio di uno standard retributivo europeo, per il quale le retribuzioni salariali si devono collegare alla produttività del lavoro di un paese in modo che i paesi più produttivi abbiano salari più alti e si aprano maggiormente alle importazioni, favorendo il riequilibrio e le bilance commerciali dei paesi europei più deboli (oltre che alla produttività del lavoro i salari vanno poi collegati proprio alla bilancia commerciale, causando un ulteriore effetto correttivo ed equilibratore). Anche qui la Germania è un fattore frenante e non tiene conto delle possibili catastrofiche conseguenze di un suo rifiuto, avendo essa sempre basato la sua politica economica sulla relativa moderazione salariale interna (rispetto cioè alla sua produttività: nel 1996 i consumi delle famiglie rappresentavano il 57,3% del Pil mentre nel 2009 erano il 56%) e sull’economia orientata alle esportazioni.  A questo proposito Emiliano Brancaccio evidenzia come tra il 2000 ed il 2010 le retribuzioni nominali sono cresciute in Germania dell’11,5% contro il 32,4% dell’Italia, le retribuzioni reali sono cresciute in Germania dello 0,5% mentre in Italia del 4,4% ed infine il costo nominale del lavoro per unità prodotta è cresciuto del 6% in Germania e del 32,3% in Italia. 

Una riforma come lo standard retributivo europeo per avere qualche speranza di attuazione presuppone però una iniziativa sindacale coordinata appunto a livello europeo. La Cgil più che puntare all’unità del sindacato italiano deve promuovere un coordinamento con altre sigle sindacali di altre nazioni europee: l’obiettivo deve essere uno sciopero che abbia una dimensione sovranazionale. Poiché l’orizzonte temporale è breve bisogna concentrare le energie in questa direzione e mettere gli altri sindacati europei di fronte alla necessità di una scelta che sinora hanno sempre evitato. Sarebbe il caso ad es. che durante le iniziative della Cgil ci sia sempre uno striscione, grande abbastanza da essere visto anche dall’alto, che reciti “Merkel, aumenta i salari tedeschi!”.

 

 


22 marzo 2011

Non esiste disoccupazione volontaria

La teoria neoclassica parla di disoccupazione volontaria in quanto i lavoratori  giudicavano la disutilità del lavoro maggiore dell’utilità del salario, o perché in seguito ad accordi i lavoratori decidevano limitando così la concorrenza di non accettare salari al di sotto di un limite prefissato. In entrambi i casi la disoccupazione era definibile come volontaria. Infatti sarebbe stato sufficiente valutare in modo diverso la disutilità del lavoro oppure abbassare il livello minimo contrattuale, per indurre un aumento della domanda di lavoro degli imprenditori e ridurre così la disoccupazione ad un minimo trascurabile derivante dagli attriti connessi al ricambio di manodopera.

 

 

In realtà il primo caso (la disutilità del lavoro maggiore dell’utilità del salario) è un caso quasi impossibile in quanto il salario non dovrebbe nemmeno garantire quel pacchetto di beni necessario alla riproduzione della forza lavoro. Dunque si tratta di un’ ipotesi puramente immaginaria. E anche nel caso in cui il salario non garantisce tale pacchetto, comunque il disoccupato tende a lavorare in cambio di una parte di salario sufficiente (ripromettendosi di procurarsi in altro modo quel che manca). Solo se il disoccupato ha un’altra fonte di reddito o si riesce a procurare in altra maniera il pacchetto di beni necessario alla sua riproduzione, allora si ha un rifiuto del lavoro. In questo caso però non ci sarebbe disoccupazione ma inoccupazione oppure lavoro nero. In entrambi i casi ci troviamo di fronte comunque ad un problema sociale consistente in una inadeguata domanda (il lavoro mero è meno remunerato) e in una illegalità del mercato del lavoro.

Più realistica è l’ipotesi degli accordi con cui non si accettano salari al di sotto di un minimo prefissato. Ma parlare di volontarietà in questo caso è un marchiano errore logico. La disoccupazione volontaria presuppone la volontarietà di chi rimane disoccupato e non quella dei lavoratori che non accettano un salario minore di un limite prefissato.

E pure dire che si tratti dei lavoratori garantiti che non consentono l’ingresso dei disoccupati non è del tutto corretto. Infatti l’occupazione è il risultato del rapporto tra il livello salariale e il fondo salari disponibile. Se il livello salariale dipende dalla volontà dei lavoratori, il fondo salariale disponibile dipende dalla volontà dei datori di lavoro. Sbaglia quindi a questo proposito anche Keynes quando dice che il volume dell’occupazione dipenda solo da un certo livello dei salari reali. Egli considera, così dicendo, il fondo salari disponibile come un valore dato incontrovertibilmente, mentre dipende dalle scelte di investimento dell’imprenditore e dalla composizione organica di capitale che quest’ultimo vuole impostare.

 

 


21 marzo 2011

Uno standard retributivo europeo secondo Emiliano Brancaccio

L’articolo di Emiliano Brancaccio su uno standard retributivo europeo è l’ultimo contributo sinora dato da questo giovane economista che con sagacia ed acutezza cerca di ricostruire una concezione economica per la sinistra radicale, sintetizzando elementi della scuola post-keynesiana e della tradizione marxista.

In questo articolo Brancaccio nota che sembra oggi molto ingenua la concezione di Blanchard e Giavazzi per i quali l’ampliamento degli squilibri commerciali tra paesi europei sia un sintomo virtuoso della maggiore integrazione finanziaria della zona euro. Sembra infatti prendere quota un’altra lettura per la quale la crisi dell’unità europea non deriva solo da finanze pubbliche sbilanciate, ma ad uno squilibrio nei rapporti di debito e credito tra i paesi della UE.

Esiste cioè una profonda asimmetria tra economie forti ed economie deboli dell’area,  asimmetria che determina surplus crescenti per la Germania a fronte di deficit commerciali sistematici per i paesi periferici dell’UE. Tale squilibrio può essere una minaccia per la futura tenuta dell’unione monetaria.

 

 

 

La causa di questi squilibri potrebbe essere una divergenza tra i costi del lavoro per unità prodotta tra i vari paesi dell’unione. L’economista Charles Wyplosz ha respinto questa spiegazione dicendo che il cambiamento relativo del costo unitario del lavoro della Germania (anche se è vero che i salari sono cresciuti pochissimo rispetto alla produttività) non ha quasi mai superato i 10 punti percentuali. Data la bassa elasticità delle bilance commerciali ai costi del lavoro, Wyplosz conclude che le variazioni di questi ultimi sono state troppo modeste per rientrare tra le determinanti principali degli squilibri intra-europei.

Brancaccio però osserva che, se il problema consiste nel verificare la robustezza della zona euro di fronte all’eventualità di nuovi attacchi speculativi, allora si deve tener presente che gli operatori sui mercati finanziari elaborano le loro strategie anche alla luce degli andamenti attesi delle principali variabili economiche. Dunque si dovrebbe tener conto non solo degli squilibri commerciali già registrati, ma anche dei fattori che possono concorrere ad accentuarli ulteriormente in futuro.

Guardando alla proiezione delle tendenze in atto per gli anni futuri, la divaricazione tra i costi unitari del lavoro assumerebbe ben presto dimensioni eccezionali. In particolare, il costo unitario del lavoro in Germania diminuirebbe, mentre ci sarebbero incrementi estremamente accentuati in Irlanda, Spagna, Italia, Grecia e Portogallo. Probabilmente si genereranno divari di competitività senza precedenti con una mezzogiornificazione delle periferie europee, con desertificazioni produttive e migrazioni di massa.

Vi è chi ritiene questa eventualità una conseguenza logica del processo di centralizzazione dei capitali europei che è in atto da tempo e della connessa tendenza all’egemonizzazione tedesca dell’Europa.

Per Brancaccio il secondo limite dell’analisi di Wyplosz verte sul fatto che egli esamina le divergenze tra i costi unitari guardando soltanto ai loro effetti sui prezzi relativi e quindi sulla competitività dei paesi della zona euro. Egli cioè trascura il fatto che i mutamenti nei costi monetari unitari possono avere implicazioni anche sui margini di profitto e quindi sulla distribuzione del reddito. Se in Germania il costo monetario del lavoro per unità prodotta si riduce può accadere che le imprese tedesche decidano di ridurre i prezzi ma può anche darsi che scelgano di aumentare i margini di profitto. Se si fa questa seconda scelta, la quota salari si riduce e la quota profitti aumenta. Poiché la propensione al consumo sui salari è più alta della propensione al consumo sui profitti, si verificherà in Germania un calo della domanda e delle importazioni e quindi un ulteriore aumento del surplus commerciale tedesco.

Si può contrastare questa tendenza ? Quale meccanismo può arrestare l’ampliamento della forbice tra i costi ? Attualmente in Europa vige ancora l’idea che il mercato da solo sia in grado di correggere spontaneamente gli squilibri. Si esorta ad accrescere ulteriormente nei paesi più deboli la flessibilità del mercato del lavoro e ad abolire ciò che resta dell’indicizzazione dei salari. Brancaccio però commenta che questo inseguimento della Germania nella corsa al ribasso dei costi non ha né può mai attenuare gli squilibri, ma al massimo può far piombare l’Europa in un uova recessione.

Brancaccio perciò propone uno standard retributivo europeo e cioè l’obbligo dei paesi membri dell’unione europea a garantire una crescita delle retribuzioni reali (includendo beni e servizi collettivi garantiti dallo stato sociale) almeno uguale alla crescita della produttività del lavoro. In questo modo s’interromperebbe la caduta della quota salari in Europa e si eliminerebbe la tendenza recessiva che da essa consegue. Al di sopra della crescita minima lo standard legherebbe la crescita delle retribuzioni reali agli andamenti delle bilance commerciali : i paesi caratterizzati da surplus commerciale sistematico dovrebbero essere indotti ad accelerare la crescita delle retribuzioni rispetto alla crescita della produttività, al fine di contribuire all’assorbimento degli avanzi con l’estero. I paesi nei quali gli andamenti del rapporto tra retribuzioni reali e produttività fossero divergenti rispetto allo standard dovrebbero essere sottoposti a sanzioni.

Brancaccio conclude che la sua proposta di standard retributivo segue la lezione keynesiana secondo cui la crisi può essere scongiurata solo se il peso del riequilibrio commerciale viene spostato dalle spalle dei paesi debitori a quelle dei paesi creditori, attraverso un espansione della domanda da parte di questi ultimi, più che una contrazione da parte dei primi.

In questo contesto l’interesse generale dell’unità europea coincide con l’interesse complessivo e convergente dei lavoratori, siano essi tedeschi, italiani o greci, nonostante la divergenza tra i rispettivi costi unitari del lavoro.

Per quanto riguarda l’attuabilità politica di questa riforma, Brancaccio la subordina alla sua assunzione da parte delle sinistre europee ed al suo collegamento con le iniziative già esistenti sul salario minimo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


25 febbraio 2011

La riduzione dei salari non porta ad un aumento dell'occupazione

Perché secondo l’impostazione keynesiana la riduzione dei salari non porta ad un aumento dell’occupazione ?

Perché essa garantisce meno costi di partenza. Ma meno costi di partenza non implica necessariamente più profitti (i ricavi devono rimanere costanti). Eventualmente più profitti non implica più investimenti (potrebbero rimanere liquidi).

 

 

Il primo passaggio potrebbe essere reso problematico proprio dai minori salari che si risolverebbero in una riduzione dei consumi e dunque in una riduzione dei ricavi delle imprese.

Una prima buona tornata di profitti non darebbe luogo ad investimenti nel caso gli imprenditori avessero aspettative negative (che possono aumentare in un regime di bassi salari in quanto ci si aspettano meno consumi).

Keynes però forse è troppo pessimista quando invece dice che in caso di aumento di occupazione non ci sarà la possibilità di renderla stabile (nel caso i salari siano diminuiti), in quanto nuova occupazione garantisce sicuramente un aumento dei consumi e dunque migliori aspettative per ulteriori investimenti. Keynes cade nello stesso errore dei neoclassici quando ipotizza che con la riduzione dei salari reali le imprese reagiscano con l’aumento dell’offerta di merci e dell’occupazione. L’ostacolo sta proprio in questa assenza di automatismi.

 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. salari occupazione Keynes investimenti consumi

permalink | inviato da pensatoio il 25/2/2011 alle 16:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


4 novembre 2010

Schumpeter e Rostow

Schumpeter invece dà all’innovazione tecnica una rilevanza maggiore e dunque contesta le tesi stagnazioniste e nega il ruolo svolto dalla conquista dei mercati esteri nello sviluppo delle economie capitalistiche. Egli ritiene che sia assolutamente gratuito ritenere che le iniziative suscettibili di sostituire le colonizzazioni vengano ad essere inevitabilmente meno importanti quale che sia il significato che si vuole attribuire a questo aggettivo. Al contrario è possibile per Schumpeter che la conquista dell’aria possa avere una importanza superiore a quella dell’India : non bisogna confondere le frontiere economiche con quelle geografiche. Per Schumpeter le analisi marxiste dell’imperialismo sono solo divagazioni perché i grandi gruppi hanno esercitato assai scarsa influenza sulla politica estera ed anzi essi si uniformano alla politica dei loro paesi piuttosto che non determinarla secondo i loro interessi. A suo giudizio sebbene non ci sia da temere una scomparsa delle occasioni di investimento, il capitalismo verrà comunque meno, ma le ragioni sono sociologiche giacchè si tratterebbe della decomposizione della borghesia. Secondo Schumpeter la remunerazione del capitale è essenzialmente la ricompensa delle innovazioni realizzate dagli imprenditori dinamici. Ma il progresso tecnico diviene sempre più il monopolio di specialisti addestrati che lavorano su ordinazione facendo diminuire progressivamente i redditi della borghesia che si ridurranno a salari analoghi a quelli che remunerano le normali mansioni amministrative. Il potere della borghesia diminuirà nella stessa misura dei suoi redditi e sarà così la fine del capitalismo. La tesi di Schumpeter, secondo Denis, deriva dalla tesi del reddito del capitale : se il profitto non è un prelievo sul valore creato dal lavoro e se invece è solo la giusta remunerazione dell’imprenditore che innova, allora è chiaro che la burocratizzazione del processo di innovazione tecnologica deve effettivamente determinare il progressivo venir meno dei profitti.

 

 

W. W. Rostow distingue nell’evoluzione economica e sociale di ogni regione del mondo le seguenti fasi :

·         Società tradizionale

·         Condizioni per il decollo

·         Decollo

·         Progresso verso la maturità

·         Era del consumo di massa

Egli ha lo scopo di stabilire che la storia sociale è sempre la stessa in tutte le parti del mondo ed in tutte le situazioni, sicchè quella attuale si spiega semplicemente in base a determinati scarti cronologici e determinati ritardi che caratterizzano alcune regioni del globo rispetto alle altre. Tale tesi però viene a negare deliberatamente che il progresso degli uni e il ritardo degli altri possano essere dei fenomeni complementari la cui contrapposizione costituisce la caratteristica fondamentale del periodo storico in cui ci troviamo a vivere.

Rostow sull’imperialismo afferma che mentre il colonialismo è praticamente morto, il capitalismo ha conosciuto uno sviluppo straordinario. Secondo Denis però tutto questo non significa che sia finito lo sfruttamento economico dei paesi sottosviluppati. Per convincersene basterà dare uno sguardo alle cifre relative allo sviluppo degli scambi tra zone industrializzate e paesi sottosviluppati.  Del resto, dice Denis, quando Rostow ha descritto l’economia britannica del 1800 ammette il ruolo dell’apertura dei mercati di Cina, Asia ed Africa nella risposta al problema della sovrapproduzione e descrive anche la consapevolezza dei gruppi delle grandi imprese nel vedere nelle colonie una possibilità di salvezza. Per Denis la teoria di Rostow è una ideologia che consente ai gruppi dirigenti dei paesi sottosviluppati di credere in un futuro decollo.

Rostow dichiara che il saggio di sviluppo di un’economia dipende da :

·         La propensione a sviluppare la scienza di base

·         La propensione ad applicare la ricerca scientifica ai fini economici

·         La propensione ad accettare le innovazioni

·         La propensione a ricercare il benessere materiale

·         La propensione a consumare

·         La propensione ad avere figli

Secondo Denis si può riassumere la teoria di Rostow dicendo che per lui il progresso dipende dalla propensione a progredire. Anche le sue raccomandazioni alle nazioni sottosviluppate sono assolutamente vuote in quanto egli afferma di fatto che non c’è progresso perché non si desidera il progresso. La sua ideologia liberista secondo Denis lo porta anche a richiedere un intervento dello stato a livelli minimali.

 

 


3 novembre 2010

Denis : modelli di crescita economica

C’è comunque una obiezione di fondo per i costruttori di modelli : essi ambiscono a definire una spiegazione meramente endogena del processo evolutivo delle economie capitalistiche : una spiegazione che sia tale da giustificare ogni periodo dell’evoluzione economica sulla semplice base di quello precedente e così di seguito all’indefinito prescindendo dall’intervento di un qualsiasi fattore esterno. A questo proposito Schumpeter parla ironicamente di un ciclo che comporta e pretende un impulso iniziale, un qualche perturbamento intervenuto nell’industria della produzione delle mele al tempo di Adamo ed Eva nel paradiso terrestre. L’idea di una spiegazione puramente endogena del ciclo non è altro che una nuova manifestazione di quel concetto della scienza economica libera da ogni legame con la storia e capace di formulare delle leggi universali del tipo di quelle della fisica. Tale concezione è però erronea perché i fatti economici sono connessi in modo indissolubile all’insieme degli avvenimenti sociali e perché questi subiscono costantemente delle trasformazioni delle quali nessun modello matematico è in grado di rendere conto. Da questo punto di vista un modello come quello di Fellner è già meno criticabile perché l’autore fa intervenire il progresso tecnico e dunque un fattore esterno come elemento essenziale della propria impostazione teorica. Anche in Fellner tuttavia non è dato di riscontrare alcuna discussione generale intorno ai fattori storici che potrebbero avere la capacità di ingenerare e di mantenere lo sviluppo delle economie capitalistiche. In particolare quando si tratta di valutare le possibilità di sviluppo dei paesi del terzo mondo ci si accorge ben presto che i modelli astratti sono inefficaci, per cui spesso gli economisti affrontano il problema dello sviluppo e dell’avvenire del capitalismo ispirandosi più al metodo degli storici e dei sociologi che non agli schemi degli economisti matematici.

 

 

Si può così comprendere che, nonostante gli sforzi notevoli sviluppati dai teorici del ciclo, le politiche economiche governative siano rimaste essenzialmente empiriche. Dopo il 1933 esse sono molto superiori e sono adeguate ad attenuare le fluttuazioni cicliche. Basti pensare al fatto che i governi, quando si preannuncia una crisi, aumentano le loro spese invece di ridurle come si faceva un tempo. Nel valutare però l’entità dell’aumento delle spese pubbliche si procede nell’ambito di un piano prevalentemente indicativo.

I modelli dello sviluppo pongono l’accento sul fatto che una economia capitalistica debba svilupparsi ad un certo ritmo se non vuole precipitare in una situazione che diverrebbe rapidamente insopportabile. Non è più possibile pensare ad uno stato stazionario, dal momento che si frenerebbe l’investimento quando l’ammontare di risparmi sarebbe ancora cospicuo e ciò determinerebbe la recessione. Tuttavia né Keynes né i suoi discepoli ci forniscono una analisi soddisfacente dei motivi dell’investimento e quindi dei fattori che determinano lo sviluppo.

Attualmente si collega al pericolo delle crisi e delle recessioni quello costituito da un ritmo medio di sviluppo insufficiente in un lungo periodo di tempo. Tale pericolo di stagnazione era stato già denunciato da Alvin Hansen che nel 1938 aveva pronosticato questo esito dicendo che avrebbe determinato una disoccupazione insopportabile. Tale previsione non si è realizzata a breve, ma potrebbe essere messa in relazione con la stagflazione degli anni ’70.

Lo sviluppo economico pretende degli interventi continui da parte dello stato e soprattutto un incremento costante della spesa pubblica, ma gli economisti si domandano se un tale processo possa proseguire all’infinito.

Hansen sottolinea che le economie capitalistiche mature sono ormai entrate in una fase in cui si manifesta una tendenza nettissima all’arresto dello sviluppo della produzione. Gli investimenti divengono quanto mai esigui soprattutto se si eccettuano quelli per la costruzione di abitazioni e per i lavori pubblici. Un simile fenomeno dipenderebbe da tre cause :

·         In primo luogo non vi sono più nel mondo terre ricche e disabitate da occupare

·         La popolazione dei paesi industrializzati tende a divenire stazionaria

·         Il progresso tecnico per la sua realizzazione non ha più bisogno di tanti capitali come ne aveva un tempo

Se il capitalismo vuole sopravvivere deve trovare nuove occasioni d’investimento, mentre la tendenza ad aumentare gli investimenti pubblici spinge l’economia verso forme di socialismo.

 

 


29 ottobre 2010

Hansen, Samuelson ed Hicks

Poco tempo dopo i lavori di Kalecki, l’economista americano Alvin Hansen avanzò un suggerimento che, per spiegare il ciclo, tendeva a combinare il meccanismo del moltiplicatore con il principio dell’accelerazione di Clark, trascurando la considerazione della durata di costruzione delle attrezzature. Come Kalecki, Hansen utilizza la teoria del moltiplicatore, introducendo un intervallo di tempo tra il momento in cui viene a formarsi un reddito e quello in cui aumenta il consumo. L’investimento tende a determinare un aumento del reddito nazionale che è uguale ad n volte il suo ammontare. Ma un simile incremento si realizza progressivamente e soltanto se l’investimento viene rinnovato di continuo in ogni periodo di tempo. Durante la fase necessaria al verificarsi di un tale processo si ha dunque in ogni periodo un consumo che dipende dal reddito della fase precedente.

 

 

Questi suggerimenti furono ripresi dall’economista americano Paul A. Samuelson la cui equazione significa che il reddito nazionale di un certo periodo n è uguale al consumo sommato all’investimento totale e che questo consumo e questo investimento sono determinati dalla situazione e dall’evoluzione precedenti di tale reddito stesso. Risolvendo l’equazione si dimostra che una spesa governativa costantemente rinnovata viene ad ingenerare un reddito nazionale, il cui ammontare subisce delle oscillazioni : esso aumenta durante la fase della prosperità, poiché l’investimento risulta stimolato dal precedente sviluppo del reddito nazionale. Ma dato che il ritmo di incremento di quest’ultimo non può non diminuire e ciò determina l’arresto della crescita del reddito nazionale e poi il suo regresso.

Il modello di Samuelson è stato utilizzato dall’economista inglese J. R. Hicks il quale intorduce l’idea che l’ampiezza delle fluttuazioni è limitata dall’esistenza di una particolare barriera costituita dal pieno impiego delle forze di lavoro. Secondo Hicks i modelli matematici non fanno mai apparire le fluttuazioni dei prezzi dei beni che pure sono un fenomeno caratteristico del ciclo. Bisogna allora per comprendere quest’ultimo, ammettere che nella fase di prosperità l’investimento superi il risparmio, in virtù della creazione di credito da parte delle banche. Il che determina il rialzo dei prezzi. Dopo un certo periodo però le banche vengono indotte dalla riduzione dei loro coefficienti di liquidità ad elevare il saggio dell’interesse e ciò esercita un azione deprimente sull’investimento che cade ad un livello inferiore al risparmio : così la produzione si contrae e regredisce, mentre i prezzi si abbassano.

Sembrerebbe che i paesi capitalistici dispongano ormai di strumenti adeguati,  tali cioè da permettere loro di prevedere l’evoluzione della congiuntura, onde agire su di essa e condizionarla. In realtà l’effettiva portata di modelli è più ridotta. In primo luogo la molteplicità dei modelli costituisce un elemento di insormontabile incertezza per chi voglia utilizzarli, al punto che i politici a volte manifestano anche un dichiarato scetticismo nei confronti delle elaborazioni dei teorici. A volte è possibile una integrazione tra modelli diversi, ma in questo modo si possono venire a stabilire equazioni così complicate che non sarebbe possibile trovarne la soluzione teorica. Perché i modelli teorici possano essere adoperati per prevedere l’evoluzione della congiuntura, bisognerebbe conoscere le grandezze che intervengano nelle equazioni utilizzate in modo più preciso. Ma per quanto i diversi lavori di contabilità nazionale hanno consentito di realizzare notevoli progressi sul terreno del calcolo delle quantità globali, rimangono pur sempre dei gravi margini di incertezza. Ad es. l’investimento netto di un periodo determinato (grandezza fondamentale nell’equazione di Kalecki) e l’investimento autonomo (essenziale nell’equazione di Samuelson sono conoscibili in maniera molto approssimativa in quanto di fatto indistinguibili da altre grandezze con le quali sono intrecciati nei processi concreti.

 


28 ottobre 2010

Le tesi di Kalecki

In questi anni in cui l’area socialista si era estesa e le lotte anticoloniali si erano acuite, ci sono stati degli studi che cercano di utilizzare gli strumenti analitici di Keynes allo scopo di costruire un modello dell’evoluzione di un’economia di mercato da cui poter trarre precise indicazioni sulle cause della crisi periodica di sovrapproduzione ossia della recessione. In tal modo si pensava che sarebbe dovuto diventare possibile intervenire tempestivamente e non solo per portare rimedio alle crisi, ma anche per impedire che scoppino.

 

 

Uno dei primi modelli matematici è quello di Michail Kalecki, il quale parte dal presupposto che l’investimento dipenda dai saggi di profitto previsti, i quali a loro volta dipendono dal saggio corrente del profitto : più il profitto è grande e più l’attrezzatura in capitale esistente è piccola, più grandi saranno i saggi di profitto attesi dai nuovi investimenti. Kalecki utilizza anche lui la teoria del moltiplicatore e sostiene che i profitti dipendono dagli investimenti, poiché il risparmio dei capitalisti deve essere uguale all’investimento. Contemporaneamente sostiene altresì che occorre un determinato  volume di profitti perché venga a formarsi una data quantità di risparmio. L’autore ammette infine che l’attrezzatura esistente dipende dall’investimento realizzato in un precedente periodo di tempo. L’idea di Albert Aftalion sulla funzione del tempo necessario alla costruzione delle attrezzature sta evidentemente al centro di una simile spiegazione e Kalecki la combina con l’ida classica dell’influenza del saggio del profitto sull’investimento e con la teoria del moltiplicatore. Kalecki però riteneva che la propensione al risparmio fosse solo il rapporto tra risparmio stesso e profitto, in quanto pensava che il risparmio fosse solo opera dei capitalisti.

Poco tempo dopo i lavori di Kalecki, l’economista americano Alvin Hansen avanzò un suggerimento che, per spiegare il ciclo, tendeva a combinare il meccanismo del moltiplicatore con il principio dell’accelerazione di Clark, trascurando la considerazione della durata di costruzione delle attrezzature. Come Kalecki, Hansen utilizza la teoria del moltiplicatore, introducendo un intervallo di tempo tra il momento in cui viene a formarsi un reddito e quello in cui aumenta il consumo. L’investimento tende a determinare un aumento del reddito nazionale che è uguale ad n volte il suo ammontare. Ma un simile incremento si realizza progressivamente e soltanto se l’investimento viene rinnovato di continuo in ogni periodo di tempo. Durante la fase necessaria al verificarsi di un tale processo si ha dunque in ogni periodo un consumo che dipende dal reddito della fase precedente.

 


27 ottobre 2010

Denis : la concorrenza monopolistica

Sia le conclusioni di Harrod che la teoria di Kaldor, per l’attenzione data ai processi decisionali delle imprese rivelarono un punto debole nell’analisi di Keynes che andava approfondito : il processo di formazione dei prezzi. Keynes non aveva proposto sostanziali cambiamenti in questo campo alla teoria neoclassica e aveva in modo implicito accolto la tesi che i produttori subissero i prezzi. Nella fase dello scambio gli stessi soggetti che determinavano l’andamento delle principali grandezze economiche apparivano semplici recettori di meccanismi e di decisioni impersonali sui quali non potevano esercitare alcun potere. Bisognava proseguire perciò lungo la strada degli studi sulla concorrenza monopolistica intrapresi da Kalecki, Chamberlin e Joan Robinson. Questi contributi confermavano l’esistenza di un potere decisionale degli imprenditori capitalistici i quali oltre ad avere la responsabilità di stabilire cosa e quanto produrre, potevano in particolari condizioni di mercato fissare anche i prezzi. I mercati furono così distinti in due grandi categorie : quella dei mercati concorrenziali o flex-price nei quali i prezzi si formavano nel modo previsto dalla teoria tradizionale e quella dei mercati monopolistici o di concorrenza imperfetta o fix-price, nei quali i prezzi erano amministrati dalle imprese tenendo conto di due variabili : il costo di produzione normale e il margine di profitto (mark-up) che consentiva di finanziare l’espansione dell’attività produttiva. Posta questa distinzione l’analisi fu portata verso un maggiore approfondimento delle scelte imprenditoriali  relative alle componenti del prezzo nei regimi di concorrenza imperfetta.

 

 

Le conclusioni raggiunte rafforzarono le tesi di Keynes sulla centralità delle decisioni di investimento anche avendo come termine di riferimento la singola impresa. Infatti il costo normale fu collegato al grado di utilizzazione atteso della capacità produttiva (confermando l’opinione di Keynes che i cambiamenti della domanda del breve periodo non avessero una influenza diretta sul prezzo perché le imprese adeguavano l’offerta mantenendo fissi i prezzi). Il margine di profitto invece fu fatto dipendere dalle strategie di crescita delle imprese nel lungo periodo e dall’eventuale maggiore convenienza dell’autofinanziamento rispetto al finanziamento esterno. Le decisioni delle imprese sui prezzi furono così collegate alle decisioni di investimento e viste come il risultato di calcoli di convenienza che investivano la previsione della domanda del bene veduto, il presumibile saggio d’interesse medio del mercato e il prevedibile andamento dei salari.

 

 


26 ottobre 2010

Le tesi di Nicholas Kaldor

Anche nello studio della distribuzione gli studiosi post-keynesiani assegnarono una priorità netta alle decisioni di investimento degli imprenditori, considerate ancora una volta autonome e svincolate dalle decisioni di risparmio. Kaldor, richiamando tesi di Keynes e Kalecki, sviluppò la teoria del moltiplicatore come teoria della distribuzione nell’ipotesi che i percettori di profitto e di salari avessero propensioni al risparmio diverse. Secondo loro in un sistema economico in condizioni di pieno impiego, se le propensioni al risparmio degli imprenditori capitalisti e dei lavoratori sono diverse, allora le decisioni di investimento, oltre a determinare il livello della produzione e dell’occupazione, sono anche la causa principale della distribuzione del reddito tra profitti e salari. Nell’opinione di Kaldor la classe degli imprenditori capitalisti nel suo insieme era depositaria di un potere ancora più ampio di quello ipotizzato da Keynes, poiché dalle sue decisioni dipendevano non solo la quantità di prodotto da consumare e da accumulare, ma anche le quote di prodotto spettanti al salario ed al profitto. La tesi di Keynes a cui Kaldor si ispirava era quella per cui se gli imprenditori decidono di spendere una porzione dei loro profitti in consumo, il risultato è un aumento di profitti ottenuti dalla vendita di beni di consumo per un ammontare esattamente uguale alla somma dei profitti che sono stati spesi in quel modo. Ne deriva perciò che qualunque quota dei profitti gli imprenditori destinino al consumo, l’incremento di ricchezza resta invariato. I profitti come fonte di incremento del capitale per gli imprenditori sono un orcio di vedova che non si vuota mai, qualunque porzione del suo contenuto venga destinato ai lussi della vita. Un aumento del consumo degli imprenditori aumenta i loro profitti totali di un identico ammontare per cui i capitalisti guadagnano ciò che spendono e i salariati spendono ciò che guadagnano.

 

 

Kaldor afferma che il saggio di profitto dipende dal saggio dell’investimento e dalla propensione al risparmio dei capitalisti. Per Denis però la relazione causale va invertita giacchè il saggio dell’investimento lungi dall’essere la causa del livello raggiunto del saggio di profitto ne è al contrario la conseguenza. Forse Kaldor era consapevole di questa obiezione e forse per questo ha costruito un modello in cui alla spiegazione della distribuzione si associa quella dello sviluppo economico. In tale modello Kaldor sostiene che il saggio dell’ammortamento e quello del risparmio sono entrambi funzione di quella parte del reddito nazionale che va ai profitti. Con la sua analisi Kaldor cerca di indicare contemporaneamente il tasso d’investimento, il saggio di sviluppo e la parte effettiva dei profitti nel reddito nazionale, dunque cerca di spiegare perché una determinata economia si sviluppi ad un certo ritmo e perché il reddito nazionale vi si distribuisca secondo certe proporzioni tra profitti e salari. Per fare questo però, secondo Denis, egli rovescia la relazione causale precedente determinando il tasso dell’investimento a partire dal saggio di profitto e dalla quota dei profitti nel reddito nazionale. Inoltre nella sua analisi il processo che conduce all’equilibrio è del tutto diverso da quello descritto da Keynes. Per quest’ultimo quando il risparmio normale è superiore all’investimento, vi è contrazione della produzione e si entra in una fase recessiva. Nel modello di Kaldor invece si assiste semplicemente ad un ribasso dei prezzi con una contestuale modificazione nella distribuzione dei redditi. In altre parole questo modello sembra ignorare completamente i fenomeni di espansione e di recessione.

Secondo Graziani il caso della Gran Bretagna, afflitta da una debolezza cronica nella bilancia dei pagamenti, spinse Kaldor ad applicare alle economie aperte il suo modello di distribuzione del reddito, formulando il famoso circolo virtuoso delle esportazioni : un aumento delle esportazioni, ottenuto anche mediante una svalutazione, consente di espandere la produzione : grazie ai rendimenti crescenti, i costi unitari cadono e la maggiore competitività consente di guadagnare ulteriore terreno nei mercati esteri, creando un avanzo nella bilancia commerciale. Poiché un avanzo esterno equivale ad un investimento e gli investimenti determinano i profitti, gli imprenditori ricevono ulteriori stimoli ed il processo si riproduce. Di qui il favore con cui Kaldor considerò sempre la gestione dei cambi esteri come strumento per il controllo della produzione e dell’occupazione. Kaldor fu anche il primo a riconoscere che, nel caso dei paesi in via di sviluppo, nessuna politica dei cambi potrebbe far nascere dal nulla una struttura industriale inesistente : la protezione doganale sia pure temporanea del mercato diventa allora necessaria. Kaldor secondo Graziani non ritenne mai che le autorità monetarie possano controllare la quantità di moneta : non possono espanderla, perché maggiore quantità di moneta implica maggiore credito bancario e le imprese potrebbero rifiutare di indebitarsi ; non possono ridurla perché distruzione di moneta implica un rimborso effettuato da un impresa a corto di liquidità. Kaldor auspica una politica di tassi di interesse moderati, non tanto allo scopo di stimolare le decisioni d’investimento, quanto per evitare la formazione di una classe di rentiers improduttivi. Il problema acquista rilievo ancora maggiore in relazione al debito pubblico, perché tassi elevati aggravano l’indebitamento dello stato.

 


sfoglia     ottobre        febbraio
 

 rubriche

Diario
Filosofia
Politica
Articoli
deliri
Schegge
Ontologia
Epistemologia
Storia
Ermeneutica
Conto e racconto
Comunismo

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

italo nobile
Periecontologia
blog filosofia analitica
porta di massa (filosofia)
Crisieconflitti
Blog di crisieconflitti
Rescogitans
Spettegolando
Being and existence
Josiah Royce
filosoficonet
Russell on proposition
Wittgenstein against Russell
Landini on Russell
Kalam argument
Internet enciclopedy of philosophy
Sifa
swif
Moses
Grayling
Bas Van Fraassen
Gilbert Harman
Nordic journal of Philosophical logic
Paideia Project
Ousia
Diogene : filosofare oggi
formamentis
riflessioni
Articoli filosofici
Ancient Philosophy
Dialegesthai
Hegel in MIA
MIA . risorse filosofiche
Gesù e la storia
piergiorgio odifreddi
renato palmieri
Dizionario sanscrito
Lessico aramaico
Cultura indù
Lessico indiano
Mitologie
Egittologia
Archeogate
Popoli antichi
Antichi testi cristiani
Bibbia
Testi biblici e religiosi
Agiografia
Eresie
Critica della Bibbia
Psychomedia
Rabindranath Tagore
La Pietà di Michelangelo
Sapere
google
Wikipedia
Libri in commercio
google traduttore
libri su google
Emiliano Brancaccio
Libri in commercio2
Dispense
crisieconflittiblog
l'ernesto
Essere comunisti
manifesto
Liberazione
Proteo Vasapollo
Appello degli economisti
Krisis
Rivista del Manifesto
n+1
Temi marxisti
Ripensare Marx
Gianfranco La Grassa
Ripensare Marx 2
Costanzo Preve
CriticaMente
Mercati esplosivi
Intermarx
Archivio marxista
35 ore
Gianfranco Pala
Contraddizione
falcemartello
Comunisti internazionalisti
Comedonchisciotte
Che fare
Teoria critica libertaria
Bellaciao
Anarcocomunisti
Informationguerrilla
Scambio senza denaro
Chaos
Guerra globale
Peacelink
Altraeconomia
Brianza popolare
indymedia napoli
Partito comunista internazionale
Prometeo
Giano
Cervetto
Rivoluzione comunista
P.C.internazionale (sinistra)
Teoria e prassi
Contropiano
Mazzetti
mazzetti2
vis a vis
Rotta comunista
Erre
Indymedia lavoro
Il pane e le rose
Articoli neweconomy
Noam Chomsky
Malcom X economia
La Voce.info
Z-Anarchismo
Iura Gentium
Domenico Gallo
Articolo 21
ansa
Openpolis
Asca (agenzia stampa)
Repubblica
Corriere della Sera
Adnkronos
Agenzia giornalistica italiana
Il Foglio
Informazioni on line
Rapporto Amnesty
Governo italiano
Inail
Avvisatore Parlamento
Inps
Istat
Censis
Rete no-global
Greenpeace
Utopie
Associazione pro Cuba
Rassegna stampa
Rassegna sindacale
Lucio Manisco
Nonluoghi
Osservatorio Balcani
Comunisti italiani
Rifondazione
Peace reporter
Centroimpastato
Democrazia e legalità
Società civile
Beppe Grillo
Alternative
Un mondo possibile
Laboratori di società
Antiutilitarismo
Mediawatch
Megachip
Le monde diplomatique
Report
Forum Palestina
Il filo rosso
Il Dialogo
Giulietto Chiesa
Guerraepace
Namaste
NensVisco Bersani
Unità
Sinistri progetti
Socialpress
Cafebabel
Terreliberedallamafia
Maria Turchetto
Carta
Carmilla
Lettera internazionale
Jacopo Fo
Globalproject
Attac
Anarchivio
Resistenze
Micromegas
Sbilanciamoci
War news
Tobin tax
Un ponte per
Uruknet
Lettera 22
Rainews
Reti invisibili
Centomovimenti
Euronews
Nidil Cgil
Chain workers
Cani sciolti
Ivan Ingrilli (sanità)
Sanità mondiale
Almanacco dei misteri
Rapporto Amnesty
Diritto del lavoro
Atlante geopolitico
Criticamente
Disinformazione
istitutobrunoleoni
Statistiche Bankit
Debitopubblico
Economia politica
Rasegna stampa economia
Dizionario economia
Cnel
formazionelavoratori
Confcommercio
Affari esteri
Teocollectorborse
Businessonline
Linneo economia
Economia e società aperta
Statistiche annuario ferrarese
Eures
Cgil Lombardia
Fondazione Di Vittorio
Fai notizia
Luogo comune
Zoopolitico
ok notizie
Wikio
La mia notizia
Youtube
Technorati
Blog
Answers
La leva di Archimede
Eguaglianzaelibertà
Liberanimus
Link economici
campioni pugilato
All words (dizionari)
Babelfish traduttore
Dieta
Cucina 2 : Buonissimo
Calorie
Cucina
Primi piatti
Dieta 2
Last minute
Dica 33
Schede medicinali
Dizionario etimologico
Dizionari
E-testi
Foto da internet
Ferrovie dello Stato
La Gazzetta dello Sport
Incucina
Cucina napoletana
Tabelle nutrizionali
Altalex
Pagine bianche
Calcola inflazione e interessi
Film Tv
Fuoco
Studium
Amica Mia di Pigura
prc valdelsa
Siddhartino
Altromedia
Trashopolis
lotte operaie nel mondo
vulvia
Korvo Rosso
La tela di Penelope
Conteoliver
Mario
Cloroalclero
Fronesis
Il mondo di Galatea
Polpettine
Tisbe
Lameduck
aiuto
Daciavalent
Arabafenice
Batsceba
Pibua
Guevina
Vietato cliccare
Cattivomaestro
Khayyamsblog
Francesco Nardi
Alex321
Ciromonacella
Comicomix
Devarim
Raccoon
La grande crisi del 2009 (cronache)
Giornalettismo
Zio Antonio
Radioinsurgente
Garbo
Vita da St(r)agista
sonolaico
serafico
jonathan fanesi
Valhalla
Millenniumphoenix
gianfalcovignettista
occhidaorientale
Undine
Capemaster
Mimovo
antonio barbagallo
Nefeli
Secondoprotocollo
Nessunotocchisaddam
Pragmi
Rigitans
Alessandro
Formamentisblog
Corso di traduzione letteraria
Filosofia del web
Mediamente
Psicopolis
Blog cognitivismo
Dswelfare
Caffeeuropa
Stefano Borselli
Domenico De simone
Andrea Agostini
democrazia diretta
Finkelstein
Movisol
Società e conflitto
menoStato
Settantasette
la Cia
misteri e cospirazioni
Globalizzazione
Centroimpastato
Tugan Baranovsky
Wright su reddito garantito
Contro il lavoro
Assenteismo e operai
Auschwitz e il marxismo
Cestim migrazioni
Salute naturale
Signoraggio
Umanitànova
Crisi della liquidità
Cooperazione tra cervelli
La Grassa su Bettelheim
Marx e Lange
Gramsci e la globalizzazione
Marx e la crisi
Prc quinto Congresso
Lessico gramsciano
Il virus inventato
Lotte disoccupati francesi
Biospazio
Storia nonviolenza
Tax justice network
Marx e la crisi
Seminari della controra
Valori e prezzi
Veti Usa a risoluzioni Onu
Anarchici
Nuovi mondi media
Stele e cartigli egizi
Libro dei morti
Egitto
Egitto2
Egitto3
Egitto4
Egitto5
Storia delle Brigate Rosse
Guide di Dada net
Aljazira.it
Arab monitor
Il Giornale
Cultura cattolica
Il denaro
Aldo Pietro Ferrari
Asianews
Storia della birra
Storia contemporanea
Dossier Legge Biagi
Ateneonline

Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom