.
Annunci online

  pensatoio passeggiate per digerire l'attuale fase storica
 
Diario
 


 

 

Sono marxista

 




Darfur Day

Annuncio Pubblicitario

gaza_black_ribbon






sotto la media l'Italia arranca, con questi media l'Italia crepa







  


        
Articoli di filosofia

Il futuro delle filosofie
http://www.italonobile.it/Il%20futuro%20delle%20filosofie.htm

L'argomentazione apagogica sulla verità in Vittorio Hosle
http://www.italonobile.it/Esiste%20verità.htm

Pensiero di Pensiero...
http://www.italonobile.it/pensiero%20di%20pensiero.htm

La teoria delle descrizioni definite di Bertrand Russell

La x è solo un segno ?

Dall'assenza del segno al segno dell'assenza

Dallo zero alla variabile


Frege e la negazione

Frege e l'esistenza

Senso e denotazione in G. Frege

Concetto e Oggetto in G. Frege

Frege e la logica

Frege e il pensiero

Concetto e rappresentazione in G.Frege

Funzione e concetto in G. Frege

Il senso e la denotazione dei concetti in Frege

La connessione dei concetti in Frege

Ontologia del virtuale
http://www.italonobile.it/Ontologia%20del%20virtuale.htm

L'eliminazione della metafisica di R. Carnap

Conoscenza e concetto in M. Schlick

Schlick e la possibilità di altre logiche

Tempo e spazio in Schlick

Schlick e le categorie kantiane

Apparenza e realtà in Schlick

Concetti e giudizi in Schlick

Analitico e sintetico in Schlick

Evidenza e percezione in Schlick

Giudizio e conoscenza in Schlick

Il reale secondo Schlick

La critica di Schlick all'intuizione

Definizioni e sistemi formali in Schlick

La logica in Schlick

La verificazione in Schlick

La verità in Schlick

Lo scetticismo nell'analisi secondo Schlick

Lo scopo della conoscenza in Schlick

Logico e psicologico in Schlick

L'unità di coscienza secondo Schlick

Schlick e la svolta della filosofia

Schlick e l'induzione

Matematica e realtà in Schlick


Alexius von Meinong e la teoria dell'oggetto


Bernard Bolzano e una logica per la matematica

Contenuto e oggetto in Kazimierz Twardowski

Jean Piaget e la conservazione delle quantità continue

L'attualità di Feyerabend

Sul Gesù storico
http://www.italonobile.it/La%20spartizione%20delle%20vesti.htm

La coscienza secondo Thomas Nagel
http://www.italonobile.it/la%20doppia%20vita%20del%20conte%20Dracula.htm

Filosofia e visione
http://www.italonobile.it/l'immagine%20della%20filosofia.htm
http://pensatoio.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=614562

Ermeneutica della luce e dell'ombra
http://www.italonobile.it/all'ombra%20della%20luce.htm
http://pensatoio.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=614557

Il test di Fantuzzing: mente e società
http://www.italonobile.it/Test%20di%20Fantuzzing.htm

Metafisica oggi
http://www.italonobile.it/metafisica.htm

La merce in Marx

Una teoria marxista della crisi : un primo livello di riflessione


Globalizzazione economica e giuridica
http://www.italonobile.it/globalizzazione.htm
http://pensatoio.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=615609

Guerra, marxismo e nonviolenza
http://www.italonobile.it/Guerra,%20marxismo%20e%20non%20violenza.htm
http://pensatoio.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=615613

Utopia e stato d'eccezione
http://www.italonobile.it/utopia%20e%20stato%20d'eccezione.htm
http://pensatoio.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=622445

Il reddito di cittadinanza
http://www.crisieconflitti.it/public/Nobile1.pdf

Keynes da un punto di vista marxista

Appunti marxiani 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10



STORIA DEI NUMERI E DELLE CIFRE NUMERICHE
http://www.italonobile.it/genealogia%20della%20matematica.htm

La comunicazione nel linguaggio scientifico e la filosofia

 http://pensatoio.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=614558



Lemmi Wikipedia da me integrati
Alexius Meinong
Bernard Bolzano
Storia dei numeri
Sistema di numerazione
Sistema di numerazione cinese
Sistema di numerazione maya


Il Capitale di Marx e altro
1 2  3  4  6  7  8  9
10  11  12  13  14  15  
16  17  18  19  20  21
22  23  24  25  26  27
28  29  30  31  32 

 

Dibattito su Emiliano Brancaccio
1 2 3

Quelli che la crisi l'avevano prevista

Cazzari Nobel

Le molte cazzate del Nobel cazzaro

 

DISCLAIMER (ATTENZIONE):
l'Autore dichiara di non essere
responsabile per i commenti
inseriti nei post. Eventuali
commenti dei lettori, lesivi
dell'immagine o dell'onorabilità
di persone terze non sono da
attribuirsi all'Autore, nemmeno se
il commento viene espresso
in forma anonima o criptata.







13 agosto 2005



L’IMMAGINE DELLA FILOSOFIA: BENCIPENSA O MALCIVEDE?

 

 

 

Filosofia e cecità

 

Nel paese dei ciechi..il cane lupu è mio. (Brunello Robertetti/ Corrado Guzzanti)

 

La civiltà occidentale è sempre stata considerata una civiltà dello sguardo e dell’occhio, e ad essa la moderna filosofia ermeneutica ha voluto retoricamente contrapporre una civiltà dell’ascolto che in  un bacino come quello mediterraneo, violentemente percorso da religioni del Libro, suona come una  di quelle menzogne utili a fondare nuovi movimenti e nuove istituzioni.

La traccia di questo convegno allude forse a sua volta al fatto che il medium tecnologico, pur allargando gli spazi della percezione, al tempo stesso ne riduce l’immediatezza per cui lo strumento diventa l’ostacolo ad un’impossibile trasparenza tra il soggetto e l’oggetto.

Da questo punto di vista la filosofia forse parte, nella sua congenita impotenza, avvantaggiata dal suo disincanto, dalla sua precoce vecchiezza. Anche in questo consesso interdisciplinare essa, in una consolidata e storica divisione del lavoro, vampirizza le pratiche (ricche di implicita intelligenza) di altre discipline culturali e, nella presunta civiltà dello sguardo, delega con sufficienza ad altri l’onore e l’onere di accostare l’occhio al cannocchiale. Sicura del legame sociale (a che vedere, se poi non lo si dice vanitosamente agli altri?) essa si concede il lusso della cecità

Del resto la distanza dalla vista è una cifra perenne del pensiero: non è un caso che Parmenide quando parla del sapere apparente (doxa) non si riferisce agli inganni sensoriali, ma a quel-che-si- dice, a quello che viene comunemente tramandato e pur usando metafore visive nel descrivere l’accesso alla verità, questa ha per contenuto una realtà ideale e discorsiva, incommensurabile ad un possibile oggetto della vista. Pure in Platone l’idea (che sarebbe letteralmente “vista”) è un contenuto di pensiero, in un’immediatezza assolutamente apparente.

Il rapporto della conoscenza con le cecità è continuamente presente nel materiale mitico (greco e non) :

  • Tiresia viene punito con la cecità da Pallade (la Sapienza) per averla vista nuda (nella sua purezza) e viene compensato da Zeus con il potere della profezia
  • Edipo acceca se stesso (in una vicenda in cui il cieco Tiresia ha un ruolo essenziale) dopo aver saputo, in quanto ciò che ha visto è troppo e rischia di distruggerlo.
  • Wotan, il dio sciamano dei Germani, per avere accesso privilegiato ad una conoscenza superiore, sacrifica uno dei suoi occhi
  • L’esempio più significativo dal punto di vista filosofico è la leggenda dossografica per cui Democrito, il filosofo dell’Atomismo, si sia accecato per essere più concentrato nel pensiero.

Ma mi volevo soffermare su un altro mito, quello di Polifemo e Odisseo, che apparentemente non rientra nella categoria evidenziata, ma che in realtà contiene metafore cognitive, visive  e spaziali da renderne opportuna una rilettura:

se è vero che Odisseo, nel suo racconto al re dei Feaci, presenta “illuministicamente” Polifemo come un selvaggio senza legge, egli sembra sottacere il fatto che il nome di Ciclopi è legato alla folgore luminosa ed alla costruzione di armi, e dunque alla conoscenza e ad una cultura materiale più avanzata. Polifemo è sì da un lato un principio oscuro che imprigiona i dodici mesi dell’anno (i dodici guerrieri) all’interno di una caverna (l’archetipo della caverna platonica?) la cui chiusura per mezzo di un masso somiglia al chiudersi di una palpebra di fronte alla luce del sole (Apollo è nemico irriducibile dei Ciclopi). D’altro canto il suo accecamento produce in lui un risveglio della memoria (egli ricorda che gli era stato profetizzata questa sventura) e della capacità profetica, dal momento che, maledicendo Odisseo, ne prevede le future disgrazie. Ma, prima ancora di ciò, egli diventa scandalo e zimbello dei suoi compagni, parlando di un Nessuno che lo ha accecato, e meritandosi l’appellativo (che di nient’altro si tratta a mio parere) di Polifemo (Poluphemos), chiacchierone (che parla molto) e cioè colui nel quale il linguaggio eccede ciò che si può vedere ed è appunto la cecità che gli permette quest’eccesso, quest’ingresso in un livello diverso del reale. Ed è la cecità che gli permette di correggere un vero e proprio errore di…prospettiva (quasi che Omero intuisse che con un occhio solo non è possibile la percezione della profondità), dal momento che egli si ravvede dall’aver creduto che colui che secondo la profezia lo avesse accecato avrebbe dovuto essere grande e forte come lui, mentre era appunto un niente, un nessuno, un aborto (quasi tremila anni dopo, in un motivetto famoso, Fred Buscaglione ancora ripete mimando “E pensare che eri piccola, piccola, piccola…..così!”)

Concludendo questa prima parte, possiamo ipotizzare che per un’intera tradizione la rinuncia alla vista diventa presupposto essenziale o conseguenza necessaria della conoscenza e, per questa tradizione, abbracciata in buona parte dalla storia della filosofia, la mediazione anche tecnica tesa ad una migliore visione non scandalizza affatto: se il filosofo si serve di altri uomini per vedere (contravvenendo ad un  precetto kantiano e presupponendo una vera e propria economia schiavistica), quasi che la vista sia un veleno da far assaggiare per prima ai propri servi, figurarsi se egli si può adombrare per una macchina fotografica o una cinepresa. Anzi il filosofo si dimostra disponibile ad utilizzare ed amplificare le metafore che possono provenire dalle tecnologie della percezione (addirittura in certi casi le anticipa): basti pensare a come lo specchio sia stata una similitudine essenziale per la filosofia (anche ad Oriente dove per una variante dello Zen, la Mente deve essere uno specchio assolutamente smerigliato); e poi ci si può chiedere quale rapporto c’è tra il razionalismo cristallino di Spinoza ed il suo mestiere di pulitore e fabbricante di lenti (proprio a tal proposito, il neurobiologo Antonio Damasio in uno dei suoi ultimi libri si meraviglia di come un uomo come Spinoza, convinto che le dimostrazioni fossero l’occhio della mente, passasse buona parte della vita a fornire le migliori lenti possibili, strumenti che aiutavano la mente a scorgere moltissime cose nuove)

 

Prospettive in fuga verso altri punti…

 

Signora, quello al suo fianco è suo marito o le hanno vomitato sulla sedia? (a proposito di anamorfosi…)

 

Certamente è da condividere la riflessione sulla prospettiva come forma simbolica che vincola l’osservatore al punto di stazione e che esercita una violenza sulle possibilità di spostamento del soggetto e sull’integrità del processo di fruizione dell’opera. Tuttavia, come già diceva Panofsky, è proprio della prospettiva avere una natura bivalente che la espone a critiche di segno opposto e dunque vale la pena ribadire che essa rimane un’avventura cognitiva importantissima, tesa, nonostante la sua già assodata artificialità, a raggiungere una ricostruzione più realistica del mondo osservato, almeno così come esso ci appare. E’ vero che gli Antichi erano consapevoli della curvatura dell’immagine visiva (curvatura deliberatamente ignorata dalla prospettiva medievale ed alla radice del vincolo osservativo cui abbiamo prima accennato). Tuttavia tale consapevolezza ebbe solo un ruolo residuale nel vero e proprio cambiamento di paradigma che ha condotto alla moderna prospettiva in quanto (come Panofsky evidenzia con rara capacità di sintesi), l’antichità classica non utilizzò un concetto astratto e sistematico di Infinito. Integrando la ricostruzione storico-ideale di Panofsky, c’è da dire che forse alla radice di questa mancanza (al di là della rimozione greca dell’Infinito) c’è il ruolo complementare svolto dalla concezione atomistica e dal quella platonico-aristotelica dello spazio:

Se i Pitagorici, che pare avessero una concezione geometrica dello spazio, incorsero nei rapporti irrazionali,  l’atomismo democriteo aveva cercato di risolvere parzialmente questi problemi distinguendo nettamente i corpi, o meglio gli infiniti atomi che compongono gli enti, dallo spazio vuoto ed infinito in estensione che li contiene, in modo che la questione delle divisibilità dei corpi (non infinita, data l’esistenza degli atomi) fosse indipendente dalla questione della divisibilità di uno spazio così astrattamente inteso. Il dualismo democriteo tra atomi e spazio è un passo importante, in quanto se il Pitagorismo intendendo in maniera omogenea corpi come figure e spazio come linee tra i corpi, li sottoponeva ad un identico trattamento metrico, la distinzione forte tra atomi e vuoto è invece un concetto di transizione verso una concezione dello spazio come relazione tra i corpi, dove la matematica viene di nuovo riapplicata, ma con una consapevolezza nuova, empirica e materialistica, del diverso livello concettuale tra i corpi come enti reali ed empirici e lo spazio come concetto astratto  che ci consente di operare su di essi. Così facendo però Democrito, riprendendo le categorie di Parmenide (essere e non-essere) e volendone sciogliere le aporie, rompe la continuità dell’Essere e teorizza uno spazio che, in quanto non-essere, vive solo negli interstizi che gli atomi delineano in negativo con il loro movimento (anticipando forse  gli utopici intermundia dell’epicureismo). D’altro lato la tradizione platonico-aristotelica rifiuta il concetto di spazio vuoto e correla fortemente di nuovo spazio ed enti. Platone infatti parla di chora, cioè di una regione materialmente contrassegnata dagli eventi che ad essa si sovrappongono, così come lo è la terra su cui camminiamo; Aristotele nell’approfondire il concetto di chora/materia di Platone opera un’altra sintesi importante: lo spazio è il luogo dei corpi ed è il loro limite (una sorta di identità tra perimetro e superficie, identità data dalla procedura geometrica di costituzione degli enti matematici secondo la quale tracciando una circonferenza, ne viene fuori anche un cerchio). Questo spazio, che ha proprietà concrete, specifiche, differenziate, è in realtà un  luogo la cui integrazione con altri è problematica e forse richiede un ulteriore livello metafisico di approfondimento. Sicuramente con esso è l’Apeiron di Anassimandro ad essere rimosso, in quanto solo il tracciare un limite costruisce uno spazio: lo spazio è immediatamente uno spazio costituito e dunque finito ed antropizzato.

Concludendo questo argomento, la concezione aristotelica ha polverizzato lo spazio metrico pitagorico in una molteplicità di luoghi specifici, mentre l’atomismo democriteo ha interrotto la continuità dell’Essere di Parmenide, rendendo impossibile elaborare la concezione dello spazio che consentirà l’emergere della prospettiva rinascimentale così almeno come è stato descritto da Panofsky.

Si dice che con la prospettiva in qualche modo lo spettatore sia uscito fuori dalla rappresentazione (appunto come occhio ciclopico). Da un certo punto questa potrebbe essere una fortuna: immaginate se l’uomo (a dispetto delle compensazioni percettive fornite dalla visione binoculare) fosse condannato, incrociando gli occhi, a contemplare quel bel “pataccone” del proprio naso. Ci troveremmo di fronte all’equivalente visivo di quell’ossessione ben descritta nel film tragicomico “Il fischio al naso”, interpretato mi pare da Ugo Tognazzi. Mi pare che l’enfasi sul ruolo epistemico del soggetto sia un tentativo di descrivere in termini utopici e positivi quella che  è stata una vera e propria sventura: ciò in quanto quello che non è successo a livello percettivo, si è invece verificato a livello del pensiero. Basti pensare alla famosa formula kantiana secondo la quale l’Io-penso deve poter accompagnare tutte le nostre rappresentazioni: nemmeno un bravo poliziotto tedesco o la famigerata suocera di “Io, mammete e tu” saprebbe far di meglio.

Comunque nella prospettiva c’è in realtà solo una gradazione delle distanze e con tale gradazione c’è anche un vertice nell’osservatore che è il correlato indispensabile della rappresentazione prospettica. Non solo: il punto di fuga (che simboleggerebbe l’Infinito che si concretizza nel finito) è anche l’opposto speculare dello sguardo come nelle strutture a chiasmo delle filosofie neoplatoniche dove generazione ontologica e processo conoscitivo sono la stessa struttura percorsa in un senso o nell’altro, secondo un tempo logico o un tempo storico. In pratica è vero che la prospettiva vincola il soggetto, ma comunque lo implica, lo include. La prospettiva è fissa, ma c’è una prospettiva e dal momento che c’è, la prospettiva si può consapevolmente moltiplicare, si può spostare, si può sovrapporre ad altre. L’anamorfosi si realizza nel didascalico e oscillante alternarsi di prospettive sorprendentemente diverse, svelando il carattere artificiale e addirittura per certi versi falsifico della prospettiva centrale: ma tale gioco sarebbe stato possibile prima della prospettiva stessa? Piranesi crea rappresentazioni con più punti di fuga, mentre l’architetto barocco Andrea Pozzo comincia a cercare l’identificazione tra spazio reale e spazio rappresentato attraverso lo spazio scenico le cui coordinate sembrano valicare lo spazio delimitato da palco e quinte, in modo che lo spettatore se si volesse spostare ne vedrebbe altre parti. In filosofia questa tensione ascensiva viene riflessa nella filosofia di G.W.Leibniz che ipotizza una gerarchia di monadi, ognuna delle quali rispecchia l’intero universo da un determinato punto di vista, gerarchia che culmina nella monade suprema e cioè Dio (su questo torneremo dopo).  A Leibniz segue il prospettivismo di Nietzche e dello storicismo tedesco.

 

 

Cerca la pace nel correre!

 

La mia vita è come un film, solo che ha bisogno di montaggio: mancando le dissolvenze sono costretto a vivere tutte le scene sino in fondo.

 

 

Quanto alle tecnologie quali la fotografia ed il cinema, esse sono strettamente legate tra loro e con la questione che stiamo affrontando: la fotografia contribuisce a provocare una rivoluzione nelle arti figurative, in quanto si afferma come modello di perfetta mimesi di un oggetto o di un evento, al punto tale che Frazer nota che le popolazioni primitive avevano paura di essere fotografate, temendo che l’immagine fotografica sottraesse loro l’anima (e assimilando cioè la fotografia cioè allo specchio). De Balzac riprende questo motivo e ripropone quasi la teoria democritea dei simulacri dicendo che l’uomo è una figura composta da innumerevoli strati sovrapposti, che il dagherrotipo fissa su lastra d’argento, sottraendole progressivamente al corpo fotografato. Solo con il fotografo E.Atget e poi con M.Duchamp la fotografia riguadagna un’ autonomia artistica con la rivalutazione del suo carattere comunque interpretativo. Lo stesso Gombrich afferma che un fotografo non raccoglie tutte le fonti di energia luminosa , ma interviene attivamente a selezionare quelle che vuole riprodurre, cosa che fa anche l’occhio umano. Quello che però a me piace sottolineare è che la fotografia realizza (insieme all’ideale rammemorativo di ogni arte figurativa) quella concezione mistica del tempo propria di Angelus Silesius che nel Pellegrino cherubino dice che la rosa è ab aeterno in Dio così fiorita (tale concezione è ripresa da  A.Bazin quando parla dell’inquadratura cinematografica come forma di tempo sospeso). In uno schema psudo-hegeliano la fotografia è negazione del tempo e del divenire, mentre il cinema è la sintesi, cioè la ricostituzione consapevole del tempo attraverso il montaggio dei diversi fotogrammi, montaggio che nel suo moto di composizione e ricomposizione diventa interpretazione ed invenzione della realtà. E’ interessante a tal proposito vedere come questa relazione tra fotografia e cinema sia anticipata quasi profeticamente da Scoto Eriugena, un teologo britannico dell’VIII secolo un po’ marginalizzato dalla Chiesa, per il quale Dio nel suo incessante ripercorrere il suo stesso essere (un preludio alla Fenomenologia dello Spirito di Hegel) può essere considerato come un “moto stabile” (e qui possiamo pensare alla fotografia che eternizza un evento nel mentre si compie) oppure uno “stato mobile” (perché a tal proposito non pensare al cinema dove una serie di fotogrammi viene messa in movimento?).

Tuttavia se da un lato la fotografia (confermando le ipotesi sulla natura fisica della luce) ha implementato tante speculazioni metafisiche, dall’altro ha posto le premesse per qualsiasi ragionamento di tipo fisicalistico, cioè di un ragionamento che riduce le relazioni semiotiche a rapporti di causa ed effetto. Essa ha quindi preparato il trionfo del digitale, cioè della riconduzione di qualsiasi configurazione semantica a combinazioni di elementi assolutamente indifferenti alla sfera del significato: una fortuna per chi desidera manipolare le menti, una disgrazia per chi si augura che l’uomo agisca per delle ragioni e non sia invece mosso semplicemente da cause.

 

 

De venatione sapientiae (con o senza casco?)

 

A: Dove vai?

B: A pisciare. Puoi trovarmi sul sito www.cesso.it

(Altan)

 

La realtà virtuale più che contrapporsi alla prospettiva è la realizzazione di un sogno che con la prospettiva ha avuto inizio. Se la prospettiva ha aperto una vera e propria finestra su altri mondi, cominciando a disporli e ad ordinarli secondo la volontà del soggetto, così la realtà virtuale consente addirittura di aprire una porta su questi mondi (sia pure mondi fatti di ingegneristici aggregati di qualità), facendo sì che il corpo possa in un certo senso seguire lo sguardo, vedere ma anche toccare…

Si può in questa maniera guardare un oggetto immaginato da più punti di vista e dare le spalle ad una realtà che non dovrebbe effettivamente sussistere ma che in qualche modo esiste, se questi oggetti  addirittura interagiscono con noi, dimostrando in un certo senso la tesi di Al Ghazali (ripresa da H.Corbin) sul Mundus Imaginalis.

Finisco con un filosofo molto amato e cioè Giordano Bruno che negli Eroici Furori reinterpreta un altro mito, quello di Atteone che pure viene punito per avere scorto stavolta Diana (la dea dei cacciatori e qui dei cercatori della verità) che lo punisce in maniera quasi rovesciata rispetto a Tiresia: egli viene trasformato dalla dea in cervo e divorato perciò dai suoi stessi cani. Bruno interpreta il mito consapevole forse dei vincoli che la prospettiva pone non tanto ad un sapere assoluto, ma all’entusiastico desiderio di immersione nel Reale. Contrariamente a Leibniz, per il quale Dio è comunque una delle monadi (per quanto ne sia quella somma) e perciò  rimane una prospettiva che non riesce a riprodurre la sua stessa perfezione, ma può costituire solo il migliore dei mondi possibili, Giordano Bruno vuole proprio uscire dalla propria pelle ed in questo senso interpreta la trasformazione di Atteone in cervo: questo da cacciatore diventa cacciato e da osservatore diventa osservato; i cani sono le facoltà intellettuali che finiscono per imporre le loro griglie alla realtà per farla sparire. Stavolta però il loro attacco è al soggetto stesso con tutte le sue categorie mortali e la sua volontà di potenza. Il risultato è il superamento della prospettiva stessa verso un essere che è tutt’occhio a tutto l’orizzonte.

Chissà che la Realtà virtuale non sia un primo passo verso un analogo rifluire reciproco di tutte le facoltà e gli strumenti umani. E chissà se in questo stato di cose, l’adesione al mondo esterno così come adesso noi la concepiamo sia comunque il persistere di un freudiano principio di realtà, o la tensione propria di un’etica della responsabilità o più prosaicamente il frutto delle nostre insicurezze, presenti e future. Personalmente non so scegliere ancora tra queste alternative, anche se sono istintivamente convinto che la realtà effettuale non abbia bisogno di tanti riguardi epistemici, dal momento che differentemente da altri tipi di realtà, essa invade la nostra privacy senza che abbiamo fatto niente per andarla a cercare: un servizio direttamente a domicilio. 

 

 

 

Bibliografia breve

 

ARNHEIM, Rudolf, Intuizione e intelletto, Milano, Feltrinelli, 1987

CARCHIA, Gianni, D’ANGELO, Paolo (a cura di), Dizionario di estetica, Roma-Bari, Laterza, 1999

GREGORY, Richard L., Occhio e cervello, Milano, Cortina,1991

Mc LUHAN, Marshall, Il punto di fuga, Milano, Sugarco Edizioni, 1968

PANOFSKY, Erwin, La prospettiva come forma simbolica, Milano, Feltrinelli, 1984

 

 

 




permalink | inviato da il 13/8/2005 alle 15:49 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

sfoglia     luglio        settembre
 

 rubriche

Diario
Filosofia
Politica
Articoli
deliri
Schegge
Ontologia
Epistemologia
Storia
Ermeneutica
Conto e racconto
Comunismo

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

italo nobile
Periecontologia
blog filosofia analitica
porta di massa (filosofia)
Crisieconflitti
Blog di crisieconflitti
Rescogitans
Spettegolando
Being and existence
Josiah Royce
filosoficonet
Russell on proposition
Wittgenstein against Russell
Landini on Russell
Kalam argument
Internet enciclopedy of philosophy
Sifa
swif
Moses
Grayling
Bas Van Fraassen
Gilbert Harman
Nordic journal of Philosophical logic
Paideia Project
Ousia
Diogene : filosofare oggi
formamentis
riflessioni
Articoli filosofici
Ancient Philosophy
Dialegesthai
Hegel in MIA
MIA . risorse filosofiche
Gesù e la storia
piergiorgio odifreddi
renato palmieri
Dizionario sanscrito
Lessico aramaico
Cultura indù
Lessico indiano
Mitologie
Egittologia
Archeogate
Popoli antichi
Antichi testi cristiani
Bibbia
Testi biblici e religiosi
Agiografia
Eresie
Critica della Bibbia
Psychomedia
Rabindranath Tagore
La Pietà di Michelangelo
Sapere
google
Wikipedia
Libri in commercio
google traduttore
libri su google
Emiliano Brancaccio
Libri in commercio2
Dispense
crisieconflittiblog
l'ernesto
Essere comunisti
manifesto
Liberazione
Proteo Vasapollo
Appello degli economisti
Krisis
Rivista del Manifesto
n+1
Temi marxisti
Ripensare Marx
Gianfranco La Grassa
Ripensare Marx 2
Costanzo Preve
CriticaMente
Mercati esplosivi
Intermarx
Archivio marxista
35 ore
Gianfranco Pala
Contraddizione
falcemartello
Comunisti internazionalisti
Comedonchisciotte
Che fare
Teoria critica libertaria
Bellaciao
Anarcocomunisti
Informationguerrilla
Scambio senza denaro
Chaos
Guerra globale
Peacelink
Altraeconomia
Brianza popolare
indymedia napoli
Partito comunista internazionale
Prometeo
Giano
Cervetto
Rivoluzione comunista
P.C.internazionale (sinistra)
Teoria e prassi
Contropiano
Mazzetti
mazzetti2
vis a vis
Rotta comunista
Erre
Indymedia lavoro
Il pane e le rose
Articoli neweconomy
Noam Chomsky
Malcom X economia
La Voce.info
Z-Anarchismo
Iura Gentium
Domenico Gallo
Articolo 21
ansa
Openpolis
Asca (agenzia stampa)
Repubblica
Corriere della Sera
Adnkronos
Agenzia giornalistica italiana
Il Foglio
Informazioni on line
Rapporto Amnesty
Governo italiano
Inail
Avvisatore Parlamento
Inps
Istat
Censis
Rete no-global
Greenpeace
Utopie
Associazione pro Cuba
Rassegna stampa
Rassegna sindacale
Lucio Manisco
Nonluoghi
Osservatorio Balcani
Comunisti italiani
Rifondazione
Peace reporter
Centroimpastato
Democrazia e legalità
Società civile
Beppe Grillo
Alternative
Un mondo possibile
Laboratori di società
Antiutilitarismo
Mediawatch
Megachip
Le monde diplomatique
Report
Forum Palestina
Il filo rosso
Il Dialogo
Giulietto Chiesa
Guerraepace
Namaste
NensVisco Bersani
Unità
Sinistri progetti
Socialpress
Cafebabel
Terreliberedallamafia
Maria Turchetto
Carta
Carmilla
Lettera internazionale
Jacopo Fo
Globalproject
Attac
Anarchivio
Resistenze
Micromegas
Sbilanciamoci
War news
Tobin tax
Un ponte per
Uruknet
Lettera 22
Rainews
Reti invisibili
Centomovimenti
Euronews
Nidil Cgil
Chain workers
Cani sciolti
Ivan Ingrilli (sanità)
Sanità mondiale
Almanacco dei misteri
Rapporto Amnesty
Diritto del lavoro
Atlante geopolitico
Criticamente
Disinformazione
istitutobrunoleoni
Statistiche Bankit
Debitopubblico
Economia politica
Rasegna stampa economia
Dizionario economia
Cnel
formazionelavoratori
Confcommercio
Affari esteri
Teocollectorborse
Businessonline
Linneo economia
Economia e società aperta
Statistiche annuario ferrarese
Eures
Cgil Lombardia
Fondazione Di Vittorio
Fai notizia
Luogo comune
Zoopolitico
ok notizie
Wikio
La mia notizia
Youtube
Technorati
Blog
Answers
La leva di Archimede
Eguaglianzaelibertà
Liberanimus
Link economici
campioni pugilato
All words (dizionari)
Babelfish traduttore
Dieta
Cucina 2 : Buonissimo
Calorie
Cucina
Primi piatti
Dieta 2
Last minute
Dica 33
Schede medicinali
Dizionario etimologico
Dizionari
E-testi
Foto da internet
Ferrovie dello Stato
La Gazzetta dello Sport
Incucina
Cucina napoletana
Tabelle nutrizionali
Altalex
Pagine bianche
Calcola inflazione e interessi
Film Tv
Fuoco
Studium
Amica Mia di Pigura
prc valdelsa
Siddhartino
Altromedia
Trashopolis
lotte operaie nel mondo
vulvia
Korvo Rosso
La tela di Penelope
Conteoliver
Mario
Cloroalclero
Fronesis
Il mondo di Galatea
Polpettine
Tisbe
Lameduck
aiuto
Daciavalent
Arabafenice
Batsceba
Pibua
Guevina
Vietato cliccare
Cattivomaestro
Khayyamsblog
Francesco Nardi
Alex321
Ciromonacella
Comicomix
Devarim
Raccoon
La grande crisi del 2009 (cronache)
Giornalettismo
Zio Antonio
Radioinsurgente
Garbo
Vita da St(r)agista
sonolaico
serafico
jonathan fanesi
Valhalla
Millenniumphoenix
gianfalcovignettista
occhidaorientale
Undine
Capemaster
Mimovo
antonio barbagallo
Nefeli
Secondoprotocollo
Nessunotocchisaddam
Pragmi
Rigitans
Alessandro
Formamentisblog
Corso di traduzione letteraria
Filosofia del web
Mediamente
Psicopolis
Blog cognitivismo
Dswelfare
Caffeeuropa
Stefano Borselli
Domenico De simone
Andrea Agostini
democrazia diretta
Finkelstein
Movisol
Società e conflitto
menoStato
Settantasette
la Cia
misteri e cospirazioni
Globalizzazione
Centroimpastato
Tugan Baranovsky
Wright su reddito garantito
Contro il lavoro
Assenteismo e operai
Auschwitz e il marxismo
Cestim migrazioni
Salute naturale
Signoraggio
Umanitànova
Crisi della liquidità
Cooperazione tra cervelli
La Grassa su Bettelheim
Marx e Lange
Gramsci e la globalizzazione
Marx e la crisi
Prc quinto Congresso
Lessico gramsciano
Il virus inventato
Lotte disoccupati francesi
Biospazio
Storia nonviolenza
Tax justice network
Marx e la crisi
Seminari della controra
Valori e prezzi
Veti Usa a risoluzioni Onu
Anarchici
Nuovi mondi media
Stele e cartigli egizi
Libro dei morti
Egitto
Egitto2
Egitto3
Egitto4
Egitto5
Storia delle Brigate Rosse
Guide di Dada net
Aljazira.it
Arab monitor
Il Giornale
Cultura cattolica
Il denaro
Aldo Pietro Ferrari
Asianews
Storia della birra
Storia contemporanea
Dossier Legge Biagi
Ateneonline

Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom