.
Annunci online

  pensatoio passeggiate per digerire l'attuale fase storica
 
Diario
 


 

 

Sono marxista

 




Darfur Day

Annuncio Pubblicitario

gaza_black_ribbon






sotto la media l'Italia arranca, con questi media l'Italia crepa







  


        
Articoli di filosofia

Il futuro delle filosofie
http://www.italonobile.it/Il%20futuro%20delle%20filosofie.htm

L'argomentazione apagogica sulla verità in Vittorio Hosle
http://www.italonobile.it/Esiste%20verità.htm

Pensiero di Pensiero...
http://www.italonobile.it/pensiero%20di%20pensiero.htm

La teoria delle descrizioni definite di Bertrand Russell

La x è solo un segno ?

Dall'assenza del segno al segno dell'assenza

Dallo zero alla variabile


Frege e la negazione

Frege e l'esistenza

Senso e denotazione in G. Frege

Concetto e Oggetto in G. Frege

Frege e la logica

Frege e il pensiero

Concetto e rappresentazione in G.Frege

Funzione e concetto in G. Frege

Il senso e la denotazione dei concetti in Frege

La connessione dei concetti in Frege

Ontologia del virtuale
http://www.italonobile.it/Ontologia%20del%20virtuale.htm

L'eliminazione della metafisica di R. Carnap

Conoscenza e concetto in M. Schlick

Schlick e la possibilità di altre logiche

Tempo e spazio in Schlick

Schlick e le categorie kantiane

Apparenza e realtà in Schlick

Concetti e giudizi in Schlick

Analitico e sintetico in Schlick

Evidenza e percezione in Schlick

Giudizio e conoscenza in Schlick

Il reale secondo Schlick

La critica di Schlick all'intuizione

Definizioni e sistemi formali in Schlick

La logica in Schlick

La verificazione in Schlick

La verità in Schlick

Lo scetticismo nell'analisi secondo Schlick

Lo scopo della conoscenza in Schlick

Logico e psicologico in Schlick

L'unità di coscienza secondo Schlick

Schlick e la svolta della filosofia

Schlick e l'induzione

Matematica e realtà in Schlick


Alexius von Meinong e la teoria dell'oggetto


Bernard Bolzano e una logica per la matematica

Contenuto e oggetto in Kazimierz Twardowski

Jean Piaget e la conservazione delle quantità continue

L'attualità di Feyerabend

Sul Gesù storico
http://www.italonobile.it/La%20spartizione%20delle%20vesti.htm

La coscienza secondo Thomas Nagel
http://www.italonobile.it/la%20doppia%20vita%20del%20conte%20Dracula.htm

Filosofia e visione
http://www.italonobile.it/l'immagine%20della%20filosofia.htm
http://pensatoio.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=614562

Ermeneutica della luce e dell'ombra
http://www.italonobile.it/all'ombra%20della%20luce.htm
http://pensatoio.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=614557

Il test di Fantuzzing: mente e società
http://www.italonobile.it/Test%20di%20Fantuzzing.htm

Metafisica oggi
http://www.italonobile.it/metafisica.htm

La merce in Marx

Una teoria marxista della crisi : un primo livello di riflessione


Globalizzazione economica e giuridica
http://www.italonobile.it/globalizzazione.htm
http://pensatoio.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=615609

Guerra, marxismo e nonviolenza
http://www.italonobile.it/Guerra,%20marxismo%20e%20non%20violenza.htm
http://pensatoio.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=615613

Utopia e stato d'eccezione
http://www.italonobile.it/utopia%20e%20stato%20d'eccezione.htm
http://pensatoio.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=622445

Il reddito di cittadinanza
http://www.crisieconflitti.it/public/Nobile1.pdf

Keynes da un punto di vista marxista

Appunti marxiani 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10



STORIA DEI NUMERI E DELLE CIFRE NUMERICHE
http://www.italonobile.it/genealogia%20della%20matematica.htm

La comunicazione nel linguaggio scientifico e la filosofia

 http://pensatoio.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=614558



Lemmi Wikipedia da me integrati
Alexius Meinong
Bernard Bolzano
Storia dei numeri
Sistema di numerazione
Sistema di numerazione cinese
Sistema di numerazione maya


Il Capitale di Marx e altro
1 2  3  4  6  7  8  9
10  11  12  13  14  15  
16  17  18  19  20  21
22  23  24  25  26  27
28  29  30  31  32 

 

Dibattito su Emiliano Brancaccio
1 2 3

Quelli che la crisi l'avevano prevista

Cazzari Nobel

Le molte cazzate del Nobel cazzaro

 

DISCLAIMER (ATTENZIONE):
l'Autore dichiara di non essere
responsabile per i commenti
inseriti nei post. Eventuali
commenti dei lettori, lesivi
dell'immagine o dell'onorabilità
di persone terze non sono da
attribuirsi all'Autore, nemmeno se
il commento viene espresso
in forma anonima o criptata.







15 agosto 2005



GUERRA, MARXISMO E NONVIOLENZA

 

 

 

Premessa terminologica

 

Violenza

Aggressione da parte di un soggetto consistente nell’attacco fisico verso un altro soggetto o nella violazione dei diritti di quest’ultimo.

Guerra

Forma del conflitto collettivo (tra Stati o più generalmente tra gruppi che rivendicano a sé un’autorità politica) che si esercita attraverso la violenza organizzata (in genere il conflitto armato)

 

 

Guerra e filosofia

 

Ancora oggi, 150 anni dopo Marx, il rapporto della filosofia con la guerra e la violenza rimane ambiguo, metaforico, dilettantesco.

Da un lato, l’estensione almeno formale dei diritti e quella più concreta dei bisogni espandono l’ambito semantico del termine “violenza”. L’ambiguità della filosofia  sta però nel considerare tale espansione già avvenuta ad infinitum e nel considerare tutte le forme di violenza sullo stesso piano, concorrendo così ad accrescere la violenza materiale, che, mimetizzandosi in un’indistinta ed onniabbracciante violenza della filosofia, guadagna quasi credibilità come forma schietta e viscerale, priva di qualsiasi ipocrita copertura, di quest’ultima.

E.Severino ad es.[1] subordinando la condanna della guerra alla detenzione della verità finisce per

  • Suggerire di nuovo la  vecchia metafora eraclitea della guerra come metafora della stessa esistenza materiale.
  • Ridurre tutta la violenza a guerra.
  • Considerare la lotta che la civiltà fa alla violenza come violenza essa stessa
  • Considerare ogni tipo ed ogni tentativo di dialogo come logo e dunque come violenza
  • Concludere che “vita”, “pace” e “rispetto del prossimo” non differiscono nella loro essenza da “morte”, “guerra” e “violenza”.

Come si vede, la procedura concettuale della coincidentia oppositorum ad infinitum (a parere di chi scrive uno dei cardini della metafisica e dell’ontologia) viene utilizzata per dissolvere criteri di valutazione pratica che avrebbero avuto miglior sorte se si fosse partiti da prospettive più modeste e circoscritte, invece di scomodare la potenza di fuoco dell’Assoluto filosofico per annientare un affare umano…troppo umano.

Del resto anche la strategia di Gianno Vattimo[2], che considera la verità non come il presupposto della condanna della violenza, ma come l’idea che invece favorisce la violenza stessa, compie il medesimo errore, cioè quello di pensare che dall’ontologia e dalle sue antinomie si possa dedurre un’etica, per cui ha comunque bisogno di togliere l’Assoluto (e fare così metafisica…) perché si possa delineare un’etica umana qualsiasi…debole che dir si voglia.

 

Un altro tipo di guerra?

 

Non meno avventati sembrano essere alcuni studi che vorrebbero individuare nei conflitti recenti una prova del fatto che la guerra sta radicalmente cambiando volto. Mary Kaldor prendendo ad es. le guerre in Ruanda ed in Bosnia Erzegovina teorizza che la guerra non sia più monopolio degli Stati nazionali [3]. Quando però affronta la prevedibile e sensata obiezione che trattasi di guerre civili, nel rifiutare tale equivalenza riduce le “guerre civili” a “guerre locali”. Anche in questo caso l’enfasi sulla novità dell’evento ha come costo una definizione troppo povera delle categorie già note e degli eventi passati.

Umberto Eco[4]  invece parla prima di neo-guerra (dove l’informazione invade il fronte riportando tutto all’opinione pubblica e mediatica mondiale) e poi di guerra diffusa (quella scatenata da Osama bin Laden e che non avrebbe fronte né possibilità di contrapposizione netta). Egli confonde la spettacolarizzazione mediatica di una guerra sin troppo certa nei suoi esiti con una vera trasparenza informativa (quando invece altri analisti concluderanno che con la prima guerra del Golfo[5] il free flow of informations che aveva caratterizzato la guerra in Vietnam è stato solo apparente). Inoltre, pur denunciando l’inanità della risposta Usa all’attentato delle due torri,non ha nessun dubbio sul fatto che la guerra in Afghanistan sia una risposta all’attentato (che sarebbe dunque un atto di guerra) e non un conflitto del tutto autonomo, con specifici obiettivi strategici.

Infine Carlo Galli [6] sostiene (in parte analogamente ad Eco) che la globalizzazione rivoluziona le categorie della guerra e perciò anche della politica (la frontiera, il nemico, il telos dell’azione politica etc.). In realtà Galli sembra intendere per categorie della politica quelle elaborate da Karl Schmitt, per cui la sua meraviglia dinanzi al nuovo è forse un po’ provinciale…

Queste analisi sembrano trascurare il fatto insomma che le guerre sono difficilmente raggruppabili in una tipologia[7] ed inoltre il fatto che si riferiscano a tre casi diversi (Prima guerra del Golfo, guerra bosniaca, attentato dell’11 Settembre) fa pensare al fatto che qualcuno interpreta il termine inglese “news” in maniera sin troppo letterale.

 

 

Guerra e marxismo

 

Per non sorprenderci troppo spesso e parlare di svolte epocali ad ogni apertura di giornale, ci rifaremo ad una tradizione cognitiva e politica che è quella marxista.

Per questa tradizione le guerre come tutti i fenomeni storico-sociali sono storicamente determinate ed ognuna con la sua specificità, sono fortemente interrelate con la dimensione sociale ed economica della storia (da cui non si può prescindere) ed esigono una risposta politica di volta in volta appropriata.

Queste premesse ci devono già rendere diffidenti verso l’utilizzo metaforico e generico di categorie filosofiche all’interno di analisi concrete fatte nel corso del dibattito pubblico.

Tuttavia è possibile, con categorie marxiste, tentare di realizzare un’ipotesi complessiva sulle guerre del  XX secolo e di questo scorcio di inizio millennio. Molte guerre del XX secolo sono legate a doppio filo con quello che si definisce imperialismo e cioè la fase del modo capitalistico di produzione (sorta negli ultimi decenni del XIX secolo) in cui[8] :

1.      Vi è una forte concentrazione della produzione e del capitale con conseguente formazione di monopoli.

2.      Vi è una fusione del capitale bancario con il capitale industriale a formare il capitale finanziario con una sua oligarchia.

3.      Una grande importanza acquistata dall’esportazione di capitale rispetto all’esportazione di merci

4.      La compiuta ripartizione del mondo tra le più grandi potenze capitalistiche.

 

La guerra è lo sbocco necessario di questa spartizione, di questo conflitto tra potenze militari che supportano i capitali nazionali in via d’espansione. Il colonialismo e la prima guerra mondiale sono esempi da manuale della teoria di Lenin.

La rivoluzione d’Ottobre e l’ascesa del nazismo in Germania riportano lo scenario mondiale in una situazione più inedita e difficile da analizzare : da un lato sembra di trovarsi di fronte all’alleanza di un paese teso verso la transizione al socialismo con la parte meno reazionaria dello schieramento capitalistico contro una dittatura terroristica aperta agli elementi più imperialistici del capitale finanziario[9]. Eppure questa interpretazione è quanto meno incompleta e va integrata da un’analisi dell’esperienza sovietica che tenga conto della tesi che considera l’URSS un capitalismo di stato[10] (o come in Charles Bettelheim, un capitalismo di partito): in questo modo anche la Seconda Guerra Mondiale potrebbe rientrare all’interno dei conflitti interimperialistici.

La Guerra Fredda condusse ad una situazione ancora diversa: la sostanziale equivalenza militare tra i due blocchi e la presenza dell’atomica, costringeva a spostare in maniera permanente lo scenario del conflitto intercapitalistico in quello che verrà poi chiamato Terzo Mondo (si pensi alle guerre di Corea e Vietnam, alle guerre di liberazione coloniale ed a quelle in Medio Oriente)[11]. D’altro canto in livelli alti dello sviluppo capitalistico il compromesso tra capitale e frange della classe operaia europea ed americana (compromesso raggiunto con la lotta di classe, permesso dallo sviluppo imperialistico e garantito dalla potenza sovietica) dava origine al cosiddetto Welfare/Warfare State[12]. La possibilità che uno Stato funzionale all’accumulazione capitalistica potesse realizzare il plusvalore attraverso anche e soprattutto la spesa militare fu intuita da Rosa Luxemburg[13] ed elaborata più compiutamente da Michal Kalecki[14]. Questa tesi però diventa famosa (sempre dopo la denuncia di Eisenhower) con Baran e Sweezy[15], per i quali nel capitalismo monopolistico si manifesta la tendenza crescente a produrre più plusvalore di quanto possa trovare convenienti sbocchi di investimento: negli anni del conflitto coreano venne presa la decisione di fare della produzione bellica una permanente caratteristica dell’economia americana. Baran e Sweezy nel loro scritto esprimono anche dubbi sull’efficacia della spesa militare come strumento di stimolo all’economia: la sempre nuova tecnologia di guerra non consentirebbe infatti un grande incremento occupazionale né un’ulteriore espansione della spesa e dei consumi.I due autori riescono anche a prevedere lucidamente che comunque gli Usa avrebbero continuato ad effettuare spese militari a prescindere dalle emergenze e intuirono l’importanza, nonostante le apparenze, delle armi convenzionali (che in versioni raffinate sono state protagoniste nella Prima Guerra del Golfo).

C’è da dire però che pur riconoscendo i limiti denunciati da Baran e Sweezy, tuttavia la spesa militare:

·        Svolge pur sempre una funzione di stimolo in periodi di recessione, anche se non risolutiva.

·        La parte del bilancio militare dedicata alle forniture, poiché versata in anticipo, favorisce gli investimenti privati dei fornitori stessi

·        Incrementando la domanda di materie prime e semilavorati, incrementa gli investimenti delle industrie civili[16]

·        Consente comunque al mercato di consumo di assorbire il plusprodotto incorporato nella massa del plusvalore medesimo[17]

 

Il crollo dell’Urss  inaugura una fase di monopolarismo debole ad egemonia Usa che consente al capitale, venuti meno i vincoli della semiperiferia “socialista”, di circolare liberamente nel mondo. Accanto alla spesa militare di tipo keynesiano già descritta, si affianca l’intervento bellico effettivo (che per più di 10 anni, dal 1975 al 1986 era stato del tutto inibito, tranne il catastrofico tentativo in Iran), con la prima Guerra del golfo, l’intervento imperialistico in senso proprio riacquista incidenza e gli Usa riprendono più apertamente la loro guerra (al momento indiretta) con la nascente Europa ed un Giappone all’inizio del proprio rallentamento economico. La seconda Guerra del golfo, che si sta preparando in questi mesi, concilia

·        sia il tentativo di stimolare keynesianamente l’economia attraverso la spesa militare

·        sia l’obiettivo di controllare il prezzo del petrolio, attraverso il controllo di giacimenti e circuiti di distribuzione e raffinazione del greggio[18]

·        sia il tentativo di mettere in difficoltà strategica ed economica i paesi europei ed il Giappone[19]

Comunque il ricorso frequente alla guerra non è per gli Usa un dato solo positivo, ma anche il segnale di una difficoltà, quella degli Stati nazionali di controllare un processo capitalistico di produzione ormai transazionale[20]

 

 

Marxismo, pacifismo e nonviolenza

 

Il movimento operaio ha sempre combattuto contro la guerra, memore delle dichiarazioni fatte nel 1870 da Marx, secondo il quale la pace era la legge internazionale della società nuova, in quanto il lavoro ne era la legge nazionale[21].

Tuttavia il presupposto di questa lotta non era per la tradizione marxista un pacifismo ingenuo (o ipocrita) e idealistico, ma il frutto di un’analisi e di una strategia che fu Lenin allo scoppio della Prima Guerra mondiale a chiarire articolatamente[22] : bisognava trasformare la guerra imperialistica in guerra civile ed approfittare della guerra stessa per dare corpo a processi rivoluzionari. Come si vede si tratta semplicemente di portare la violenza al livello giusto ed opportuno per gli interessi della classe lavoratrice, non di pensare di allontanare guerra e violenza dalla storia.

In realtà nonviolenza e marxismo appartengono ad universi di discorso molto diversi ed anche il tentativo di mediazione concettuale più interessante[23] non tiene conto che il problema nel marxismo è alla fonte e consiste nel fatto se sia possibile inserire una dimensione etica nella prassi rivoluzionaria, senza ritornare a forme di socialismo utopistico. E’ comunque positivo il fatto che spesso, nel movimento pacifista, la tradizione marxista e quella nonviolenta abbiano lavorato fianco a fianco e questo ha creato un clima comune basato su concrete e quotidiane pratiche di lotta. Da un lato è plausibile credere che nei paesi dove la repressione del dissenso sia meno brutale, le pratiche nonviolente conquisteranno uno spazio crescente (anche se l’esperienza di Gandhi stesso, dei buddisti in Indocina e dei kosovari nella prima fase della loro lotta possono essere basi per più ambiziose speranze future). Al tempo stesso tali pratiche dovranno essere una variante all’interno di un ventaglio di opzioni che, pur tenendo presente la nonviolenza come ideale regolativo, comprenderanno pragmaticamente anche momenti di lotta cruenta quanto meno difensiva, ma soprattutto l’adattamento delle modalità di lotta alle circostanze storiche presenti in quella situazione.

Infine perché nel marxismo si instauri il germoglio della nonviolenza ci vogliono essenzialmente due condizioni:

1.      La crisi del sistema capitalistico deve essere talmente forte che la resistenza alla repressione possa essere vincente anche partendo da una forte asimmetria militare a favore degli avversari

2.      La fine del modo capitalistico di produzione, non essendo automaticamente l’instaurazione del socialismo, dovrà motivare la sussistenza di un problema di legittimazione e di consenso che qualifichi i processi politici successivi in senso pacifico e democratico, tali cioè da incoraggiare pratiche nonviolente di regolazione dei conflitti[24]. 

 

 



[1]  SEVERINO, Emanuele, La guerra,Milano, Rizzoli,1992 pp.50-88

[2]  (2) VATTIMO, Gianni, Metafisica,violenza,secolarizzazione,in Filosofia 86, Roma-Bari, Laterza, 1987, pp.71-94.

 

 

.

 

[3] KALDOR, Mary, Le nuove guerre, Roma, Carocci, 1999

[4] ECO, Umberto, Guerra diffusa, l’Espresso, 12 settembre 2002, pp.44-50

[5] Per Prima Guerra del Golfo si intende qui la guerra del 1991 tra Usa (più Europa) ed Iraq e non la precedente guerra tra Iraq ed Iran.

[6] GALLI, Carlo, La guerra globale, Roma-Bari, Laterza, 2002

[7] Per una rassegna di casi che mettono in questione categorie consolidate vedi KEEGAN, John, La grande storia della guerra,Milano, Mondatori, 1994

[8] LENIN, Vladimir Il’ic, L’Imperialismo, fase suprema del capitalismo, Roma, Editori riuniti, 1974. p.128

[9] DIMITROV, Georgij, L’offensiva del fascismo e i compiti dell’IC nella lotta per l’unità della classe operaia contro il fascismo in SACCOMANI, Edda (a cura di), Le interpretazioni sociologiche del fascismo, Torino, Loescher, 1977 pp. 135-139.

[10] GRILLI, Liliana, Amadeo Bordiga: capitalismo sovietico e comunismo, Milano, La Pietra, 1982, pp.36-37.

[11] Anche se risultò utopica l’alternativa Socialismo o morte; per questo vedi CORTESI, Luigi, Le armi della critica, Napoli, Cuen, 1991, pp.43-62.

[12] O’CONNOR, James, La crisi fiscale dello Stato, Torino, Einaudi, 1979, pp.170-181.

[13] LUXEMBURG, Rosa, L’accumulazione del capitale, Torino, Einaudi, 1968, p.455.

[14] CHILOSI, Alberto, Introduzione a KALECKI, Michal, Sul capitalismo contemporaneo, Roma, Editori Riuniti, 1975 pp.XI-XIII

[15] BARAN, Paul A., e SWEEZY, Paul M., Il capitale monopolistico,Torino, Einaudi, 1968, pp.151-183

[16] LO,Clarence Y.H., Le contrastanti funzioni della spesa militareUsa, in AA.VV., Stato e accumulazione del capitale, Milano, Mazzotta ed., 1977, pp.212-235.

[17] CIUFO, Angelo, Crisi economica e Guerra del golfo, Pescara, Ed.Tracce, 1991, pp.61-62.

[18] AA.VV., Il gioco del capitale,Lavorincorso, Napoli , 2002, pp.65-86

[19] CARARO,Sergio, Union Sacreè “contro il terrorismo o nuova forma delle contraddizioni imperialistiche? in AA.VV., Il mondo dopo Manhattan, Napoli, Città del Sole,2002, pp.32-41

[20] GRAZIANI, Augusto, Un mondo globalizzato, in l’Ernesto, Cremona, Settembre/Ottobre 2002 pp.63-67.

[21] REBERIOUX, Madeleine, Il dibattito sulla guerra in Storia del marxismo, Torino, Einaudi, 1979, vol.II, pp.897-935

[22] LENIN, Vladimir, Il’ic, La guerra e la socialdemocrazia russa, in LENIN, Opere, Roma, Ed.Riuniti, 1965, pp.541-547

[23] PONTARA,Giuliano, Antigone o Creonte, Roma, Ed.Riuniti, 1990, pp.75-119

[24] Per una discussione su tali pratiche GALTUNG, Johan, Gandhi oggi, Torino, Ed.Gruppo Abele, 1987.




permalink | inviato da il 15/8/2005 alle 14:46 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

sfoglia     luglio        settembre
 

 rubriche

Diario
Filosofia
Politica
Articoli
deliri
Schegge
Ontologia
Epistemologia
Storia
Ermeneutica
Conto e racconto
Comunismo

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

italo nobile
Periecontologia
blog filosofia analitica
porta di massa (filosofia)
Crisieconflitti
Blog di crisieconflitti
Rescogitans
Spettegolando
Being and existence
Josiah Royce
filosoficonet
Russell on proposition
Wittgenstein against Russell
Landini on Russell
Kalam argument
Internet enciclopedy of philosophy
Sifa
swif
Moses
Grayling
Bas Van Fraassen
Gilbert Harman
Nordic journal of Philosophical logic
Paideia Project
Ousia
Diogene : filosofare oggi
formamentis
riflessioni
Articoli filosofici
Ancient Philosophy
Dialegesthai
Hegel in MIA
MIA . risorse filosofiche
Gesù e la storia
piergiorgio odifreddi
renato palmieri
Dizionario sanscrito
Lessico aramaico
Cultura indù
Lessico indiano
Mitologie
Egittologia
Archeogate
Popoli antichi
Antichi testi cristiani
Bibbia
Testi biblici e religiosi
Agiografia
Eresie
Critica della Bibbia
Psychomedia
Rabindranath Tagore
La Pietà di Michelangelo
Sapere
google
Wikipedia
Libri in commercio
google traduttore
libri su google
Emiliano Brancaccio
Libri in commercio2
Dispense
crisieconflittiblog
l'ernesto
Essere comunisti
manifesto
Liberazione
Proteo Vasapollo
Appello degli economisti
Krisis
Rivista del Manifesto
n+1
Temi marxisti
Ripensare Marx
Gianfranco La Grassa
Ripensare Marx 2
Costanzo Preve
CriticaMente
Mercati esplosivi
Intermarx
Archivio marxista
35 ore
Gianfranco Pala
Contraddizione
falcemartello
Comunisti internazionalisti
Comedonchisciotte
Che fare
Teoria critica libertaria
Bellaciao
Anarcocomunisti
Informationguerrilla
Scambio senza denaro
Chaos
Guerra globale
Peacelink
Altraeconomia
Brianza popolare
indymedia napoli
Partito comunista internazionale
Prometeo
Giano
Cervetto
Rivoluzione comunista
P.C.internazionale (sinistra)
Teoria e prassi
Contropiano
Mazzetti
mazzetti2
vis a vis
Rotta comunista
Erre
Indymedia lavoro
Il pane e le rose
Articoli neweconomy
Noam Chomsky
Malcom X economia
La Voce.info
Z-Anarchismo
Iura Gentium
Domenico Gallo
Articolo 21
ansa
Openpolis
Asca (agenzia stampa)
Repubblica
Corriere della Sera
Adnkronos
Agenzia giornalistica italiana
Il Foglio
Informazioni on line
Rapporto Amnesty
Governo italiano
Inail
Avvisatore Parlamento
Inps
Istat
Censis
Rete no-global
Greenpeace
Utopie
Associazione pro Cuba
Rassegna stampa
Rassegna sindacale
Lucio Manisco
Nonluoghi
Osservatorio Balcani
Comunisti italiani
Rifondazione
Peace reporter
Centroimpastato
Democrazia e legalità
Società civile
Beppe Grillo
Alternative
Un mondo possibile
Laboratori di società
Antiutilitarismo
Mediawatch
Megachip
Le monde diplomatique
Report
Forum Palestina
Il filo rosso
Il Dialogo
Giulietto Chiesa
Guerraepace
Namaste
NensVisco Bersani
Unità
Sinistri progetti
Socialpress
Cafebabel
Terreliberedallamafia
Maria Turchetto
Carta
Carmilla
Lettera internazionale
Jacopo Fo
Globalproject
Attac
Anarchivio
Resistenze
Micromegas
Sbilanciamoci
War news
Tobin tax
Un ponte per
Uruknet
Lettera 22
Rainews
Reti invisibili
Centomovimenti
Euronews
Nidil Cgil
Chain workers
Cani sciolti
Ivan Ingrilli (sanità)
Sanità mondiale
Almanacco dei misteri
Rapporto Amnesty
Diritto del lavoro
Atlante geopolitico
Criticamente
Disinformazione
istitutobrunoleoni
Statistiche Bankit
Debitopubblico
Economia politica
Rasegna stampa economia
Dizionario economia
Cnel
formazionelavoratori
Confcommercio
Affari esteri
Teocollectorborse
Businessonline
Linneo economia
Economia e società aperta
Statistiche annuario ferrarese
Eures
Cgil Lombardia
Fondazione Di Vittorio
Fai notizia
Luogo comune
Zoopolitico
ok notizie
Wikio
La mia notizia
Youtube
Technorati
Blog
Answers
La leva di Archimede
Eguaglianzaelibertà
Liberanimus
Link economici
campioni pugilato
All words (dizionari)
Babelfish traduttore
Dieta
Cucina 2 : Buonissimo
Calorie
Cucina
Primi piatti
Dieta 2
Last minute
Dica 33
Schede medicinali
Dizionario etimologico
Dizionari
E-testi
Foto da internet
Ferrovie dello Stato
La Gazzetta dello Sport
Incucina
Cucina napoletana
Tabelle nutrizionali
Altalex
Pagine bianche
Calcola inflazione e interessi
Film Tv
Fuoco
Studium
Amica Mia di Pigura
prc valdelsa
Siddhartino
Altromedia
Trashopolis
lotte operaie nel mondo
vulvia
Korvo Rosso
La tela di Penelope
Conteoliver
Mario
Cloroalclero
Fronesis
Il mondo di Galatea
Polpettine
Tisbe
Lameduck
aiuto
Daciavalent
Arabafenice
Batsceba
Pibua
Guevina
Vietato cliccare
Cattivomaestro
Khayyamsblog
Francesco Nardi
Alex321
Ciromonacella
Comicomix
Devarim
Raccoon
La grande crisi del 2009 (cronache)
Giornalettismo
Zio Antonio
Radioinsurgente
Garbo
Vita da St(r)agista
sonolaico
serafico
jonathan fanesi
Valhalla
Millenniumphoenix
gianfalcovignettista
occhidaorientale
Undine
Capemaster
Mimovo
antonio barbagallo
Nefeli
Secondoprotocollo
Nessunotocchisaddam
Pragmi
Rigitans
Alessandro
Formamentisblog
Corso di traduzione letteraria
Filosofia del web
Mediamente
Psicopolis
Blog cognitivismo
Dswelfare
Caffeeuropa
Stefano Borselli
Domenico De simone
Andrea Agostini
democrazia diretta
Finkelstein
Movisol
Società e conflitto
menoStato
Settantasette
la Cia
misteri e cospirazioni
Globalizzazione
Centroimpastato
Tugan Baranovsky
Wright su reddito garantito
Contro il lavoro
Assenteismo e operai
Auschwitz e il marxismo
Cestim migrazioni
Salute naturale
Signoraggio
Umanitànova
Crisi della liquidità
Cooperazione tra cervelli
La Grassa su Bettelheim
Marx e Lange
Gramsci e la globalizzazione
Marx e la crisi
Prc quinto Congresso
Lessico gramsciano
Il virus inventato
Lotte disoccupati francesi
Biospazio
Storia nonviolenza
Tax justice network
Marx e la crisi
Seminari della controra
Valori e prezzi
Veti Usa a risoluzioni Onu
Anarchici
Nuovi mondi media
Stele e cartigli egizi
Libro dei morti
Egitto
Egitto2
Egitto3
Egitto4
Egitto5
Storia delle Brigate Rosse
Guide di Dada net
Aljazira.it
Arab monitor
Il Giornale
Cultura cattolica
Il denaro
Aldo Pietro Ferrari
Asianews
Storia della birra
Storia contemporanea
Dossier Legge Biagi
Ateneonline

Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom