.
Annunci online

  pensatoio passeggiate per digerire l'attuale fase storica
 
Storia
 


 

 

Sono marxista

 




Darfur Day

Annuncio Pubblicitario

gaza_black_ribbon






sotto la media l'Italia arranca, con questi media l'Italia crepa







  


        
Articoli di filosofia

Il futuro delle filosofie
http://www.italonobile.it/Il%20futuro%20delle%20filosofie.htm

L'argomentazione apagogica sulla verità in Vittorio Hosle
http://www.italonobile.it/Esiste%20verità.htm

Pensiero di Pensiero...
http://www.italonobile.it/pensiero%20di%20pensiero.htm

La teoria delle descrizioni definite di Bertrand Russell

La x è solo un segno ?

Dall'assenza del segno al segno dell'assenza

Dallo zero alla variabile


Frege e la negazione

Frege e l'esistenza

Senso e denotazione in G. Frege

Concetto e Oggetto in G. Frege

Frege e la logica

Frege e il pensiero

Concetto e rappresentazione in G.Frege

Funzione e concetto in G. Frege

Il senso e la denotazione dei concetti in Frege

La connessione dei concetti in Frege

Ontologia del virtuale
http://www.italonobile.it/Ontologia%20del%20virtuale.htm

L'eliminazione della metafisica di R. Carnap

Conoscenza e concetto in M. Schlick

Schlick e la possibilità di altre logiche

Tempo e spazio in Schlick

Schlick e le categorie kantiane

Apparenza e realtà in Schlick

Concetti e giudizi in Schlick

Analitico e sintetico in Schlick

Evidenza e percezione in Schlick

Giudizio e conoscenza in Schlick

Il reale secondo Schlick

La critica di Schlick all'intuizione

Definizioni e sistemi formali in Schlick

La logica in Schlick

La verificazione in Schlick

La verità in Schlick

Lo scetticismo nell'analisi secondo Schlick

Lo scopo della conoscenza in Schlick

Logico e psicologico in Schlick

L'unità di coscienza secondo Schlick

Schlick e la svolta della filosofia

Schlick e l'induzione

Matematica e realtà in Schlick


Alexius von Meinong e la teoria dell'oggetto


Bernard Bolzano e una logica per la matematica

Contenuto e oggetto in Kazimierz Twardowski

Jean Piaget e la conservazione delle quantità continue

L'attualità di Feyerabend

Sul Gesù storico
http://www.italonobile.it/La%20spartizione%20delle%20vesti.htm

La coscienza secondo Thomas Nagel
http://www.italonobile.it/la%20doppia%20vita%20del%20conte%20Dracula.htm

Filosofia e visione
http://www.italonobile.it/l'immagine%20della%20filosofia.htm
http://pensatoio.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=614562

Ermeneutica della luce e dell'ombra
http://www.italonobile.it/all'ombra%20della%20luce.htm
http://pensatoio.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=614557

Il test di Fantuzzing: mente e società
http://www.italonobile.it/Test%20di%20Fantuzzing.htm

Metafisica oggi
http://www.italonobile.it/metafisica.htm

La merce in Marx

Una teoria marxista della crisi : un primo livello di riflessione


Globalizzazione economica e giuridica
http://www.italonobile.it/globalizzazione.htm
http://pensatoio.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=615609

Guerra, marxismo e nonviolenza
http://www.italonobile.it/Guerra,%20marxismo%20e%20non%20violenza.htm
http://pensatoio.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=615613

Utopia e stato d'eccezione
http://www.italonobile.it/utopia%20e%20stato%20d'eccezione.htm
http://pensatoio.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=622445

Il reddito di cittadinanza
http://www.crisieconflitti.it/public/Nobile1.pdf

Keynes da un punto di vista marxista

Appunti marxiani 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10



STORIA DEI NUMERI E DELLE CIFRE NUMERICHE
http://www.italonobile.it/genealogia%20della%20matematica.htm

La comunicazione nel linguaggio scientifico e la filosofia

 http://pensatoio.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=614558



Lemmi Wikipedia da me integrati
Alexius Meinong
Bernard Bolzano
Storia dei numeri
Sistema di numerazione
Sistema di numerazione cinese
Sistema di numerazione maya


Il Capitale di Marx e altro
1 2  3  4  6  7  8  9
10  11  12  13  14  15  
16  17  18  19  20  21
22  23  24  25  26  27
28  29  30  31  32 

 

Dibattito su Emiliano Brancaccio
1 2 3

Quelli che la crisi l'avevano prevista

Cazzari Nobel

Le molte cazzate del Nobel cazzaro

 

DISCLAIMER (ATTENZIONE):
l'Autore dichiara di non essere
responsabile per i commenti
inseriti nei post. Eventuali
commenti dei lettori, lesivi
dell'immagine o dell'onorabilità
di persone terze non sono da
attribuirsi all'Autore, nemmeno se
il commento viene espresso
in forma anonima o criptata.







28 giugno 2008

C'era una volta : la distanza tra uomo e pollo in scala temporale

Come si può misurare la distanza biologica tra mammiferi e uccelli sulla scala temporale dell'evoluzione ? Luca Cavalli Sforza dice che i mammiferi non dovrebbero avere più di 65 milioni di anni, in quanto hanno cominciato a diventare numerosi solo dopo un cataclisma avvenuto in quel periodo. Secondo la teoria oggi prevalente un grandissimo meteorite caduto in Messico avrebbe alzato una colossale nuvola di polveri da oscurare la luce del sole e provocare un inverno lunghissimo durante il quale si estinsero i dinosauri dando ai piccoli mammiferi di allora la possibilità di diffondersi e di differenziarsi tra loro. Mentre dunque i mammiferi si sarebbero differenziati verso i 65 milioni di anni orsono, gli uccelli si sarebbero invece differenziati 200 milioni di anni fa. La differenza tra cavallo e uomo (due aminoacidi) e quella tra uomo o cavallo e pollo (sei aminoacidi) stanno in un rapporto tra di loro uguale a tre (6/2). Dunque la differenza di due aminoacidi corrisponde ad una differenziazione interna ai mammiferi risalente a 65 milioni di anni, mentre la differenza di sei aminoacidi corrisponde alla differenziazione degli uccelli (65 x 3 = 195).



Lupo Alberto: " Cosa ci separa, amore mio ?"

Qualche domanda è d'obbligo :
1) Con quale metodo si è pervenuti a stabilire la fine dei dinosauri a 65 milioni di anni orsono ? La data di 200 milioni di anni fa si è stabilita in rapporto al valore cronologico di 65 milioni o in maniera indipendente ?
2) Perchè il dominio dei dinosauri avrebbe impedito la differenziazione sic et simpliciter ? Esso al massimo avrebbe impedito (per quel che riguarda i dinosauri carnivori) un certo livello di differenziazione. Ma non si possono stabilire a priori i rapporti tra mammiferi e rettili prima di 65 milioni di anni fa.
3) Le differenze in termini di aminoacidi interne ai mammiferi non sono tutte uguali a due. Ciò non comporta anche delle conseguenze all'interno della scala temporale ?
4) Cosa si intende per differenziazione degli uccelli ? La differenziazione tra uccelli e mammiferi ? o la differenziazione interna (correlata all' incremento e alla diffusione) degli uccelli ? In questo secondo caso però come la differenza tra pollo e mammifero c'entra con la datazione della differenziazione degli uccelli tra loro ?


27 giugno 2008

C'era una volta : come si fa a distinguere l'uomo dalla scimmia ?

Per i paleontologi e gli antropologi uno dei problemi fondamentali è stato quello di distinguere i resti fossili degli appartenenti alla linea filogenetica dell'uomo da quelli appartenenti dalla linea filogenetica delle scimmie. 



Dal punto di vista morfologico tale distinzione sembra quasi impossibile : in genere per trovare il padre comune delle tre specie animali si tentava di trovare un primate che avesse caratteristiche abbastanza generiche da essere attribuite a tutte tre le specie, ma spesso tali tentativi erano fallimentari, dal momento che l'antenato generico con il progredire dei ritrovamenti si rivelava un ramo collaterale specifico (i casi sono molti e saranno in parte esemplificati in seguito).
Per questo motivo si è tentato di fornire una distinzione strettamente culturale : resti umani o pre-umani sarebbero così quelli accompagnati da utensili lavorati per svolgere una certa funzione. L'essere umano è il primate che perfeziona consapevolmente gli utensili (usati anche dagli animali) o li fabbrica ex-novo.
Forse tale distinzione non era tale da farci classificare molti reperti, per cui è venuta in aiuto dell'antropologia la genetica e la biologia molecolare : la distinzione tra specie sarebbe così definibile in maniera più rigorosa tramite l'analisi delle proteine e  del Dna, anche se questa ci può aiutare indirettamente e non applicandosi direttamente ai reperti.


26 giugno 2008

C'era una volta : l'emoglobina ci distingue

Dice Francesco Cavalli Sforza che se guardiamo una stessa proteina (es. l'emoglobina) di due individui della stessa specie troviamo che è identica o molto simile, mentre in due organismi separati da un'evoluzione più o meno lunga è diversa, perchè sono stati sostituiti o mancano o si sono aggiunti alcuni aminoacidi. 



Si possono contare le differenze esistenti e tanto più sono diversi due organismi, tanto più grande è il numero degli aminoacidi che li differenzia.
Ad es. l'uomo e il cavallo si differenziano tra loro per due aminoacidi, mentre entrambi si differenziano dal pollo per sei aminoacidi. Ciò spiega il fatto che cavallo e uomo sono mammiferi, mentre il pollo è un uccello.
 


16 giugno 2008

C'era una volta :Antenati comuni tra uomini e scimmie

Secondo alcuni studiosi, gli antenati comuni di uomini e scimmie , vissuti durante i periodi Oligocene, Miocene e Pliocene, erano quelli che noi chiamiamo Dryopithecinae, più simili alle attuali scimmie, incapaci di tenere la posizione eretta, viventi alcuni sugli alberi, altri sulla terra ferma. Altri studiosi però pensano che questo primate, i cui resti sono stato trovati in Francia nel 1856 e poi in vari luoghi di Africa (es. in Kenya), Asia ed Europa, sia più che altro l'antenato di alcune scimmie africane o dei Pongidi (oranghi) e dunque un ramo collaterale dei preominidi, mentre l'ipotetico antenato comune di uomo e grandi scimmie sarebbe il Proconsul Africanus.



Il termine Dryopithecus, associabile con il termine driomorfo, rimanda ad una dentatura con un sottile strato di smalto, adatta per frutta, germogli e foglie e non per alimenti più duri. Una dentatura tra l'altro, più pronunciata nei maschi che non nelle femmine (dimorfismo sessuale).
Caratteristica di questo ipotetico antenato comune, vissuto circa 20 milioni di anni fa, è la tendenza alla brachiazione, morfologia delle scimmie antropomorfe essenziale per il dondolamento o il lancio preciso di oggetti.


25 aprile 2008

Senza futuro non c'è memoria : la liberazione oggi

Non voglio parlare del passato.
Domenica scorsa sono stato invitato ad un convegno a Carditello, nella zona nord della provincia di Napoli (in prossimità del casertano) dall'Azione cattolica locale. Già avevo partecipato ad un'altra iniziativa di un'altra comunità ecclesiale. Per farmi partecipare si offrono anche di fare compagnia a papà mentre sono via.
Qui la Chiesa svolge il compito che una volta era del grande Partito comunista : crea tessuto sociale, diffonde valori che non sono quelli selvaggi della prevaricazione, dello spreco, dell'ostentazione, dell'illegalità. Forse l'esenzione dall'Ici permette di muovere qualche soldo in più, ma stavolta sono bene spesi.
La palestra è piena, saranno un'ottantina o un centinaio di persone : si parla di camorra,di come i mezzi di comunicazione hanno trattato la questione della monnezza, del lavoro nero, del "cavallo di ritorno", della responsabilità individuale.
Oltre me, c'è il sacerdote della parrocchia che fu di Don Peppino Diana, c'è un comandante dei vigili urbani. 



Don Peppino Diana

All'inizio del convegno ci sono poche domande, pochi interventi. Poi il ghiaccio si rompe e magari ci si sfoga anche un po'. Ma è tutto guadagnato.
Un parroco alla fine parla di testimonianza, di martirio, della necessità di mettere il gioco la vita in questa battaglia. Mi rendo conto che non parla solo agli iscritti alla'Azione Cattolica ed alla loro istanza di fede.
E' proprio vero : chi farà politica qui seriamente dovrà mettere in conto la possibilità di morire.
E qui non si tratta di un Stato identificabile, con le sue divise e le sue caserme.
L'avversario è anche una mentalità, diffusa e maleodorante come la patina di olio fritto che ti avvolge quando esci da certe pizzerie.
Ora e sempre Resistenza.


5 aprile 2008

Una storica carambola

Notizia Ansa:
"Ricercatori britannici, scrive il Times, hanno finalmente decifrato la cosiddetta 'Planisphere tablet', ritrovata a metà ottocento da Henry Layard tra le rovine della biblioteca reale dell'antica Ninive. Si tratterebbe, dicono, della copia del 700 a.C. di appunti di un astronomo sumero che osservava il cielo la notte della catastrofe. Egli descrive l'asteroide come "una coppa di pietra bianca" che viene illustrata mentre "avanza con forza". Usando i computer per ricostruire come appariva il cielo migliaia di anni fa, gli studiosi hanno stabilito che questo avvistamento avvenne all'alba del 29 giugno 3123 a.C. Sulla tavoletta sono leggibili circa la metà dei simboli, e la metà di questi fanno riferimento all'asteroide. Altri descrivono la posizione di nebulose e costellazioni. Per cinque volte, in 150 anni, gli scienziati hanno fallito l'impresa di decifrare il misterioso documento. Il sesto tentativo è riuscito a Mark Hempsall e alla sua equipe dell'università di Bristol: "E' un meraviglioso frammento di osservazione, un pezzo di scienza assolutamente perfetto".
La traiettoria e le dimensione dell'asteroide suggeriscono che si sia schiantato sulle alpi austriache, a Koefels, dov'é evidente un'antica frana larga 5 km e profonda 500 metri. Mentre si avvicinava al terreno, avrà lasciato una scia di distruzione a causa delle onde sonore supersoniche, mentre l'impatto a terra avrà avuto un effetto cataclismico. Frammenti del corpo celeste, anche colossali, saranno caduti lungo il suo tragitto; la scia avrà generato temperature di 400 gradi, uccidendo qualsiasi essere vivente. Un milione di chilometri quadrati di territorio, alla fine, sarebbero stati distrutti.
Hempsall, che sulla ricerca ha appena pubblicato il libro 'A Sumerian Observation of the Koefels' Impact Event', ricorda che 20 antichi miti ricordano devastazioni della scala e del tipo di quelle generata dall'impatto dell'asteroide. Tra loro l'Antico Testamento e il racconto della fine di Sodoma e Gomorra, e il mito greco per il quale Fetonte, figlio di Elio, finì nel fiume Eridano dopo aver perso il controllo di carro di fuoco, che finì a terra con impatto devastante. Così le Scritture raccontano quella catastrofe, nel libro della Genesi: "...quand'ecco il Signore fece piovere dal cielo sopra Sòdoma e sopra Gomorra zolfo e fuoco proveniente dal Signore. Distrusse queste città e tutta la valle con tutti gli abitanti delle città e la vegetazione del suolo. Ora la moglie di Lot guardò indietro e divenne una statua di sale. Abramo andò di buon mattino al luogo dove si era fermato davanti al Signore; contemplò dall'alto Sodoma e Gomorra e tutta la distesa della valle e vide che un fumo saliva dalla terra, come il fumo di una fornace
". 

Detta così la cosa desta qualche perplessità. Del resto anche immaginosi eruditi avevano fatto la stessa ipotesi, mentre Peter Kolosimo contestava questa tesi naturalistica e propendeva per l'esplosione termonucleare ;-)).
Ma le osservazioni che vanno fatte sono:
1) Come si arriva alla conclusione che la tavoletta sia copia di un originale sumerico ?
2) Come si arriva alla conclusione che lo stesso meteorite abbia distrutto Sodoma e Gomorra ?
3) Come si arriva alla conclusione che Sodoma e Gomorra siano state distrutte nel 3123 A. C. quando Abramo attraverso vari collegamenti non sembra vissuto prima del 2000 A.C. (nel caso sia veramente esistito) ?

Nel frattempo, meteorite o no, i sodomiti sono sopravvissuti e, a sentire Saviano, anche i gomorristi. Al massimo se questa ipotesi fosse vera, potremmo immaginare le ultime parole di tanto pervicaci pervertiti alla vista dell'asteroride che  avrebbe fatto giustizia delle loro iniquità :
"UH, GUARDA, CHE TROVATA... IL DIO DEGLI ESERCITI CI STA CAGANDO ADDOSSO...."


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. gomorra sodoma asteoride fantarcheologia

permalink | inviato da pensatoio il 5/4/2008 alle 11:35 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


21 gennaio 2008

Pervicacia

Spezzeremo le reni alla Grecia...con certezza assoluta.
In due o dodici mesi non importa...



Una volta preso l'avvio
io non mollo più fino alla fine.
L'ho già dimostrato e
qualunque cosa accada
tornerò a dimostrarlo


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Mussolini guerra Grecia

permalink | inviato da pensatoio il 21/1/2008 alle 19:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa


22 settembre 2007

Antecedenti delle Brigate Rosse ? La Volante Rossa

 

Nel frattempo si consuma l’avventura della “Volante Rossa” :

Nel febbraio 1949 sale alla ribalta della cronaca la Volante Rossa, una formazione che già da due anni operava nel milanese, ed in particolare a Sesto San Giovanni. Le azioni sono essenzialmente di "giustizia popolare" e tendono a colpire fascisti e dirigenti d'azienda: le pene inflitte vanno dal pestaggio alla gogna, fino all'uccisione. Una "sentenza di morte" viene pronunciata ed eseguita a Milano a carico del fascista Felice Ghisalberti, ritenuto responsabile dell'uccisione di Eugenio Curiel e assolto da un tribunale.

La Volante Rossa non firma le proprie azioni. Tale sigla sarà infatti scoperta molto tardi, nel gennaio 1949, quando in seguito ad una perquisizione personale viene trovata nelle tasche di un membro dell'organizzazione un foglietto con l'inno della "Volante Rossa."
L'unica loro firma, a quanto si sa, era stata lasciata, in modo beffardo e singolare, in occasione della gogna inflitta all'ingegner Tofanello, dirigente d'industria, abbandonato in mutande in piazza del Duomo a Milano, cui vennero restituiti gli indumenti ed i valori accompagnati dal biglietto. "È stata data una lezione. Un gruppo di bravi ragazzi." È accertata l'appartenenza al PCI della totalità o quasi dei militanti della Volante Rossa. Il loro luogo di ritrovo piú frequente è la Casa del popolo di Lambrate.

Il capo "Alvaro" si chiamava in realtà Giulio Paggio, ed era stato al tempo della Resistenza giovanissimo comandante di formazioni garibaldine nell'Ossola, nel Gallaratese ed anche a Milano.

img530/6529/volanterossanw8.jpg

Il PCI tiene un atteggiamento che, nel corso di un mese, va via via mutando. All'inizio grida alla montatura. Saverio Tutino sull"'Unità" definisce tutto quanto "una indegna campagna della stampa anticomunista istigata dalla polizia per gettare fango sui partigiani e sulla Resistenza."
Piú tardi, quando i fatti cominciano a mostrare la loro evidenza, il PCI corregge il tiro e distingue quelli che per antica milizia comunista e popolarità sono inattaccabili, dai restanti componenti della formazione armata.

I primi vengono comunque scaricati ed abbandonati al loro destino: "Il partigiano Giulio Paggio, detto Alvaro, risulta essere effettivamente iscritto al partito ma non ha mai avuto incarichi dirigenti [...] la federazione del PCI non intende dare un giudizio sulla posizione giuridica del partigiano Giulio Paggio, essendo questo di esclusiva competenza della magistratura."
I secondi vengono attaccati con le piú infamanti insinuazioni. Cosí scrive sull"'Unità" Saverio Tutino riferendosi ad un partigiano che aveva già conosciuto l'amara esperienza del confino: "Fu a Ventotene come confinato politico nel periodo fascista. Chi gli fu vicino tra i veri antifascisti lo ricorda come sospettato di appartenere all'OVRA e unito ai confinati per spionaggio e attività di provocazione."


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Brigate Rosse terrorismo Pci

permalink | inviato da pensatoio il 22/9/2007 alle 1:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa


19 luglio 2007

Una suggestione

  

Ave, o Maria
piena di grazia
il Signore è con te
tu sei la benedetta
fra le donne
e benedetto è il frutto
del tuo seno
Gesù


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Leonardo Gioconda Maria Gesù

permalink | inviato da pensatoio il 19/7/2007 alle 23:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (21) | Versione per la stampa


12 agosto 2005

Sul Gesù storico

LA SPARTIZIONE DELLE VESTI

 

                              Riflessioni sul Gesù storico.

 

“Ma voi, chi dite che io sia ?” ( Lc 9,20 )

 

 

Il Cristianesimo (ma in genere tutte le religioni messianiche) basa la propria peculiarità su di una pretesa dimensione storica del suo contenuto mitico o di fede.

Tale dimensione (nel caso del Cristianesimo) si articolerebbe su tre livelli :

1.    Piano storico-fattuale : il Cristianesimo è stato fondato da un individuo storicamente ben determinato, Gesù di Nazareth.

2.    Piano religioso o, più precisamente cherigmatico : Gesù di Nazareth era Figlio di Dio e Dio egli stesso. Morì, fu sepolto ed al terzo giorno fu resuscitato(1). Dunque Dio si incarna in un momento storico ben preciso, in maniera unica ed irreversibile, risultando essere alla fine uno spartiacque tra due epoche radicalmente differenti(2).

3.    Piano filosofico : tale carattere di unicità e di irreversibilità della Rivelazione rende il Cristianesimo il movimento ispiratore della concezione lineare della storia in contrapposizione a quella ciclica del mondo classico(3).

Questa pretesa dimensione storica del Cristianesimo viene utilizzata dai teologi per marcare non solo la specificità ma anche la superiorità del Cristianesimo stesso rispetto alle altre religioni, dove il carattere storico dell’esperienza fondativa e dell’azione di Dei, Santi e Sapienti sembra essere meno marcato o addirittura irrilevante(4).

Tale visione standard, che è la più diffusa tra l’opinione pubblica dei c.d. “paesi occidentali (grazie forse all’egemonia culturale  e religiosa esercitata dal Cristianesimo sia cattolico che protestante), viene quantomeno problematizzata se solo si guarda ai risultati degli studi e della esegesi testamentaria degli ultimi secoli. Il quadro che ne risulta è molto più ambiguo e tale dunque da rendere più sfumata anche l’individualità e l’esistenza storica di Gesù di Nazareth.

 

Excursus storico sulla critica esegetica neotestamentaria

 

A parte le voci di autorevoli pensatori dell’antichità (Celso, Porfirio)(5) sul carattere poco attendibile dei Vangeli, è nei  secoli XVII-XVIII con il Razionalismo e  l’Illuminismo che la storicità dei Vangeli viene radicalmente messa in discussione. Le tappe fondamentali di questa critica possono essere così riassunte (6):

Nel 1670 Baruch Spinoza pubblica anonimo il Trattato teologico-politico, dove critica a fondo e spietatamente le Scritture togliendo ad esse ogni carattere sacro e rivelato. Lo scopo delle Scritture che sono opera umana e storica, legata spesso alla mentalità rozza dei popoli arcaici è soprattutto pratico, etico-politico e non già filosofico. Le Scritture vanno pertanto esaminate e vagliate con i criteri rigorosi della filologia e della storia per emarginare da esse ciò che è spurio ed in contraddizione flagrante con i dettami della ragione.

Nel 1778 H.S. Reimarus pubblica un frammento “sullo scopo di Gesù e dei suoi discepoli” dalla sua opera anonima “L’apologia o difesa degli adoratori razionali di Dio”, in cui dichiara che si deve tener distinto ciò che gli apostoli raccontano nei loro scritti da ciò che Gesù ha realmente espresso o insegnato. La sua tesi è che Gesù era un giudeo perfettamente innestato nella sua tradizione religiosa ed in più un agitatore messianico che si arrogava il titolo di messia davidico per liberare il popolo di Israele dal dominio straniero. I discepoli, dopo il suo fallimento politico-militare avrebbero in realtà utilizzato un’altra immagine messianica non più regale ma sacerdotale e sofferente per fare di Gesù il redentore spirituale del mondo attraverso la sua resurrezione.

D.F. Strauss nel 1835 pubblica una “Vita di Gesù”, influenzata fortemente dalle concezioni filosofiche e teologiche di Hegel, in cui si dice che l’ottica legittima per l’interpretazione dei Vangeli non è quella storica, ma quella mitica e cioè quella che vede i Vangeli come espressione poetico-filosofica delle convinzioni religiose dei suoi discepoli. Quindi sarebbe in ultima analisi indifferente fino a che punto l’umanità di Dio si sia veramente realizzata nella persona di Gesù, perché l’idea vive nella coscienza comune di coloro che da essa sono stati mossi e cioè i discepoli.

Tra il 1835 e il 1838, K.Lachmann, C.G.Wilke e C.H.Weisse elaborano l’ipotesi filologica ancora oggi dominante, secondo la quale i vangeli di Matteo e Luca hanno avuto come precursore e modello il vangelo di Marco e ne hanno in un certo senso completato entrambi il racconto mediante il ricorso ad un’altra fonte di soli detti di Gesù, fonte detta Q. Il Vangelo di Giovanni sarebbe di tipo completamente diverso (E. Kasemann, allievo di R.Bultmann, lo considera gnostico e dunque eterodosso)(7). Tale ipotesi sarebbe stata sistematizzata da H. J. Holtzmann nel 1863 ed avrebbe dato poi origine alla teologia liberale di J. Wellhausen e A. Harnack (inizi del ‘900) per i quali al Cristo dogmatico (proprio della religione paolina su Gesù) si sostituisce il Gesù storico ricostruito dalla storiografia che è il vero fondamento della religione cristiana. Il Gesù storico della teologia liberale non è il profeta messianico-davidico di Reimarus ma un saggio, un maestro che ha condiviso ed utilizzato idee e categorie giudaiche ma lo ha fatto per elaborare un insegnamento irriducibile al contesto storico-culturale che lo ha preceduto.

Kahler nel 1892 e W. Wrede nel 1901 attaccano a loro volta la concezione storiografica della teologia liberale. Kahler afferma che quest’ultima è una strada sbagliata in quanto una vita di Gesù è impossibile ed illegittima dal momento che, per essa, non possediamo alcuna fonte attendibile e sufficiente (i Vangeli infatti sono rivolti solo all’esito salvifico della vicenda terrena di Gesù), ma soprattutto perché al Cristo della fede la scienza storica non può aggiungere nulla, ma finisce col togliere ogni reale consistenza. Wrede analizza invece il Vangelo di Marco (quello considerato più antico) per concludere che già esso non ha valore storico, ma è basato su di una costruzione teologica. Dopo Wrede il carattere dogmatico dei testi evangelici verrà riconosciuto e non sarà più realmente possibile scrivere una vita di Gesù.

Bultmann già con K.L.Schmidt e M.Dibelius aveva elaborato il metodo della “storia delle forme” (Formgeschichte) in cui si ipotizza che, per la parte dei Vangeli precedente il racconto della Passione, la tradizione più antica sulla figura di Gesù, per un certo tempo esclusivamente orale, era costituita da scene e detti isolati, privi di qualunque connotazione cronologica e topografica, brevi scene in sé concluse (pericopi), staccate le une dalle altre, originatesi in base non ad interessi biografici ma a bisogni religiosi della comunità (culto e predicazione). Solo in un secondo momento queste scene sarebbero state collegate le une alle altre in una narrazione più o meno continua. Nel 1949 Bultmann pubblica “Il Cristianesimo primitivo nel quadro delle religioni antiche”(8) in cui la figura di Gesù viene trattata all’interno del Giudaismo (Gesù ebreo non cristiano) ed in cui si ribadisce che il metodo storico non può andare al di là dello strato più antico della tradizione su Gesù, il cui contenuto storico specifico è irrilevante per la fede cristiana.

Negli ultimi decenni la discussione sulla figura storica di Gesù viene periodicamente riportata e meglio diffusa nell’opinione pubblica più o meno informata grazie ad operazioni editoriali che alternano buone divulgazioni del dibattito, opere ben documentate ma “ideologicamente” orientate ed infine vere e proprie ciarlatanerie, scritte però con stile avvincente e con numerosi stimoli per studiosi e curiosi. Anche sulla base di questi fenomeni culturali possiamo ricondurre le posizioni sul Gesù storico a :

1.    Una concezione per cui il Gesù storico era inserito nella tradizione giudaica nella quale si è innestata una riflessione religiosa originale che si è poi arricchita di elementi filosofico-religiosi ellenistici o di altri culti(9).

2.    Una visione secondo la quale il Gesù storico era inserito nella tradizione giudaica nella quale si è sovrapposta la riflessione paolina con tutti gli elementi filosofico-religiosi extra-giudaici di cui sopra(10).

3.    Una tesi secondo cui Gesù di Nazareth era un capo messianico-davidico che fu condannato a morte dai Romani e su cui per ragioni prima di tutto politiche e poi culturali e religiose è stata imposta una sorta di teologia del Cristo Signore, fondamento di un’etica universalistica della carità il cui ideologo fu in particolare Paolo di Tarso(11).

4.    Infine le accattivanti e ciarlatane ricostruzioni secondo le quali Gesù era una sorta di iniziato esoterico il cui insegnamento è radicalmente diverso da quello evangelico e la cui successione carismatica è assolutamente altra da quella petrina(12). 

Tutte queste concezioni simili, ma con differenze significative per lo storico e l’esegeta, condividono almeno nella maggioranza dei casi una serie di presupposti secondo i quali Gesù  è un personaggio della storia, ricostruibile in maniera storicamente attendibile, diverso da quello tradizionalmente tramandatoci dai vangeli, perfettamente interno alla tradizione giudaica ed in cui invece le componenti ellenistiche  del suo credo sono invece aggiunte posteriori più o meno artificiose (per quest’ultimo punto i dubbi vengono solo dalle fantasiose ricostruzioni “esoteriste” di cui sopra).

Il presente articolo vuole invece sottolineare il carattere ad un tempo “ideologico” e storiograficamente poco significativo dell’interpretazione del “Gesù ebreo” e la natura complessivamente mitica, composita e stratificata della figura di Gesù e del suo credo(in cui la componente esterna all’Ebraismo ha un ruolo sin dall’inizio) e vuole al tempo stesso fare considerazioni metodologiche e di  filosofia della storia proprio a partire dal carattere ambiguo dell’ “evento” Gesù.

 

Critica del “Gesù  ebreo”

 

Per quanto sembri ovvio attribuire lo strato primitivo dell’esistenza e della predicazione di Gesù al contesto giudaico l’operazione “Gesù ebreo” risulta alla fine ideologica per tutta una serie di ragioni.

In primo luogo la strategia ermeneutica degli autori attinge, per ricondurre i detti ed i fatti dei Vangeli alla tradizione giudaica, all’immenso corpus veterotestamentario e rabbinico dove si può trovare, se non di tutto, quasi di tutto(13) e questo spesso a dispetto della collocazione temporale delle fonti e senza ricostruire un processo e/o dei precedenti attendibili dei Giudeo-cristiani in termini di scuola, setta, scritto sacrale etc. Laddove questo viene fatto, e spesso il riferimento è alla presunta setta di Qumran(14), un’analisi più attenta da un lato rivela la natura almeno ardita delle ipotesi sin qui elaborate(15), dall’altro qualunque possibile parentela ideale non spiega alcuni caratteri specifici e centrali della concezione evangelica quali l’amore per il nemico, il carattere esteriore delle pratiche di purità, il carattere divino e celeste del Messia (Mc 12,36-37 ; Mc 14,62 ; Mc 2,18-28 ; Mt 5,38-48) se non il ricorso ad una elaborazione originaria autonoma che prende spunto da  filoni disparati, arricchiti con elementi di altre tradizioni religiose. Sin qui la complessità dell’evento “Gesù di Nazareth” è stata poi ricondotta ad un termine apparentemente più semplice (la tradizione giudaica) confondendo spesso tra Ebraismo e Giudaismo e tra Giudaismo e Rabbinismo, senza tener presente la natura già composita ed internamente conflittuale dell’Ebraismo pre-giudaico(16) oppure la già avvenuta commistione tra Giudaismo, Ellenismo ed altre religioni (17); quest’ultimo processo storico si è verificato negli ultimi secoli prima di Cristo a dispetto della forte reazione ideologica e religiosa (si pensi ai Maccabei) tesa ad un’impossibile  purità etnica e culturale.

Infine l’inutilità ideologica del “Gesù ebreo” si rivela dal momento che, sia pure in forme non certo rozze ed esplicite, sembra fare l’occhietto alla delegittimazione dell’altrettanto ideologica interpretazione cattolica dell’evento “Gesù di Nazareth”, quando da una parte la storia sin qui trascorsa, quale che sia l’equivoco che l’ha generata, non si può mai buttar via  mentre d’altro canto i rapporti tra categorie come “legittimità” ed “autorità” e le demarcazioni religiose ed etnico-culturali sembrano ormai completamente passati di moda.

 

Dall’evento “Gesù” all’ “evento” Gesù : l’individuo come mosaico

 

Il carattere invece mitico e composito della figura di Gesù si può ipotizzare da una analisi fatta secondo diverse linee di ricerca. Gli eventi evangelici infatti possono essere in larga parte ricondotti :

1.    A profezie bibliche che si dovevano avverare e che si sarebbero così avverate (il Vangelo di Matteo è un’esplicita ricostruzione in questa chiave).

2.    A miti risalenti ad altre tradizioni religiose : ad es. la paternità divina, la nascita verginale, la cometa di Betlemme, gli angeli, il Dio come capro espiatorio, la derisione di Cristo, il binomio morte/resurrezione, le nozze di Cana e forse molti altri episodi e figure sono originari di miti e di liturgie legate a religioni cananee o misteriche(18).

3.    A rappresentazioni liturgiche veterotestamentarie più o meno velate. Il giudizio tra Gesù e Barabba può ben essere una  allusione al rituale del giorno dell’Espiazione e così pure la sequenza che porta il Battista e Gesù dall’incontro sul Giordano l’uno verso la decollazione e l’altro verso l’incontro col demonio nel deserto(19).

4.    Ad eventi storici attribuibili ad altri personaggi : ad es. l’Egiziano di cui ci narra Flavio Giuseppe può aver benissimo ispirato l’episodio dell’arresto sul Monte degli Ulivi ;  un certo Gesù figlio di Anania interrogato da Albino può aver ispirato invece l’episodio dell’interrogatorio da Pilato ; il Samaritano che organizza una sorta di cerca di oggetti sacri lasciati da Mosè sul monte Garizim ricorda la Trasfigurazione sul Monte Tabor ; il tentativo del sedicente Messia Teuda sul Giordano può aver ispirato sia il battesimo di Gesù che l’episodio della camminata sulle acque ; il taglio dell’orecchio causato da Pietro nell’orto del Gethsemani ricorda l’amputazione delle orecchie subita da Ircano etc.(20)

Vale inoltre la pena di analizzare la figura di Gesù attraverso il prisma tematico della gemellanza o della somiglianza (che può essere ingannatrice o rivelativa)(21), prisma che rende Gesù un volto che sfuma in quello di altri personaggi e che si può rintracciare sia negli Evangeli che nella letteratura apocrifa e gnostica ; ad es. :

A) Gesù viene considerato da Erode il Battista redivivo( Lc 6,14 -16 ).

B) Il nome del discepolo Tommaso vuol  dire “gemello”(22) e nel Vangelo copto di Tomaso il tema della somiglianza e dell’identità ricorre in molte locuzioni(23).

C) Nella gnosi doceta (ripresa dall’Islamismo) Gesù viene sostituito sulla croce da Simone di Cirene grazie ad una sorta di magica metamorfosi(24). Il tema della sostituzione è presente anche nel rituale che fa da riferimento all’episodio della derisione di Gesù da parte dei soldati romani(25).

D) In una leggenda legata anche alla presunta storia della Sindone, elaborata e modificata nel tempo da Eusebio di Cesarea, dalla “dottrina di Addai”, da Procopio di Cesarea e dagli “Acta Thaddei”, il re di Edessa Abgar è ammalato e scrive a Gesù perché gli mandi una sua immagine al fine di guarirlo : Gesù, a seconda delle versioni gli invia  un suo ritratto taumaturgico e/o Taddeo, il suo discepolo, quasi che questi fosse a lui somigliante(26).

E) Nel giudizio del popolo tra Gesù e Barabba (citata prima a proposito della sua origine liturgica) la scelta sembrerebbe essere falsa in quanto, a parte il carattere sacrale di entrambi i capri del giorno dell’Espiazione, alcuni interpreti, evidenziando in alcuni codici antichi  il nome Gesù Barabba, hanno ipotizzato un rapporto di gemellanza di tipo religioso tra i due prigionieri(27).

La visione stratificata della vita di Gesù e quella ambigua della sua immagine possono condurci a formulare un’ipotesi sulle radici della sua dottrina e della sua figura, un’ipotesi che vuole mantenere un carattere ludico e mitico(più avanti accenneremo alla valenza delle ipotesi elaborate nell’ambito storiografico) e che vuole essere solo uno stimolo ad ulteriori studi e riflessioni :

1) partiremo dalla considerazione che tra gli elementi degli Evangeli c’è un nucleo di loghia di tipo proverbiale o sapienziale(28), mitologhemi extra-israelitici filtrati da concezioni ellenistiche e un’antica tradizione critica sia verso l’ideologia regale (v. Samuele I 8,7-22 Giudici 9,8-15 a cui si collegano Mt 4,8-10 e Mt 22,41-46) sia verso la costruzione del Tempio ( Samuele II 7,1-7 e Mt 24,1-2) che continua in parte nell’opera  dei Profeti (29). Tale tradizione sotterranea riprende fiato di frequente ad ogni catastrofe storica, ad ogni infedeltà verso Jahvè di cui si renderanno colpevoli re e sacerdoti. Un importante momento di svolta  fu probabilmente quando i sovrani asmonei presero per sé oltre il titolo regale anche l’ufficio di sommo sacerdote(30) : alcuni sacerdoti sadociti uscirono dal Tempio e si fusero con quella matrice  di origine babilonese ed ellenistica che ha  originato secondo alcuni studiosi la setta degli Esseni(31) ; questa corrente a sua volta si scinderà tra coloro che si ritireranno nel deserto in attesa di una sorta di battaglia finale e costituiranno la c.d. comunità di Qumran, alimentando sogni di purità religiosa e di conseguente odio verso gli impuri, e gli Esseni di cui Flavio Giuseppe ci parla come residenti nei pressi delle città e dei villaggi (32): in quest’ultimo contesto si verifica un’ulteriore elaborazione attraverso l’esperienza ed il continuo contatto con gli ‘am ‘haerets, il c.d. “popolo della terra”, il popolino legato alla vita agricola, gli impuri che avevano costituito il cruccio della letteratura veterotestamentaria e che avevano sempre coltivato pratiche rituali ibridi e politeistiche legate alla vita agricola ed ai culti del ciclo della vegetazione (33). In questo crogiuolo su cui si sovrappone il sincretismo colto degli Ellenisti e soprattutto i misteri dionisiaci a suo tempo diffusi dalla dinastia dei Tolomei(34), si generano ulteriori immagini mitiche che saranno fatte proprie dall’Apocalittica giudaica soprattutto apocrifa. L’Apocalittica a sua volta, alimentata da una situazione sociale ed economica insostenibile per gli ‘am ‘haerets a seguito della esosità della tassazione congiunta dei Romani e del Tempio(35), diventa il detonatore di questo ricco e immaginoso materiale simbolico appena temperato e strutturato da un filone socio-culturale legato ad uno strato sociale intermedio in via di pauperizzazione (funzionari statali, artigiani, esattori) che sono alla base dei loghia proverbiali e sapienziali che ormai si erano largamente diffusi nella popolazione(36). L’elaborazione di questo materiale simbolico riceve una grande accelerazione grazie al precipitare degli eventi politici, religiosi e militari che culmineranno nella distruzione del Tempio nel 70 d.C. : il “già e non ancora” tipico dell’apocalittica(37) si sta svolgendo a velocità sempre maggiore nel presente attraverso una molteplicità di segni e di visioni(38) ; la concezione che si va formando in questo periodo riprende il significato collettivo delle figure messianiche e dunque vede il Regno come preceduto da una progressiva manifestazione di eventi e di personaggi simbolicamente interpretati, alcuni dei quali sono storicamente elencati dalla trattazione storica di Giuseppe Flavio ; questi profeti ed agitatori che si succedono(il Samaritano, Teuda, l’Egiziano, forse Giovanni il Battezzatore, Gesù figlio di Anania) sono incarnazioni progressive di figure messianiche(39) attorno alle quali i loghia che costituiscono il nucleo originario dei Vangeli si articolano in uno svolgimento narrativo arricchiti da pericopi e  strutture mitiche oltre ad altri eventi storici interpretati e trasformati simbolicamente. Dunque lo spunto è dato anche dalle lotte contro i Romani sostenute da gruppi radicali (Zeloti, Sicari etc.) ma l’adesione di questa comunità che sarà definita più tardi giudeo-cristiana a tali vicende non è attiva in quanto l’ideologia davidica è rifiutata e si attribuisce solo a Dio l’intervento decisivo ed il Giudizio (Mc 14,62 ; Gv 18,36 e 8,2-11 ; Mt 7,2-5 e 13,7) ; gli eventi bellici in corso vengono perciò solo interpretati e, altro fatto nuovo, si vedono realizzati concretamente già dal momento presente molti segni indicativi dell’imminenza salvifica di Dio quali le guarigioni, i miracoli e la contestuale benedizione dei popoli della Terra e cioè degli ‘am ‘haerets e anche degli stranieri che cominciano ad affluire nella nuova esperienza storico-religiosa in continua contaminazione (Lc 7,18-23 ; Mt 8,5-13 ; Mc 15,3 e 13,10) ; questa esperienza raggiunge paradossalmente il suo culmine ed il suo compimento non nei successi ma nei fallimenti e nelle morti dei profeti messianici che si succedono progressivamente ed infine nella distruzione del Tempio, fatto che conferma le invettive profetiche e soprattutto libera dall’armonizzazione testuale e canonica l’istanza critica verso il Tempio a cui abbiamo accennato prima : morte dei messia e distruzione del Tempio diventano due aspetti del medesimo Evento(Gv 2,18-22) non catastrofico ma salvifico e vengono interpretati alla luce di liturgie già esistenti sacrificali ed espiatorie da cui si attingono simboli, scene e pericopi (si pensi alla Pasqua ed al giorno dell’Espiazione) ; tali rappresentazioni liturgiche vengono a loro volta trasfigurate dai miti della Resurrezione propri dell’humus cananeo ed ellenistico di cui gli ‘am ‘haerets erano pure partecipi. Dunque era già costituito il terreno che porterà non senza lotte al trionfo della cristologia paolina ed alla rivoluzione che condurrà ad una fuoriuscita (se tale si può chiamare) dal contesto giudaico, sulla base della concezione dell’esser-già-avvenuto dell’Evento messianico e della coerente messa in atto di tutte le conseguenze discese dall’Evento stesso(Mt 5,17-19 ; Gv 19,30). Al tempo stesso, con la distruzione del Tempio le diverse figure storiche e mitiche cui abbiamo prima accennato finiscono per convergere come in un cono verso una figura unica (il Gesù storico) in quanto se diverse possono essere le figure messianiche, uno solo è il Signore che instaura il Regno : l’apoteosi del Messia, avvenuta per trasfigurare la catastrofe, porta a ricompattare i diversi volti con tutte le loro suggestioni mitiche in un solo grande mito composito ma non artificiale in quanto radicato in un’esperienza collettiva e storica di grande spessore e di cui ancora si serba la memoria(40). Parallelamente i detti , le pericopi e le immagini si articolano in una narrazione continua che costituirà lo schema generale dei Vangeli con tutte le possibili varianti. La molteplicità delle  figure (tranne per quel che riguarda il Battista e pure questo non senza problemi)(41) viene progressivamente messa in mora e le stesse figure vengono progressivamente separate  tra buone e cattive prima attraverso ad es. lo schema delle Sigizie(42), forse di estrazione qumraniana, e poi attraverso la costituzione dell’immagine  dell’Anticristo che nell’Apocalittica giudaica era il nemico puro e semplice ed ora è invece un nemico che può  però essere confuso con l’amico, in quanto non facilmente distinguibile da quest’ultimo e finisce pur esso con l’accorpare la suddetta molteplicità di figure, sia pure sotto un segno diverso(43).

In pratica la redazione evangelica è stata un processo di ricompattazione mitica da parte di una comunità religiosa in cerca di legittimazione nel corso delle faide tra gruppi  apocalittici durante la guerra contro Roma(44), di una molteplicità tra simboli, eventi storici profeticamente interpretati, figure messianiche. Tale ricompattazione sarebbe stata elaborata in un’originale processo di sintesi culturale religiosa e filosofica.

 

Dal mosaico all’intersoggettività :  la storia come prassi

 

Per ricostruire tale processo risultano utili anche i Vangeli e le concezioni c.d. “gnostiche”(45), che lungi dall’essere una versione artificiale e falsificante di un supposto messaggio/ evento originario, sono uno dei fili della matassa storico-ermeneutica , nella quale si articola quello che sembra essere un evento univoco ed originario.

Alla luce di ciò l’esistenza effettiva di Gesù di Nazareth, come hanno già teorizzato Strauss, Kahler e Bultmann, diventa una datità ininfluente, mentre il contenuto assume rilevanza e ricchezza attraverso il conflitto delle interpretazioni. Queste appunto articolano la complessità e la ricchezza “mitica” di un evento o di un personaggio, di un processo storico, ma la loro incidenza spesso è il risultato di un’eterogenesi dei fini che va in direzione completamente diversa dalle istanze ideologiche dei loro autori, che tentano invano di spartirsi e di accaparrarsi le vesti del Crocefisso. In questo caso ci si può accapigliare sull’autenticità della Sindone, sui rotoli di Qumran o su di un presunto frammento degli Evangeli(46), e tutto ciò senza rendersi conto che da un lato una massa ingente di dati e di ipotesi viene cristallizzata in costruzioni ideologiche a volte rozze e dall’altro le ansie filosofico-metafisiche legate a tali polemiche non vengono minimamente scalfite dalle violenze fatte alla propria onestà intellettuale.

Non solo  il Cristianesimo non può arrogarsi un proprio fondamento nella dimensione storica, a qualsiasi livello questo si situi, ma la stessa istanza scientifica della storia, attraverso la figura di Gesù inteso come metafora e paradigma dell’evento storico, deve essere complessivamente riformulata  in senso meno teoretico.

La storia che cerca di emanciparsi dal mito è un mito essa stessa, in modo particolare se si considera come scienza di fatti : la natura degli eventi passati, non solo quella degli eventi futuri, è problematica e altrettanto problematiche sono le proposizioni intorno ad essa e questo ad es. l’empirismo conseguente lo aveva tematizzato(47).

Di fronte all’ ”evento” Gesù la storia c.d. “neutrale” è stata letteralmente bombardata da istanze ideologiche che hanno alla fine fortemente indebolito lo statuto metodologico della disciplina. Se al posto di Gesù mettiamo un evento o periodo qualsiasi della storia recente l’effetto è lo stesso : basti pensare al conflitto delle interpretazioni in atto sul fascismo, sul conflitto tra Israele e palestinesi, sulla Guerra del Golfo, sull’assassinio di J.F.Kennedy, sulla Resistenza, sulla Rivoluzione russa. Ma anche retrocedendo nel tempo si giunge a problematiche analoghe : si pensi al “miracolo” greco, alla nascita della scienza, o della filosofia, o del capitalismo, o alla costruzione delle piramidi egizie, o alla scoperta delle Americhe(48). Le uniche vicende storiche su cui ci può essere accordo completo sono quelle che non interessano a nessuno.

Sarebbe bene, a tal proposito, che lo storico applicasse quelle norme euristiche che a parole dice di rispettare come ad es.  quella di non usare gli “ismi”, di non trattare popoli e culture sotto forma di compartimenti stagni o di calderoni in cui mettere cose diversissime sotto un’unica etichetta e dunque di diffidare di termini quali “l’essenza dell’Ebraismo”, “lo spirito ellenico”, “le religioni orientali”, “l’irrazionalismo contemporaneo”, “il pragmatismo degli Americani”, “la mentalità primitiva”, “l’anima slava”, “il fanatismo islamico”, “la razionalità occidentale”, “il pensiero unico”, “il totalitarismo comunista”, “il dominio capitalista”, “il complotto sionista” e così via.

Primo dovere degli storici potrebbe essere, a questo punto, quello di rispettare e di rappresentare la complessità storica nella sua ricchezza, e dunque non è condivisibile l’operazione di Bultmann della “demitizzazione”, giacché il mito non è un orpello pre-scientifico di cui ci dobbiamo liberare ma il contesto ricco in cui gli eventi storici sono embricati e che ha un ruolo anche nella dimensione della prassi del discorso storico(49).

Solo dopo che la complessità sia stata adeguatamente rappresentata, è possibile per lo storico elaborare ipotesi esplicative e/o interpretazioni che selezionino euristicamente dati storici o articolino la complessità stessa in modo da  implementare il livello conoscitivo della comunità in cui si è inseriti . Anche l’utilizzo dell’ipotesi deve essere però serio e prudente (in quanto la storia più dell’hard science è suscettibile di un uso “ideologico”) e soprattutto deve esplicitamente dichiarare la propria valenza pratica, la propria funzione “politica”, senza contrabbandare la propria operazione ermeneutica come la scoperta o il disvelamento del senso della storia (questa sì sarebbe invece non “politica” ma “ideologia”). Con questa consapevolezza, di un’ipotesi storica non bisogna chiedersi se sia vera o meno nel senso di “rispecchiamento della realtà”, ma a quali ricerche può portare, quali strategie cognitive ci consente, quali conseguenze pratiche rende possibili : ad es. lo studio di una cultura diversa dalla nostra ci permette di comunicare meglio con essa facendo a meno della minaccia delle armi ?

La storia come prassi è una storia che non culmina nel presente, ma che di volta in volta parte dal presente con l’aiuto del mito e con tutta la ricchezza intellettuale e simbolica di quest’ultimo. Non fondiamo la verità su qualcosa che sta prima di noi, in quanto spesso, attraverso la ricerca del fondamento o della fondazione, l’essere umano cerca di compensare il carattere difettivo delle proprie relazioni con i propri simili di specie(50) ; cerchiamo piuttosto di mantenere alto il valore di verità di ciò che diciamo attraverso la nostra testimonianza, cercando di essere noi veri ed affidabili per gli altri. In questa idea della dimensione etica come dimensione prima della prassi e forse anche della filosofia futura(51), i Vangeli stessi ci danno, a dispetto dell’aura di testimonianze storiche in senso forte di cui sono stati ammantati,  intuizioni preziose (Gv 14,18-26 e 15,8-17 ; Mt 7,21-23 ; Lc 9,50). E la teologia di D.Bonhoeffer pure ci fa considerare che Dio non è Colui che ci aiuta (il fondamento che ci sostiene) ma colui che noi aiutiamo(il prossimo che soffre), giacchè egli è senza potere nel mondo ed è questa  la sola via nella quale egli è con noi e ci aiuta(52).

 La storia come prassi è dunque riflessione che parte dal mito per giungere all’ethos, al modo di un risveglio, da un sogno avvincente ma agitato, che ricompone mille immagini oniriche nello sguardo benevolo di un volto amico.   

      

 

 

                                              NOTE

 

1) Il cherigma è propriamente l’annuncio, il contenuto proprio della fede cristiana (I Corinzi 15,3-5).

2) Landucci, Sergio, voce “STORIA” in Enciclopedia Garzanti di Filosofia, Garzanti, Milano 1998 pp.902-905.

3) Landucci, Sergio, ibidem ; Lowith, Karl - Storia e fede - Laterza ed., Bari 1985 pp.129-131 ; per una critica di tale interpretazione nel caso del pensiero ebraico pre-giudaico vedi Fohrer, Georg - Storia della religione israelitica - Paideia ed., Brescia 1985 pp.207-208.

4) Hegel, Georg Wilhelm Frederick - Lezioni sulla storia della filosofia - vol. I, Nuova Italia ed., Firenze 1981 p.143 ; De Lubac, Henri - Aspetti del Buddhismo -vol.21 Opera Omnia, Jaca Book, Milano 1979 soprattutto p.137 ;Ragozzino, Gino - Religioni orientali - Ed. Dehoniane, Roma 1991.

5) Per un resoconto della ricezione pagana della religione cristiana vedi Rinaldi,Giancarlo- La Bibbia dei pagani - vol. I, Ed. Dehoniane, Bologna 1997.

6) Si riassumerà in questo paragrafo l’ottima esposizione in Jossa, Giorgio - La verità dei vangeli - Carocci, Roma 1998 pp.13-67.

7) Per la discussione su questo punto v. Bornkamm, Gunther - Storia e fede - Ed. Dehoniane, Bologna 1970 pp.174-178 ; Filoramo, Giovanni - Il risveglio della gnosi ovvero diventare Dio - Laterza ed., Roma-Bari 1990 pp.141-169 dove si accenna ad una ipotesi interessante che parte dalle tesi di C. Colpe per cui sia alla base del vangelo di Giovanni che dei testi gnostici ci sarebbe la tradizione sapienziale giudaica con tendenza mitologica.

8) Bultmann, Rudolph - Il Cristianesimo primitivo nel quadro delle religioni antiche - Garzanti, Milano 1964.

9) Sanders, E.P. - Gesù, la verità storica - Mondadori, Milano 1995 ; ma soprattutto Cullmann, Oskar - Cristologia del Nuovo Testamento - Il Mulino, Bologna 1970.

10) Bultmann, Rudolph - op. cit. , 1964 ; Craveri,Marcello - La vita di Gesù - Feltrinelli, Milano 1979.

11) Oltre Reimarus si veda Brandon, S.G.F. - Gesù e gli Zeloti - Rizzoli, Milano 1983 ; Donnini, David - Gesù Cristo. Una vicenda storica da riscoprire - Erre Emme ed., Roma 1994 ; Calimani, Riccardo - Gesù ebreo - Mondadori, Milano 1998.

12) Tra gli altri Baigent Michael, Leigh Richard, Lincoln Henry - L’eredità messianica - Il Saggiatore, Milano 1999 ; Knight Cristopher, Lomas Robert - La chiave di Hiram - Mondadori, Milano 1996. Questi autori si ricollegano anche alla tesi del Gesù messia davidico e guerriero, ma con implicazioni diverse.

13) soprattutto Calimani Riccardo - op. cit., 1998.

14) Eisenman Robert, Wise Michael - I manoscritti segreti di Qumran - Piemme, Casale Monferrato 1994 ; Craveri, op. cit., 1979 pp. 62-64 ; Donnini, op. cit., 1994 pp. 47-51.

15) Garcia Martinez Florentino, Barrera Julio Trebolle - Gli uomini di Qumran - Paideia ed., Brescia 1996 pp. 325-349.

16) vedi Fohrer, op. cit., 1985 : per quanto riguarda tensioni tra Jahvismo, culti pre-jahvistici e religioni cananee pp.107-117 ; conflitti tra profeti p.305 ; dissidi tra ebrei egiziani e jahvismo p.365 ; lo scisma samaritano pp.430-431. Per ciò che riguarda invece la critica all’ideologia regale e al Tempio accenneremo più avanti.

17) Cullmann, op. cit., p.33 ; Hengel, Martin - Ebrei, Greci e Barbari - Paideia ed., Brescia 1981 ; Penna, Romano - L’ambiente storico-culturale delle origini cristiane - Ed. Dehoniane, Bologna 1991 pp.73-74.

18) Per un approfondimento delle tematiche mitiche all’interno del Nuovo Testamento vedi Bultmann, op. cit., 1964 ; Craveri, op. cit., 1979 ; Donini, Ambrogio - Storia del Cristianesimo - Teti ed., Milano 1975.

19) Per il giudizio tra Barabba e Gesù, Craveri, op. cit., 1979 pp.338-341 ; per il Giorno dell’Espiazione Kornfeld, Walter - Levitico - Morcelliana, Brescia 1998 pp.80-88 ; Penna Romano, op. cit., pp.70-72.

20) Questi episodi sono presenti nell’ordine in : Flavio Giuseppe Ant. 18,85-87 ; Ant. 20,97-98 ; Ant. 20,169-171 e Bell. 2,261-263 ; Bell. 6,300-309 ; Bell. 1,3-9. La loro trattazione è oggetto di discussione in Horsley Richard A., Hanson John S. - Banditi, profeti e messia - Paideia, Brescia 1995 pp.208-221.

21) Per il tema del sosia e del Doppio nel folklore e nell’universo letterario Rank, Otto - il Doppio - Sugarco ed., Milano 1978.

22) Craveri, op. cit., 1979 p.129.

23) Vedi Vangelo copto di Tomaso in Apocrifi del Nuovo Testamento - A cura di L. Moraldi - Tea, Milano 1991 pp.475-501 ; Pagels,Elaine - I vangeli gnostici - Mondadori, Milano 1997 p.17 e p.62.

24) Craveri, op. cit., 1979 p.344.

25) v. Omodeo, Alfonso - Saggi sul Cristianesimo antico - Ed. scientifiche italiane, Napoli pp. 651-661.

26) Craveri, op. cit., 1979 p.129 ; Bollone, Pierluigi Baima - Sindone : la prova -Mondadori, Milano 1998 pp. 205-206.

27) Donnini , op. cit., 1994 pp.71-72 e  86-102.

28) Stanton, Graham - La verità del Vangelo - Ed. San Paolo, Cinisello Balsamo 1998 pp. 80-81.

29) Fohrer, op. cit., 1985 pp.168-175 ; Horsley-Hanson, op. cit., 1995 pp.39-41.

30) Fohrer ,op. cit., 1985 p.447 ; Maier, Johann - Il giudaismo del secondo Tempio - Paideia, Brescia 1991, pp.340-341.

31) Martinez-Barrera, op. cit., pp.101-105.

32) Flavio Giuseppe Bell. 2,119-161.

33) Fohrer, op. cit., 1985 pp.175-177 ; Maier, op. cit. , 1991 p.310.

34) Hengel, op. cit., 1981 p.46 e pp.117-119.

35) Horsley-Hanson, op. cit.,  1995 pp.64-65.

36)  Maier, op. cit., 1991 pp.122-124.

37) Sacchi, Paolo - Introd. al libro di Enoch etiopico in Apocrifi dell’Antico Testamento vol. I - Tea, Milano pp.33-44.

38) Horsley-Hanson, op. cit., 1995 pp.229-233.

39) Per ciò che riguarda la molteplicità di figure messianiche un’esauriente trattazione è in Cullmann, op. cit., 1970 dove si parla del Profeta, del Messia, del Sommo Sacerdote, del servo di Jahvè, del Figlio dell’Uomo, del Figlio di Dio etc. ; circa l’ipotesi di una molteplicità di Messia già nella tradizione giudaica e negli scritti di Qumran vedi Martinez-Barrera, op. cit., 1996 pp.286-306 ; per la discussione circa la tesi di Bultmann sulla molteplicità progressiva dei Messia e la contestuale interpretazione del Paraclito (Gv 14,16-26) vedi Bornkamm, op. cit., 1970 pp.117-119.

40) Quanto alla difficoltà, per la tesi della natura mitica di Gesù, che potrebbe scaturire dalle testimonianze di Tacito e di Giuseppe Flavio (il cosiddetto testimonium flavianum) sull’esistenza di questo personaggio, essa meriterebbe un’analisi a parte ; è probabile comunque che ci siano in questi testi molte interpolazioni cristiane (almeno per quanto riguarda Flavio questo è stato dimostrato) ed inoltre il Cristo di Tacito fa parte di una notizia chiaramente riportata (e cioè di una definizione all’epoca diffusa e che i cristiani davano di se stessi), mentre il Gesù di Flavio, liberato almeno in parte dalle interpolazioni è descritto in maniera scialba e generica e non ha la vivezza e il carattere determinato di personaggi sicuramente storici quali Gesù figlio di Anania ed il Samaritano. Infine non si nega a priori l’esistenza storica di un Gesù condannato sotto Ponzio Pilato da cui sarebbe derivata l’autodefinizione dei futuri cristiani : si dice piuttosto che il Gesù dei Vangeli è una rappresentazione mitica e composita quale figlio d’uomo dei processi sconvolgenti che si ebbero in Giudea nel I secolo d.C.

41) Sul rapporto controverso tra Giovanni e Gesù, Lupieri, Edmondo - Giovanni Battista tra storia e leggenda - Paideia ed., Brescia 1988 e poi Id. - Giovanni e Gesù : storia di un antagonismo - Mondadori, Milano 1991.

42) Sulle sigizie vedi Cullmann, op. cit., 1970 pp.84-90.

43) Sulla progressiva demonizzazione degli avversari religiosi, Pagels, Elaine - Satana ed i suoi angeli - Mondadori, Milano 1996 ; sull’Anticristo, Centini Massimo - Il ritorno dell’Anticristo - Piemme, Casale Monferrato 1997.

44) Horsley-Hanson, op. cit., 1995 p.80.

45) Sulla Gnosi e sulle sue possibili origini nell’ambiente giudaico eterodosso e nell’Ellenismo vedi Grant, Robert M. - Gnosticismo e Cristianesimo primitivo - il Mulino, Bologna 1976, pp.24-51 ; Doresse, Jean - La Gnosi - in Puech (a cura di) - Gnosticismo e Manicheismo - Laterza, Roma-Bari 1988 pp.12-17 ; Scopello, Maddalena - Gli gnostici - Ed. Paoline, Cinisello Balsamo 1993 pp.62-63.

46) vedi la polemica tra Thiede ( Thiede, Carsten - Il Papiro Magdalen - Piemme, Casale Monferrato 1997), Eisenman e Stanton ( Stanton, op. cit., 1998 pp.21-50).

47) Ayer, Alfred Jules - Saggi filosofici - Marsilio, Venezia 1967 pp.143-161.

48) Circa spiegazioni e teorie alternative circa i pretesi punti di svolta della storia, vedi ad es., per l’unicità dell’Occidente e la genesi del capitalismo e della Modernità Goody, Jack - L’Oriente in Occidente - il Mulino, Bologna 1999 ; per il c.d. “miracolo greco” v. Bernal, Martin - Atena Nera. Le radici afro-asiatiche della civiltà classica - vol. I, Pratiche ed., Parma 1991 ; circa la nascita della scienza e del suo metodo, Russo, Lucio- La rivoluzione dimenticata - Feltrinelli, Milano 1996.

49) Per un ‘ equilibrata critica a Bultmann, Cantoni, Remo - Bultmann e la demitizzazione - in Id. - Antropologia quotidiana -Rizzoli, Milano 1975 pp.36-41 ; per il rapporto intricato tra mito e storia Kerenyi, Karl - Il rapporto con il divino - Einaudi, Torino 1991 p.112.

50) Feuerbach, Ludwig - La filosofia dell’avvenire - Laterza, Roma-Bari 1975. Tuttavia non è impossibile radicare (come invece pensa Feuerbach) la nuova filosofia nelle contraddizioni e nella dialettica generate dalla vecchia filosofia. Né è impossibile conciliare la Differenza di cui parla verso la fine della sua opera con l’Identità idealistica.

51) Il ruolo al tempo stesso costitutivo, concreto e culminante dell’etica nella filosofia futura è fortemente tematizzato nella riflessione di E. Levinas. Lascia perplessi però la parziale e consapevole reticenza di questo pensatore, anche alla luce della sua impostazione filosofica, nel trattare l’importanza della figura mitica di Gesù. E’ una questione di distanza rispettosa ? Di enigmatica allusività ? Di rimozione ideologico-religiosa ?

52) Robertson, Edwin - La forza del debole. Vita e pensiero di Dietrich Bonhoeffer - Città Nuova, Roma 1992 pp.298-300.




permalink | inviato da il 12/8/2005 alle 14:59 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

sfoglia     aprile       
 

 rubriche

Diario
Filosofia
Politica
Articoli
deliri
Schegge
Ontologia
Epistemologia
Storia
Ermeneutica
Conto e racconto
Comunismo

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

italo nobile
Periecontologia
blog filosofia analitica
porta di massa (filosofia)
Crisieconflitti
Blog di crisieconflitti
Rescogitans
Spettegolando
Being and existence
Josiah Royce
filosoficonet
Russell on proposition
Wittgenstein against Russell
Landini on Russell
Kalam argument
Internet enciclopedy of philosophy
Sifa
swif
Moses
Grayling
Bas Van Fraassen
Gilbert Harman
Nordic journal of Philosophical logic
Paideia Project
Ousia
Diogene : filosofare oggi
formamentis
riflessioni
Articoli filosofici
Ancient Philosophy
Dialegesthai
Hegel in MIA
MIA . risorse filosofiche
Gesù e la storia
piergiorgio odifreddi
renato palmieri
Dizionario sanscrito
Lessico aramaico
Cultura indù
Lessico indiano
Mitologie
Egittologia
Archeogate
Popoli antichi
Antichi testi cristiani
Bibbia
Testi biblici e religiosi
Agiografia
Eresie
Critica della Bibbia
Psychomedia
Rabindranath Tagore
La Pietà di Michelangelo
Sapere
google
Wikipedia
Libri in commercio
google traduttore
libri su google
Emiliano Brancaccio
Libri in commercio2
Dispense
crisieconflittiblog
l'ernesto
Essere comunisti
manifesto
Liberazione
Proteo Vasapollo
Appello degli economisti
Krisis
Rivista del Manifesto
n+1
Temi marxisti
Ripensare Marx
Gianfranco La Grassa
Ripensare Marx 2
Costanzo Preve
CriticaMente
Mercati esplosivi
Intermarx
Archivio marxista
35 ore
Gianfranco Pala
Contraddizione
falcemartello
Comunisti internazionalisti
Comedonchisciotte
Che fare
Teoria critica libertaria
Bellaciao
Anarcocomunisti
Informationguerrilla
Scambio senza denaro
Chaos
Guerra globale
Peacelink
Altraeconomia
Brianza popolare
indymedia napoli
Partito comunista internazionale
Prometeo
Giano
Cervetto
Rivoluzione comunista
P.C.internazionale (sinistra)
Teoria e prassi
Contropiano
Mazzetti
mazzetti2
vis a vis
Rotta comunista
Erre
Indymedia lavoro
Il pane e le rose
Articoli neweconomy
Noam Chomsky
Malcom X economia
La Voce.info
Z-Anarchismo
Iura Gentium
Domenico Gallo
Articolo 21
ansa
Openpolis
Asca (agenzia stampa)
Repubblica
Corriere della Sera
Adnkronos
Agenzia giornalistica italiana
Il Foglio
Informazioni on line
Rapporto Amnesty
Governo italiano
Inail
Avvisatore Parlamento
Inps
Istat
Censis
Rete no-global
Greenpeace
Utopie
Associazione pro Cuba
Rassegna stampa
Rassegna sindacale
Lucio Manisco
Nonluoghi
Osservatorio Balcani
Comunisti italiani
Rifondazione
Peace reporter
Centroimpastato
Democrazia e legalità
Società civile
Beppe Grillo
Alternative
Un mondo possibile
Laboratori di società
Antiutilitarismo
Mediawatch
Megachip
Le monde diplomatique
Report
Forum Palestina
Il filo rosso
Il Dialogo
Giulietto Chiesa
Guerraepace
Namaste
NensVisco Bersani
Unità
Sinistri progetti
Socialpress
Cafebabel
Terreliberedallamafia
Maria Turchetto
Carta
Carmilla
Lettera internazionale
Jacopo Fo
Globalproject
Attac
Anarchivio
Resistenze
Micromegas
Sbilanciamoci
War news
Tobin tax
Un ponte per
Uruknet
Lettera 22
Rainews
Reti invisibili
Centomovimenti
Euronews
Nidil Cgil
Chain workers
Cani sciolti
Ivan Ingrilli (sanità)
Sanità mondiale
Almanacco dei misteri
Rapporto Amnesty
Diritto del lavoro
Atlante geopolitico
Criticamente
Disinformazione
istitutobrunoleoni
Statistiche Bankit
Debitopubblico
Economia politica
Rasegna stampa economia
Dizionario economia
Cnel
formazionelavoratori
Confcommercio
Affari esteri
Teocollectorborse
Businessonline
Linneo economia
Economia e società aperta
Statistiche annuario ferrarese
Eures
Cgil Lombardia
Fondazione Di Vittorio
Fai notizia
Luogo comune
Zoopolitico
ok notizie
Wikio
La mia notizia
Youtube
Technorati
Blog
Answers
La leva di Archimede
Eguaglianzaelibertà
Liberanimus
Link economici
campioni pugilato
All words (dizionari)
Babelfish traduttore
Dieta
Cucina 2 : Buonissimo
Calorie
Cucina
Primi piatti
Dieta 2
Last minute
Dica 33
Schede medicinali
Dizionario etimologico
Dizionari
E-testi
Foto da internet
Ferrovie dello Stato
La Gazzetta dello Sport
Incucina
Cucina napoletana
Tabelle nutrizionali
Altalex
Pagine bianche
Calcola inflazione e interessi
Film Tv
Fuoco
Studium
Amica Mia di Pigura
prc valdelsa
Siddhartino
Altromedia
Trashopolis
lotte operaie nel mondo
vulvia
Korvo Rosso
La tela di Penelope
Conteoliver
Mario
Cloroalclero
Fronesis
Il mondo di Galatea
Polpettine
Tisbe
Lameduck
aiuto
Daciavalent
Arabafenice
Batsceba
Pibua
Guevina
Vietato cliccare
Cattivomaestro
Khayyamsblog
Francesco Nardi
Alex321
Ciromonacella
Comicomix
Devarim
Raccoon
La grande crisi del 2009 (cronache)
Giornalettismo
Zio Antonio
Radioinsurgente
Garbo
Vita da St(r)agista
sonolaico
serafico
jonathan fanesi
Valhalla
Millenniumphoenix
gianfalcovignettista
occhidaorientale
Undine
Capemaster
Mimovo
antonio barbagallo
Nefeli
Secondoprotocollo
Nessunotocchisaddam
Pragmi
Rigitans
Alessandro
Formamentisblog
Corso di traduzione letteraria
Filosofia del web
Mediamente
Psicopolis
Blog cognitivismo
Dswelfare
Caffeeuropa
Stefano Borselli
Domenico De simone
Andrea Agostini
democrazia diretta
Finkelstein
Movisol
Società e conflitto
menoStato
Settantasette
la Cia
misteri e cospirazioni
Globalizzazione
Centroimpastato
Tugan Baranovsky
Wright su reddito garantito
Contro il lavoro
Assenteismo e operai
Auschwitz e il marxismo
Cestim migrazioni
Salute naturale
Signoraggio
Umanitànova
Crisi della liquidità
Cooperazione tra cervelli
La Grassa su Bettelheim
Marx e Lange
Gramsci e la globalizzazione
Marx e la crisi
Prc quinto Congresso
Lessico gramsciano
Il virus inventato
Lotte disoccupati francesi
Biospazio
Storia nonviolenza
Tax justice network
Marx e la crisi
Seminari della controra
Valori e prezzi
Veti Usa a risoluzioni Onu
Anarchici
Nuovi mondi media
Stele e cartigli egizi
Libro dei morti
Egitto
Egitto2
Egitto3
Egitto4
Egitto5
Storia delle Brigate Rosse
Guide di Dada net
Aljazira.it
Arab monitor
Il Giornale
Cultura cattolica
Il denaro
Aldo Pietro Ferrari
Asianews
Storia della birra
Storia contemporanea
Dossier Legge Biagi
Ateneonline

Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom