.
Annunci online

  pensatoio passeggiate per digerire l'attuale fase storica
 
Diario
 


 

 

Sono marxista

 




Darfur Day

Annuncio Pubblicitario

gaza_black_ribbon






sotto la media l'Italia arranca, con questi media l'Italia crepa







  


        
Articoli di filosofia

Il futuro delle filosofie
http://www.italonobile.it/Il%20futuro%20delle%20filosofie.htm

L'argomentazione apagogica sulla verità in Vittorio Hosle
http://www.italonobile.it/Esiste%20verità.htm

Pensiero di Pensiero...
http://www.italonobile.it/pensiero%20di%20pensiero.htm

La teoria delle descrizioni definite di Bertrand Russell

La x è solo un segno ?

Dall'assenza del segno al segno dell'assenza

Dallo zero alla variabile


Frege e la negazione

Frege e l'esistenza

Senso e denotazione in G. Frege

Concetto e Oggetto in G. Frege

Frege e la logica

Frege e il pensiero

Concetto e rappresentazione in G.Frege

Funzione e concetto in G. Frege

Il senso e la denotazione dei concetti in Frege

La connessione dei concetti in Frege

Ontologia del virtuale
http://www.italonobile.it/Ontologia%20del%20virtuale.htm

L'eliminazione della metafisica di R. Carnap

Conoscenza e concetto in M. Schlick

Schlick e la possibilità di altre logiche

Tempo e spazio in Schlick

Schlick e le categorie kantiane

Apparenza e realtà in Schlick

Concetti e giudizi in Schlick

Analitico e sintetico in Schlick

Evidenza e percezione in Schlick

Giudizio e conoscenza in Schlick

Il reale secondo Schlick

La critica di Schlick all'intuizione

Definizioni e sistemi formali in Schlick

La logica in Schlick

La verificazione in Schlick

La verità in Schlick

Lo scetticismo nell'analisi secondo Schlick

Lo scopo della conoscenza in Schlick

Logico e psicologico in Schlick

L'unità di coscienza secondo Schlick

Schlick e la svolta della filosofia

Schlick e l'induzione

Matematica e realtà in Schlick


Alexius von Meinong e la teoria dell'oggetto


Bernard Bolzano e una logica per la matematica

Contenuto e oggetto in Kazimierz Twardowski

Jean Piaget e la conservazione delle quantità continue

L'attualità di Feyerabend

Sul Gesù storico
http://www.italonobile.it/La%20spartizione%20delle%20vesti.htm

La coscienza secondo Thomas Nagel
http://www.italonobile.it/la%20doppia%20vita%20del%20conte%20Dracula.htm

Filosofia e visione
http://www.italonobile.it/l'immagine%20della%20filosofia.htm
http://pensatoio.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=614562

Ermeneutica della luce e dell'ombra
http://www.italonobile.it/all'ombra%20della%20luce.htm
http://pensatoio.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=614557

Il test di Fantuzzing: mente e società
http://www.italonobile.it/Test%20di%20Fantuzzing.htm

Metafisica oggi
http://www.italonobile.it/metafisica.htm

La merce in Marx

Una teoria marxista della crisi : un primo livello di riflessione


Globalizzazione economica e giuridica
http://www.italonobile.it/globalizzazione.htm
http://pensatoio.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=615609

Guerra, marxismo e nonviolenza
http://www.italonobile.it/Guerra,%20marxismo%20e%20non%20violenza.htm
http://pensatoio.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=615613

Utopia e stato d'eccezione
http://www.italonobile.it/utopia%20e%20stato%20d'eccezione.htm
http://pensatoio.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=622445

Il reddito di cittadinanza
http://www.crisieconflitti.it/public/Nobile1.pdf

Keynes da un punto di vista marxista

Appunti marxiani 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10



STORIA DEI NUMERI E DELLE CIFRE NUMERICHE
http://www.italonobile.it/genealogia%20della%20matematica.htm

La comunicazione nel linguaggio scientifico e la filosofia

 http://pensatoio.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=614558



Lemmi Wikipedia da me integrati
Alexius Meinong
Bernard Bolzano
Storia dei numeri
Sistema di numerazione
Sistema di numerazione cinese
Sistema di numerazione maya


Il Capitale di Marx e altro
1 2  3  4  6  7  8  9
10  11  12  13  14  15  
16  17  18  19  20  21
22  23  24  25  26  27
28  29  30  31  32 

 

Dibattito su Emiliano Brancaccio
1 2 3

Quelli che la crisi l'avevano prevista

Cazzari Nobel

Le molte cazzate del Nobel cazzaro

 

DISCLAIMER (ATTENZIONE):
l'Autore dichiara di non essere
responsabile per i commenti
inseriti nei post. Eventuali
commenti dei lettori, lesivi
dell'immagine o dell'onorabilità
di persone terze non sono da
attribuirsi all'Autore, nemmeno se
il commento viene espresso
in forma anonima o criptata.







29 marzo 2007

Piccola variazione sul tema da Baudelaire...

Mi pare, a volte, che il mio sangue fiotti come una fontana dai ritmici singhiozzi. Lo sento colare con un lungo murmure, ma mi tasto invano in cerca d'una ferita.
Essa è nell'anima.




permalink | inviato da il 29/3/2007 alle 0:18 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (11) | Versione per la stampa


26 marzo 2007

Cento chiodi

Il film di Olmi "Cento chiodi" è (pare) una riflessione sulla religione...
Eppure una delle citazioni più frequenti è «Tutti i libri del mondo non valgono un caffè con un amico».
Una santa verità.
I monaci Zen pare mettevano i loro sutra ben rilegati vicino alle latrine e criticavano la cultura libresca. Allora l'istruzione era un lusso e si dovevano comunicare le nobili verità anche all'analfabeta.
Tuttavia uno slogan del genere in Italia mi sembra una presa per il culo. Una gratuita propaganda all'analfabetismo di ritorno. Tanto che l'attore protagonista è Raz Degan.
I libri qui li leggono in pochi, anche se la scuola era gratuita sino a qualche anno fa.
Pensate un po' se questa frase dovesse arricchire un comizio di Flavia Vento....
"La mia scuola è la strada..." direbbe fiero un ragazzino che ha deciso di fare il pusher...
E poi la pippa sull'amicizia: ma se penso che anche Berlusconi e Confalonieri sono amici, mi viene voglia di fiondarmi in una biblioteca anche se fossi cieco.
Perchè Olmi questo film non lo pubblicizza in Svezia ?
E se proprio lo deve fare in Italia, perchè non prova ad inchiodare una Playstation ?




permalink | inviato da il 26/3/2007 alle 1:5 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (28) | Versione per la stampa


24 marzo 2007

Sesso: Per 4 Milioni Italiani Dura Meno Di 3 Minuti

Bush : "Forse sarebbe meglio....da quando sono penetrato in Iraq sono quattro anni che ci ho l'orgasmo...e pensare che volevo fare una botta e via..."

img207/7999/georgebushtellsamericafna0.png




permalink | inviato da il 24/3/2007 alle 9:38 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (10) | Versione per la stampa


23 marzo 2007

La querelle afghana

Nel caso le ipotesi ventilate siano vere, è stato giusto trattare con i talebani per la liberazione di Mastrogiacomo ?
Questa domanda nasconde molte altre questioni :
I talebani sono considerabili terroristi tout court ?
Che ruolo svolgiamo in Aghanistan ?
Qual è il rapporto tra noi e i talebani ?
Altri alleati in questo scacchiere hanno rapporti con i talebani ?
Da un punto di vista politico la morte di Mastrogiacomo era un costo sopportabile ?
Io credo che volendo rispondere a queste domande bisogna dire che:
1) I talebani non sono tout court dei terroristi, ma un movimento religioso armato che controlla pezzi di territorio afghano anche sulla base di un'adesione ideologica.
2) Qualsiasi decisione Onu che comporti un intervento armato è sempre a rischio di illegittimità  nei confronti dello stesso Statuto delle Nazioni Unite
3)  L'Onu è un'istituzione non democraticamente gestita, vista l'esistenza di membri permanenti del Consiglio di sicurezza con poteri di veto.
4) La nostra presenza non ha dunque tutti quei crismi di legittimità che consentono di bollare come terroristica l'azione di chi si oppone alla nostra permanenza.
5) Le forti polemiche interne al nostro paese rendono difficile giustificare qualsiasi evento di sangue che avvenga in questo scenario di guerra.
6) Gli Usa col caso Calipari hanno con l'Italia un obbigo quanto meno morale di guardare senza fiatare.
7) Da Sigonella si è sempre reso evidente che l'Italia ha sul Medio Oriente un approccio che diverge dall'impostazione euro-atlantica.

Tutti questi dati non consentono un atteggiamento eccessivamente formale nella gestione del rapporto con  i talebani.
Dunque la trattativa è giustamente sembrata la procedura che consentiva di mantenere un minimo di  consenso popolare intorno alla nostra presenza in Afghanistan.

L'Italia con la conferenza di pace e l'apertura politica ai Talebani sta scoprendo gli altarini su una missione autorizzata sotto l'onda emotiva degli attentati al World Trade Center e che si sta rivelando un fallimento dal punto di vista militare. Ed è ovvio che gli altri paesi impegnati (Usa in primis) cercano di metterla in difficoltà.




permalink | inviato da il 23/3/2007 alle 1:20 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (36) | Versione per la stampa


22 marzo 2007

Trans-eunte

Sircana : "Sei un trans ? "
Trans: "Si, ma pure tu non scherzi..."
Sircana: " In che senso scusa ? "
Trans: "...che stai più di là che di qua...."
img213/3840/0jew2dfa130x150pf2.jpg




permalink | inviato da il 22/3/2007 alle 10:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa


22 marzo 2007

Drive in

Italo: "Uè Crociù, stai facenno o' solito giro d'e' puttane ?"
Crociuzzo: "No, sto vedendo un film, un classico..."
Italo: "E quale ?"
Crociuzzo: "Nessuna pietà...per Sircana".




permalink | inviato da il 22/3/2007 alle 10:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


21 marzo 2007

Seconda giornata di veglia

Non è ancora finita la pacchia :
Sciacalli e iene continuano a spartirsi l'eredità spirituale di Marco Biagi...
Nicola Rossi, assumendo l'aria ispirata dell'eretico, dice che la cultura della sinistra è anacronistica
e per portarla nel XXI secolo non esita a spingerci da dietro...volesse prenderci per il culo ?
Nooooo...dice Michele Tiraboschi : il contributo di Marco Biagi è stato quello metodologico di comparare la situazione italiana con l'esperienza degli altri paesi : peccato che la comparazione con gli altri paesi dovrebbe essere preceduta dalla costituzione del Welfare nel nostro, cosa che non è mai avvenuta (avete coraggio di chiamare Welfare quella vescica corrotta che è la nostra pubblica amministrazione, che Ichino critica solo perchè ci sarebbero i fannulloni cattivoni ?).
Alcuni sono poi peggio del quadro della disperazione : Tiziano Treu, volendoci fare di nuovo il famoso pacchetto, dice che la destra ha alterato l'intento originario dell'ingenuo Marco Biagi, mentre il famoso pacchetto semplicemente regolava il mercato nero (manco fosse una cloaca...), ultimo effetto delle innovazioni tecnologiche ( minchia ! ). Forse che la miseria secolare del meridione d'Italia sia l'ultimo frutto della post-modernità ? 
Last but not the least, Oliviero Diliberto dice che Marco Biagi sarebbe stato un guerrigliero della Selva Lacandona. E' l'ultima spiaggia di chi spera che si possa trovare un compromesso : il problema sarà individuare tra che cosa...


Infine si allargano le ali del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano con la sua candida testa da avvoltoio. Questo figlio spirituale di Pierferdinando Casini sentenzia che bisogna riflettere sul patrimonio di idee e di proposte di Marco Biagi. E la sua parola è una pietra tombale su ogni difesa dei diritti dei lavoratori. Ci vorranno anni per riprenderci.


Ormai aspettiamo solo l'ultimo dei saprofagi, il più spettrale, il marabù, con il suo aspetto allampanato, con la sua funerea presenza :
Piero Fassino, a quando la tua prossima dichiarazione di resa ?




permalink | inviato da il 21/3/2007 alle 1:11 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa


19 marzo 2007

A spasso col morto

Ogni anno, intorno al cadavere di Marco Biagi, gli sciacalli della politica celebrano riti propiziatori affinchè sia risparmiata una revisione della legge che introduce in maniera sistematica forme di precariato nel mercato del lavoro di questo paese.
Fassino, da vero becchino della sinistra e del programma dell'Unione, già dichiara che Biagi ebbe il coraggio di indicare riforme difficili ma necessarie. 
Luca di Montezemolo approfitta di questo testa coda del nuovo partito democratico per dire (quasi Biagi fosse il killer e non la vittima) che bisogna "continuare il suo lavoro", quasi che la precarizzazione sia il frutto di un lavoro seriale.
Piero Ichino, votato ormai a fare il muezzìn del capitale, pur dicendo giustamente che la precarizzazione del lavoro è nata con il pacchetto Treu, raccoglie tutta la sua bile e la butta in faccia al lettore, mettendo insieme contrattazione centralizzata, giornate di sciopero e inefficienza dell'amministrazione in un solo calderone retorico nel quale mancano solo Maciste e i suoi compagni e Rocco e i suoi fratelli.
Infine Sacconi e Bombassei raccolgono il cadavere della sinistra imbalsamato da Fassino e lo legano al carro delle flessibilità in uscita, puntando (pur spergiurando di no) all'articolo 18.
L'astuto Ulisse aveva usato la pancia di un cavallo di legno per conquistare Troia e quella di un ariete per sfuggire a Polifemo.
L'italica classe politica e confindustriale non disdegna di usare un morto per raggiungere i propri loschi scopi e caracolla portando un cadavere a spasso tra celebrazioni e ammiccamenti.
Riuscirà il popolo italiano ad essere lucido come quello svedese che, al referendum sull'adesione alla moneta unica, non si fece fregare dall'ondata di commozione per la morte di Anna Lindh ?
Non ce ne voglia il povero Biagi, ma mandiamo a stendere le prefiche della politica, prezzolate dal capitale per innalzare le loro lagne !!!




permalink | inviato da il 19/3/2007 alle 23:53 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (10) | Versione per la stampa


19 marzo 2007

A mio padre

Concedi ch'io possa sedere
per un momento al tuo fianco.
Le opere cui sto attendendo
potrò finirle più tardi.

Lontano dalla vista del tuo volto
non conosco né tregua né riposo
e il mio lavoro
diventa una pena senza fine
in un mare sconfinato di dolori.

Oggi l'estate è venuta
alla mia finestra
con i suoi sussurri e sospiri,
le api fanno i menestrelli
alla corte del boschetto in fiore.

Ora è tempo di sedere tranquilli
a faccia a faccia con te
e di cantare la consacrazione
della mia vita
in questa calma straripante e silenziosa.


Rabindranath Tagore




permalink | inviato da il 19/3/2007 alle 18:39 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa


17 marzo 2007

Una lettera di Francesca (dal Blog KarlKraus) sul reddito di cittadinanza ed altre cose

Ho ricevuto in questi giorni una interessante lettera di Francesca, dal blog Karlkraus :

Caro Pensatoio;
il "salario di cittadinanza", e solo per citare quello, non è questione particolarmente marxista. Si argomenta pro o contro quella misura anche nell'economia 'liberale', così che - mi sembla - le trattazioni che ho letto nei liens che hai fornito non solo indeboliscono l'idea di salario di cittadinanza, ma sopratutto banalizzano il marxismo.
Sono in effetti surprisa che la rifondazione della "cultura comunista in italia" possa essere appoggiata su discorsi che hanno molto più a che vedere con le fascinazioni della 'controcultura' e dei movimento del '77, che à mio parere sono piuttosto ANTI-marxiste che marxiste.. E dunque non mi stupisce
la 'crisi' di cui parli, ma l'idea che la nuova sintesi passi attraverso un altra dose della stessa roba che l'ha generata.
E per esempio questa cosa della 'censura' dei comportamenti. Esisteva nel vieux marxismo l'idea (abbastanza odiosa, ma storicamente fondata) di complcità 'oggettiva' con l'avversario: la cosa che un comunista, soprattoutto un intellettuale, NON poteva permettersi era di compromettere la lotta della classe (=la 'linea' del partito) in nome di una istanza individuale. Il Partito censurava eccome, ed esistevano istituti come la 'disciplina di Partito', il 'centralismo democratico': potevi dissentire come ti pareva DENTRO il Partito, ma era il Partito che si esprimeva negli atti politici, e non tu.
Non rimpiango affatto questo, che è forse uno dei più potenti moventi della 'crisi', ma lo segnalo precisamente perchè fu uno dei moventi della 'crisi',  e perchè mi sembra che essa crisi  permanga precisamente perchè non la si affronta andando invece a inventarsi cose come il salario di cittadinanza che, ripeto
, non ha niente di specialmente 'marxista'.

Nella mia esperienza gli unici marxisti che rifondino seriamente, cioè non 'esteticamente' o 'psicologicamente' o 'esistenzialmente' la sinistra sono gli africani, precisamente perché non hanno conosciuto la stagione del 'movimento del '77'. Se ti interessa posso parlartene, magari mandarti dei testi (in inglese).
Je te remercie
Françoise.

(Vi confesso che, essendo io un povero tardone, il misto di francese e italiano dello scritto ha generato in me le stesse reazioni che in  Jamie Lee Curtis avevano suscitato le parole in italiano di un maturo signore non proprio bellissimo. Mi sono ripreso dalla tempesta ormonale solo dopo aver reiteratamente pronunciato l'esicasmo di Gregorio Palamas )


img247/6799/karlmarxvt6.jpg



Dunque continuiamo (perchè Carletto Marx mi guarda male) :
Francesca ha poi aggiunto nei commenti a questo post sulla controcultura :
Per un caso (?) fortunato questa tua cosa, KK, appare in contemporanea con una analisi di Pensatoio sulla 'crisi di Rifondazione', ed in particolare della "rifondazione della cultura comunista italiana".

Egli afferma che questa rifondazione avrebbe dovuto 'ispirarsi a Marx con delle istanze progettuali come la riduzione dell'orario di lavoro e il reddito di cittadinanza'. Ora, il riferimento a Marx in relazione a queste due particolari 'istanze progettuali' è la "sussunzione del plusvalore relativo", cioè l'appropriazione da parte del capitale del valore generato dall'aumento di produttività del lavoro A PARITA' DI SALARI REALI. L'idea è che quel valore 'sussunto' dal capitale dovrebbe invece essere 'tempo liberato' per l'ozio creativo, o corrispondentemente 'salario di cittadinanza' che consentirebbe il libero esercizio dell'ozio creativo.

Quel che non funziona in questa cosa è ovviamente la clausola "a parità di salario reale": la teoria del valore, e quindi del plusvalore, è *la* cosa di Marx che NON funziona. Il riscontro della storia è che gli aumenti di produttività sono aumenti dei salari reali, e dunque non c'è sussunzione del 'plusvalore' relativo.

E dunque si direbbe che la teoria dell'"ozio creativo" abbia molto più a che fare con la storia che fai tu della 'controcultura' che con Marx. Ed è precisamente per questo che la controcultura del '77 era essenzialmente ANTI-marxista.

No wonder, direi, che il progetto di Rifondazione di 'rifondare la cultura comunista in Italia' sia in crisi!

Dunque ecco la 'contradizione' (per usare il gergo): per 'noi' il sociale è lo Stato che si occupa di tutto in modo che noi possiamo occuparci di NOI, mentre per i marxisti il sociale è 'noi' che ci occupiamo dello Stato.
Vogliamo assolutamente che lo Stato si occupi di produrre e di distribuire tutto, ma singolarmente troviamo che persino il legame affettivo con Pinco o Pallina rischi di essere una 'struttura castrante' limitante del nostro ozio creativo.

Ed ecco realizzata la più capitalistica divisione del lavoro: per ventisette fichetti che oziano creativamente ce ne sono ventisettemila che si occupano dei dettagli più sordidi, come guidare un autobus. La distinzione, très anti-culturelle, è fra i ventisette che sono degli aristocratici individualmente irriducibili, e la 'massa' di 'uomini medi'.

E poi ancora :
" 1) "il reddito di cittadinanza" è una roba di cui si discute, pro e contro, ANCHE nell'ambito dell'economia 'liberale'. Dunque NON è una conseguenza logica del marxismo o di una sua parte (la faccenda della sussunzione del plusvalore relativo). Non sto dicendo che non la si possa esaminare come misura 'marxista', ma dico che che non è quella una 'istanza' che possa rifondare "la cultura comunista in Italia". Dico di più: lo stesso vale per cose come 'copyleft' o 'microcredito'. Questo significa - secondo me - che la crisi della "cultura comunista in Italia" sia ben più seria, e sia altrove.

2)E sta secondo me nell'abolizione del marxismo. NON dei 'risultati' del marxismo, ma sei suoi presupposti filosofici, logici, metodologici: di ciò che per l'appunto 'passa' nella cultura quando anche non passi in misure particolari di politica economica. Per fare un esempio di quello che intendo: è' come se fosse sparito Galileo Galilei dalla fisica. Non la sua teoria delle maree o la sua equazione della catenaria, che sono 'sbagliate', ma il metodo sperimentale.

3-Questa cosa è fondamentale, secondo me, perchè la crisi della sinistra è una crisi della democrazia, alimenta la crisi della democrazia, ANCHE se non si fosse 'di sinistra'.

4-Secondo me non è il marxismo ma il "situazionismo contro-culturale" che alimenta oggi la sensibilità 'di sinistra' , e secondo me QUESTA è la 'crisi'. Il 'salario di cittadinanza' per favorire l'"insorgenza": questi sono, secondo me, GESTI contro-culturali (contro-consumisti), che non hanno NULLA di marxista ma TUTTO di 'situazionista'.

5-Se l'anti-consumo viene 'recuperato' dal 'capitalismo' è perchè esso è ESSENZIALMENTE recuperabile: è consumo esso stesso, è perfettamente compatibile con il 'capitalismo', ed è in fatti NEL capitalismo che si *pratica* la contro-cultura, fino a diventare una produzione ("beni di relazione") perfettamente ordinaria. Questa è la tesi del libro rispetto, ad esempio, a Nirvana. Nirvana può cantare la contro-cultura quanto gli pare: così facendo produce 'cultura'. Potete tagliarvi i capelli come vi pare; dieci e poi diecimila stilisti, ne fanno una produzione indutriale, e così facendo innovano in senso perfettamente capitalista (e meno male). (Stessa cosa per i giornali. Mi domando se PER CASO non avvenga lo stesso con altri 'lifestyles', e per esempio se il matrimonio fra omosessuali, o la sensibilità per l'ambiente, siano idee che compaiono precisamente GRAZIE a questo meccanismo 'di innovazione', che dunque non è per forza diabbbolico, e non CONTRO di esso).





Risposta a Francesca

Naturalmente ho anche un po' decontestualizzato gli interventi successivi di Francesca (essi erano anche risposte ad altri interventi...), ma spero che questo non vizi tutto il discorso che ora farò....

1) Il salario di cittadinanza non è argomento marxista ? Forse... ma come credo di aver argomentato qui , esso non può essere assimilato al cosiddetto sistema di Speenhamland (pp. 1-2),  rientra nella tradizione più latamente socialista ( pp. 3-4) e può essere uno sviluppo di alcuni temi marxiani (pp- 3-4). Non parlo dell'interpretazione di Marx che fa Toni Negri : lo sviluppo della sua tesi è per me confuso, ma in essa c'è un' intuizione giusta : la  liberazione del lavoro è liberazione dal lavoro.

2) Molti marxisti ritengono che la cosiddetta controcultura sia antimarxista: ma in primo luogo parlare di controcultura in termini monolitici non è mai del tutto corretto. In secondo luogo questi anatemi servono solo a ravvivare le controversie tra chierici, mentre bisogna riflettere a partire da tutte le varianti sorte dal medesimo programma di ricerca che è quello di Marx : fare spallucce della tradizione o accusare gli antagonisti di eresia sono due operazioni opposte e speculari. Esse vogliono fare del programma di ricerca marxiano una vulgata dogmatica e  soprattutto alla ricerca vogliono sostituire la propria arroganza. Nel tuo caso invece l'operazione è di difendere il Marx classico e di museificarlo o di relegarlo in Africa, per poi invocare semplicemente il libero mercato dei prodotti agricoli. Ma le cose non sono così semplici.

3) Anche la romantica rimembranza del centralismo finisce per sortire lo stesso effetto : io il marxismo non lo voglio fissare nella sua pretesa coerenza, ma voglio farlo vivere, anche se la sua vita può sembrare farsesca : sempre meglio dell'epicedio. Il centralismo ha forse svolto una funzione, ma riproporlo in questo contesto è solo ipocrita e contraddittorio. Inoltre esso non tiene conto del fatto che, a fronte di molti successi tattici di questo approccio, cìè un costo di lungo periodo che è la mortificazione delle individualità, e non solo quelle degli aristocratici intellettuali, ma anche di quelle delle persone meno preparate ed istruite, bisognose comunque di esprimersi da sole, ma soprattutto di non delegare a nessuno le conclusioni del dibattito. I congressi famosi della svolta di Occhetto furono la rivelazione patente di quanto il conformismo generato dal centralismo democratico avesse svuotato dall'interno le menti e le anime di tanti militanti, che di fronte ad una svolta di quella portata ribadirono il loro carattere gregario e si genuflessero di fronte al nuovo Principe in scala ridottissima. Il risultato fu di dare il partito a "splendidi quarantenni" che avevano solo voglia di cagare dopo una costipazione moralisticamente alimentata e che si sono trasformate in macchine da guerra della occupazione delle poltrone (altro che casematte !)

4) Sulla teoria del valore/lavoro di Marx non posso pronunciarmi perchè non ci ho riflettuto abbastanza. ma dire che non funziona vuol dire assopirsi sul vecchio saggio di Bohm-Bawerk, quando sembra che la questione ancora nel 2007 ha generato un emiciclo su cui ognuno si sistema dove pare più comodo, a destra come a sinistra. Come vedo, lo fai anche tu.
Ma anche qui bisogna approfondire ancora. Oltre tutto alcuni teorici (come Dieuaide e Vercellone) partono proprio da un superamento della teoria del valore/lavoro per giustificare il reddito di cittadinanza.

5) In realtà da un lato lo Stato è proprio la sfera della delega che consente anche l'indifferenza (noi non ci occupiamo dello Stato, perchè se così fosse, lo Stato, come mediazione e come delega, non ci sarebbe punto). Interpretare il marxismo come un occuparsi dello Stato dimentica che il marxismo vuole togliere lo Stato. Quanto al legame affettivo che impedirebbe l'ozio creativo non credo che sia argomento della presente discussione (con chi polemizzi qui ?).

6) Il rapporto tra ventisette e ventisettemila che tu disegni riguarda l'attuale modo capitalista di produzione. Non ha molto a che fare con il reddito di cittadinanza. Anche perchè di quei ventisettemila molti saranno poi licenziati e quindi il loro sfruttamento da parte degli inoccupati finirà. Diventeranno anch'essi sporchi sfruttatori. O si venderanno a prezzi ancora più bassi. Ma a questo punto gli inoccupati c'entreranno poco. Siamo di fronte ad un patto tra... produttori ?

7) Dire che il reddito di cittadinanza venga discusso anche in ambito liberale non vuol dire che esso non possa essere una conseguenza logica del marxismo (sempre che il marxismo sia considerabile come un sistema assiomatico deduttivo, il che sa troppo di ...neoclassico). Una conseguenza è conseguenza possibile di tante premesse. Ed inoltre ho già ben delineato la differenze tra le diverse versioni del reddito di cittadinanza. Alcune delle quali sono collegabili al marxismo. Sta a te poi argomentare perchè non possa contribuire a rifondare la cultura comunista in Italia, pur potendo noi studiarla come "misura marxista" (come dici tu). Ovviamente la tue tesi della necessità dell'abolizione del marxismo, detta così, è sospesa nel vuoto, anche se non ci voleva la zingara per indovinare che a queste conclusioni saresti giunta col tuo "come eravate..."

8) Dire poi che anche il contro-consumo rientri nel consumo mi sembra una tesi che si collega alla visione francofortese che fa del marxismo una semplice teoria del sospetto che si applica come una macchina  a tutto, come le teorie criticate da Popper (e considerate forse erroneamente marxiste). Qui si confondono le strade che potrebbero (non è sicuro ovviamente) portarci fuori dal bosco con le strade che corrono già fuori dal bosco.

E questo è tutto, al momento....




permalink | inviato da il 17/3/2007 alle 1:13 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (40) | Versione per la stampa

sfoglia     febbraio   <<  1 | 2 | 3 | 4  >>   aprile
 

 rubriche

Diario
Filosofia
Politica
Articoli
deliri
Schegge
Ontologia
Epistemologia
Storia
Ermeneutica
Conto e racconto
Comunismo

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

italo nobile
Periecontologia
blog filosofia analitica
porta di massa (filosofia)
Crisieconflitti
Blog di crisieconflitti
Rescogitans
Spettegolando
Being and existence
Josiah Royce
filosoficonet
Russell on proposition
Wittgenstein against Russell
Landini on Russell
Kalam argument
Internet enciclopedy of philosophy
Sifa
swif
Moses
Grayling
Bas Van Fraassen
Gilbert Harman
Nordic journal of Philosophical logic
Paideia Project
Ousia
Diogene : filosofare oggi
formamentis
riflessioni
Articoli filosofici
Ancient Philosophy
Dialegesthai
Hegel in MIA
MIA . risorse filosofiche
Gesù e la storia
piergiorgio odifreddi
renato palmieri
Dizionario sanscrito
Lessico aramaico
Cultura indù
Lessico indiano
Mitologie
Egittologia
Archeogate
Popoli antichi
Antichi testi cristiani
Bibbia
Testi biblici e religiosi
Agiografia
Eresie
Critica della Bibbia
Psychomedia
Rabindranath Tagore
La Pietà di Michelangelo
Sapere
google
Wikipedia
Libri in commercio
google traduttore
libri su google
Emiliano Brancaccio
Libri in commercio2
Dispense
crisieconflittiblog
l'ernesto
Essere comunisti
manifesto
Liberazione
Proteo Vasapollo
Appello degli economisti
Krisis
Rivista del Manifesto
n+1
Temi marxisti
Ripensare Marx
Gianfranco La Grassa
Ripensare Marx 2
Costanzo Preve
CriticaMente
Mercati esplosivi
Intermarx
Archivio marxista
35 ore
Gianfranco Pala
Contraddizione
falcemartello
Comunisti internazionalisti
Comedonchisciotte
Che fare
Teoria critica libertaria
Bellaciao
Anarcocomunisti
Informationguerrilla
Scambio senza denaro
Chaos
Guerra globale
Peacelink
Altraeconomia
Brianza popolare
indymedia napoli
Partito comunista internazionale
Prometeo
Giano
Cervetto
Rivoluzione comunista
P.C.internazionale (sinistra)
Teoria e prassi
Contropiano
Mazzetti
mazzetti2
vis a vis
Rotta comunista
Erre
Indymedia lavoro
Il pane e le rose
Articoli neweconomy
Noam Chomsky
Malcom X economia
La Voce.info
Z-Anarchismo
Iura Gentium
Domenico Gallo
Articolo 21
ansa
Openpolis
Asca (agenzia stampa)
Repubblica
Corriere della Sera
Adnkronos
Agenzia giornalistica italiana
Il Foglio
Informazioni on line
Rapporto Amnesty
Governo italiano
Inail
Avvisatore Parlamento
Inps
Istat
Censis
Rete no-global
Greenpeace
Utopie
Associazione pro Cuba
Rassegna stampa
Rassegna sindacale
Lucio Manisco
Nonluoghi
Osservatorio Balcani
Comunisti italiani
Rifondazione
Peace reporter
Centroimpastato
Democrazia e legalità
Società civile
Beppe Grillo
Alternative
Un mondo possibile
Laboratori di società
Antiutilitarismo
Mediawatch
Megachip
Le monde diplomatique
Report
Forum Palestina
Il filo rosso
Il Dialogo
Giulietto Chiesa
Guerraepace
Namaste
NensVisco Bersani
Unità
Sinistri progetti
Socialpress
Cafebabel
Terreliberedallamafia
Maria Turchetto
Carta
Carmilla
Lettera internazionale
Jacopo Fo
Globalproject
Attac
Anarchivio
Resistenze
Micromegas
Sbilanciamoci
War news
Tobin tax
Un ponte per
Uruknet
Lettera 22
Rainews
Reti invisibili
Centomovimenti
Euronews
Nidil Cgil
Chain workers
Cani sciolti
Ivan Ingrilli (sanità)
Sanità mondiale
Almanacco dei misteri
Rapporto Amnesty
Diritto del lavoro
Atlante geopolitico
Criticamente
Disinformazione
istitutobrunoleoni
Statistiche Bankit
Debitopubblico
Economia politica
Rasegna stampa economia
Dizionario economia
Cnel
formazionelavoratori
Confcommercio
Affari esteri
Teocollectorborse
Businessonline
Linneo economia
Economia e società aperta
Statistiche annuario ferrarese
Eures
Cgil Lombardia
Fondazione Di Vittorio
Fai notizia
Luogo comune
Zoopolitico
ok notizie
Wikio
La mia notizia
Youtube
Technorati
Blog
Answers
La leva di Archimede
Eguaglianzaelibertà
Liberanimus
Link economici
campioni pugilato
All words (dizionari)
Babelfish traduttore
Dieta
Cucina 2 : Buonissimo
Calorie
Cucina
Primi piatti
Dieta 2
Last minute
Dica 33
Schede medicinali
Dizionario etimologico
Dizionari
E-testi
Foto da internet
Ferrovie dello Stato
La Gazzetta dello Sport
Incucina
Cucina napoletana
Tabelle nutrizionali
Altalex
Pagine bianche
Calcola inflazione e interessi
Film Tv
Fuoco
Studium
Amica Mia di Pigura
prc valdelsa
Siddhartino
Altromedia
Trashopolis
lotte operaie nel mondo
vulvia
Korvo Rosso
La tela di Penelope
Conteoliver
Mario
Cloroalclero
Fronesis
Il mondo di Galatea
Polpettine
Tisbe
Lameduck
aiuto
Daciavalent
Arabafenice
Batsceba
Pibua
Guevina
Vietato cliccare
Cattivomaestro
Khayyamsblog
Francesco Nardi
Alex321
Ciromonacella
Comicomix
Devarim
Raccoon
La grande crisi del 2009 (cronache)
Giornalettismo
Zio Antonio
Radioinsurgente
Garbo
Vita da St(r)agista
sonolaico
serafico
jonathan fanesi
Valhalla
Millenniumphoenix
gianfalcovignettista
occhidaorientale
Undine
Capemaster
Mimovo
antonio barbagallo
Nefeli
Secondoprotocollo
Nessunotocchisaddam
Pragmi
Rigitans
Alessandro
Formamentisblog
Corso di traduzione letteraria
Filosofia del web
Mediamente
Psicopolis
Blog cognitivismo
Dswelfare
Caffeeuropa
Stefano Borselli
Domenico De simone
Andrea Agostini
democrazia diretta
Finkelstein
Movisol
Società e conflitto
menoStato
Settantasette
la Cia
misteri e cospirazioni
Globalizzazione
Centroimpastato
Tugan Baranovsky
Wright su reddito garantito
Contro il lavoro
Assenteismo e operai
Auschwitz e il marxismo
Cestim migrazioni
Salute naturale
Signoraggio
Umanitànova
Crisi della liquidità
Cooperazione tra cervelli
La Grassa su Bettelheim
Marx e Lange
Gramsci e la globalizzazione
Marx e la crisi
Prc quinto Congresso
Lessico gramsciano
Il virus inventato
Lotte disoccupati francesi
Biospazio
Storia nonviolenza
Tax justice network
Marx e la crisi
Seminari della controra
Valori e prezzi
Veti Usa a risoluzioni Onu
Anarchici
Nuovi mondi media
Stele e cartigli egizi
Libro dei morti
Egitto
Egitto2
Egitto3
Egitto4
Egitto5
Storia delle Brigate Rosse
Guide di Dada net
Aljazira.it
Arab monitor
Il Giornale
Cultura cattolica
Il denaro
Aldo Pietro Ferrari
Asianews
Storia della birra
Storia contemporanea
Dossier Legge Biagi
Ateneonline

Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom