.
Annunci online

  pensatoio passeggiate per digerire l'attuale fase storica
 
Diario
 


 

 

Sono marxista

 




Darfur Day

Annuncio Pubblicitario

gaza_black_ribbon






sotto la media l'Italia arranca, con questi media l'Italia crepa







  


        
Articoli di filosofia

Il futuro delle filosofie
http://www.italonobile.it/Il%20futuro%20delle%20filosofie.htm

L'argomentazione apagogica sulla verità in Vittorio Hosle
http://www.italonobile.it/Esiste%20verità.htm

Pensiero di Pensiero...
http://www.italonobile.it/pensiero%20di%20pensiero.htm

La teoria delle descrizioni definite di Bertrand Russell

La x è solo un segno ?

Dall'assenza del segno al segno dell'assenza

Dallo zero alla variabile


Frege e la negazione

Frege e l'esistenza

Senso e denotazione in G. Frege

Concetto e Oggetto in G. Frege

Frege e la logica

Frege e il pensiero

Concetto e rappresentazione in G.Frege

Funzione e concetto in G. Frege

Il senso e la denotazione dei concetti in Frege

La connessione dei concetti in Frege

Ontologia del virtuale
http://www.italonobile.it/Ontologia%20del%20virtuale.htm

L'eliminazione della metafisica di R. Carnap

Conoscenza e concetto in M. Schlick

Schlick e la possibilità di altre logiche

Tempo e spazio in Schlick

Schlick e le categorie kantiane

Apparenza e realtà in Schlick

Concetti e giudizi in Schlick

Analitico e sintetico in Schlick

Evidenza e percezione in Schlick

Giudizio e conoscenza in Schlick

Il reale secondo Schlick

La critica di Schlick all'intuizione

Definizioni e sistemi formali in Schlick

La logica in Schlick

La verificazione in Schlick

La verità in Schlick

Lo scetticismo nell'analisi secondo Schlick

Lo scopo della conoscenza in Schlick

Logico e psicologico in Schlick

L'unità di coscienza secondo Schlick

Schlick e la svolta della filosofia

Schlick e l'induzione

Matematica e realtà in Schlick


Alexius von Meinong e la teoria dell'oggetto


Bernard Bolzano e una logica per la matematica

Contenuto e oggetto in Kazimierz Twardowski

Jean Piaget e la conservazione delle quantità continue

L'attualità di Feyerabend

Sul Gesù storico
http://www.italonobile.it/La%20spartizione%20delle%20vesti.htm

La coscienza secondo Thomas Nagel
http://www.italonobile.it/la%20doppia%20vita%20del%20conte%20Dracula.htm

Filosofia e visione
http://www.italonobile.it/l'immagine%20della%20filosofia.htm
http://pensatoio.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=614562

Ermeneutica della luce e dell'ombra
http://www.italonobile.it/all'ombra%20della%20luce.htm
http://pensatoio.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=614557

Il test di Fantuzzing: mente e società
http://www.italonobile.it/Test%20di%20Fantuzzing.htm

Metafisica oggi
http://www.italonobile.it/metafisica.htm

La merce in Marx

Una teoria marxista della crisi : un primo livello di riflessione


Globalizzazione economica e giuridica
http://www.italonobile.it/globalizzazione.htm
http://pensatoio.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=615609

Guerra, marxismo e nonviolenza
http://www.italonobile.it/Guerra,%20marxismo%20e%20non%20violenza.htm
http://pensatoio.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=615613

Utopia e stato d'eccezione
http://www.italonobile.it/utopia%20e%20stato%20d'eccezione.htm
http://pensatoio.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=622445

Il reddito di cittadinanza
http://www.crisieconflitti.it/public/Nobile1.pdf

Keynes da un punto di vista marxista

Appunti marxiani 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10



STORIA DEI NUMERI E DELLE CIFRE NUMERICHE
http://www.italonobile.it/genealogia%20della%20matematica.htm

La comunicazione nel linguaggio scientifico e la filosofia

 http://pensatoio.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=614558



Lemmi Wikipedia da me integrati
Alexius Meinong
Bernard Bolzano
Storia dei numeri
Sistema di numerazione
Sistema di numerazione cinese
Sistema di numerazione maya


Il Capitale di Marx e altro
1 2  3  4  6  7  8  9
10  11  12  13  14  15  
16  17  18  19  20  21
22  23  24  25  26  27
28  29  30  31  32 

 

Dibattito su Emiliano Brancaccio
1 2 3

Quelli che la crisi l'avevano prevista

Cazzari Nobel

Le molte cazzate del Nobel cazzaro

 

DISCLAIMER (ATTENZIONE):
l'Autore dichiara di non essere
responsabile per i commenti
inseriti nei post. Eventuali
commenti dei lettori, lesivi
dell'immagine o dell'onorabilità
di persone terze non sono da
attribuirsi all'Autore, nemmeno se
il commento viene espresso
in forma anonima o criptata.







30 agosto 2005

Formigoni sospende l'assessore C'è

Formigoni: "C'era na' vorta..."




permalink | inviato da il 30/8/2005 alle 12:33 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


30 agosto 2005

La frode israeliana di Oslo secondo Noam Chomsky (intervista del 2002)

Chomsky sulla Palestina
Intervista di Znet

 

 

 

Z: Ciò che sta accadendo oggi esprime un mutamento qualitativo?

Ritengo di sì. Lo scopo delle trattative di Oslo è stato accuratamente descritto nel 1998 dall'accademico israeliano Shlomo Ben-Ami appena prima che questi si unisse al governo di Barak per assumere poi il ruolo di capo negoziatore a Camp David nell'estate del 2000.

Ben-Ami osservava che "in pratica, gli accordi di Oslo erano fondati su basi neo-colonialiste, sull'idea di una esistenza caratterizzata dall'eterna dipendenza degli uni dagli altri".

Partendo da queste premesse, gli accordi di Clinton-Rabin-Peres erano finalizzati a imporre ai palestinesi "una dipendenza da Israele pressoché assoluta" che avrebbe determinato "una situazione coloniale diffusa", che a sua volta avrebbe rappresentato la "base permanente" per lo sviluppo di "una condizione di dipendenza". La funzione dell'Autorità Palestinese (AP) era quella di controllare la popolazione interna ai territori neocoloniali israeliani. Così il processo proseguì, passo dopo passo, secondo le linee uscite da Camp David. L'accordo Clinton-Barak (in verità vago e ambiguo) fu salutato in quella circostanza come "storico" e "magnanimo", ma uno sguardo alla realtà dei fatti rende evidente che si trattava - com'era largamente risaputo in Israele - di una proposta finalizzata alla creazione di Bantustan [stati istituiti allo scopo di isolare geograficamente un'etnia dalle altre]; questo è, verosimilmente, il motivo per cui i principali organi d'informazione statunitensi evitarono accuratamente la diffusione di carte geografiche. E' innegabile che l'accordo Clinton-Barak muovesse qualche passo verso una soluzione basata sui Bantustan, analoga a quella messa in atto dal Sud Africa nei giorni più scuri dell'Apartheid. Appena prima di Camp David, i palestinesi del West Bank erano confinati all'interno di più di 200 aree sparse sul territorio, e la proposta Clinton-Barak configurava un passo avanti: il consolidamento di tre cantoni sotto il controllo di Israele, concretamente separati l'uno dall'altro e dal quarto cantone - una piccola area di Gerusalemme est, centro della vita palestinese e degli scambi nella regione. E, ovviamente, separati da Gaza, zona rispetto alla quale le posizioni rimasero vaghe.

Ma ora quel piano sembra esser stato messo da parte a favore della demolizione dell'Autorità Palestinese. Ciò implica la distruzione delle istituzioni coinvolte nella creazione del Bantustan progettato da Clinton e dai suoi partners israeliani; negli ultimi giorni, persino di un centro per i diritti umani. Anche i rappresentanti palestinesi che furono incaricati di assumere un ruolo analogo a quello dei leaders Neri dei Bantustan sudafricani sono ora sotto attacco, sebbene non vengano ammazzati, presumibilmente in virtù delle conseguenze che ciò provocherebbe sul piano internazionale. L'autorevole professore israeliano Ze'ev Sternhell scrive che il governo "non si vergogna più di parlare di guerra perché ciò che in realtà sta portando avanti è un'operazione di polizia coloniale che ricalca le dinamiche della sopraffazione condotta dalla polizia bianca nei quartieri poveri dei neri in Sud Africa durante il periodo dell'Apartheid." Questa nuova linea politica è una involuzione persino rispetto al modello improntato ai Bantustan - risalente al Sud Africa di 40 anni fa - al quale Clinton-Rabin-Peres-Barak e i loro accoliti si rifacevano nell'ambito del "processo di pace" di Oslo.

Niente di quanto detto sorprenderà quanti abbiano letto le analisi critiche prodotte negli ultimi 10 anni - inclusa la gran quantità di materiali regolarmente postati su Znet che esaminavano gli sviluppi in divenire.

Come la leadership israeliana intenda mettere in atto questi programmi rimane poco chiaro; persino agli stessi leaders israeliani, suppongo.

Fa comodo agli Stati Uniti e all'Occidente colpevolizzare Israele e in particolare Sharon, ma è ingiusto e disonesto. Molte delle più efferate atrocità compiute da Sharon sono state perpetrate sotto governi laburisti. Come criminale di guerra, Peres è assimilabile a Sharon. Inoltre le principali responsabilità risiedono a Wahington, da ormai 30 anni. E' Washington a dettare l'impostazione diplomatica generale, e ad aver spinto in particolare in certe direzioni. Israele può agire all'interno dei limiti stabiliti dai signori di Washington, raramente in autonomia.

Qual è il significato della Risoluzione del Consiglio di Sicurezza del 30 Marzo?

La domanda principale era se ci sarebbe stata una richiesta di ritiro immediato di Israele da Ramallah e dalle altre aree della Palestina invase dall'esercito israeliano durante l'offensiva in corso, o almeno l'indicazione di una scadenza rispetto al ritiro. La posizione degli Stati Uniti ha evidentemente prevalso: c'è solo un vago richiamo a un "ritiro delle truppe israeliane dalle città palestinesi" senza alcun riferimento ai tempi entro i quali il ritiro dovrebbe avvenire. La Risoluzione quindi concorda sostanzialmente con la posizione ufficiale degli Stati Uniti, largamente pubblicizzata dalla stampa: Israele è sotto attacco e ha diritto all'autodifesa, ma dovrebbe cercare di non spingersi troppo oltre nella sua azione punitiva contro i palestinesi, o almeno di farlo in maniera non troppo visibile. La realtà dei fatti - tutt'altro che controversa - è un'altra. I palestinesi hanno tentato di sopravvivere sotto l'occupazione militare israeliana, che dura ormai da 35 anni. Per tutto questo tempo, l'occupazione è stata crudele e brutale, anche grazie al decisivo contributo militare ed economico degli Stati Uniti e alla loro protezione diplomatica, nell'ambito della quale si colloca anche l'ostruzionismo da questi messo in atto rispetto alla volontà, radicata da tempo sul piano internazionale, di trovare una soluzione politica pacifica. Non è dato di scorgere alcuna simmetria in questo confronto, neanche la più piccola, e il raccontarlo nei termini della legittima difesa israeliana è una distorsione che supera il livello di mistificazione finalizzata ai propri interessi cui il potere ci ha abituati. Le durissime condanne rivolte al terrorismo palestinese, che sono leggittime e opportune e lo sono state per oltre 30 anni, non cambiano la realtà dei fatti.

Nel suo essere stata scrupolosamente evasiva rispetto alle questioni più immediate ed essenziali, la Risoluzione del 30 Marzo risulta simile alla Risoluzione del Consiglio di Sicurezza del 12 Marzo, che suscitò tanta sorpresa e tante attenzioni favorevoli perché non solo non fu affossata dagli Stati Uniti, secondo il solito copione, ma fu effettivamente presentata da Washington. Quella Risoluzione si rifaceva alla "visione" di uno stato palestinese; per questo motivo non arrivò nemmeno ad avvicinarsi al livello delle soluzioni messe in atto in Sud Africa 40 anni orsono, quando il regime di Apartheid non si limitò a parlare di una "visione" ma stabilì effettivamente degli stati sotto un governo nero la cui costituzione era vitale e legittima almeno quanto quella dell'assetto prospettato da Stati Uniti e Israele per i territori occupati.

Come agiranno ora gli Stati Uniti? Quali sono gli interessi centrali per gli Stati Uniti in questo momento?

Gli Stati Uniti sono una potenza globale. Ciò che sta avvenendo in Israele e Palestina è secondario. Sono molti i fattori che influenzano le politiche degli Stati Uniti. Tra i tanti, in quest'area del mondo, il più importante è il controllo delle risorse energetiche. L'alleanza Stati Uniti-Israele ha preso forma proprio in questo contesto. Nel 1958, il Consiglio per la Sicurezza Nazionale giunse alla conclusione che una "logica conseguenza" dell'opposizione nei confronti del nazionalismo arabo fosse "l'appoggio a Israele, in quanto unica grande potenza favorevole all'Occidente ormai rimasta in Medio Oriente." Era un'esagerazione, ma decretava l'affermarsi di una visione strategica generale che indicava il nazionalismo indigeno come il pericolo principale (come altrove nel Terzo Mondo); un pericolo che veniva diffusamente definito "comunista", sebbene sia largamente riconosciuto nei documenti interni che il termine era utilizzato solo a scopo propagandistico e che le implicazioni della Guerra Fredda furono spesso marginali - anche in quell'anno cruciale, il 1958. L'alleanza si consolidò nel 1967, quando Israele eseguì un compito importante per il governo degli Stati Uniti distruggendo le forze principali del secolare nazionalismo Arabo, considerate una minaccia molto seria al dominio statunitense sull'area del Golfo. Così l'affare proseguì anche dopo la caduta dell'URSS. Allo stato attuale l'alleanza Stati Uniti-Israele-Turchia è un caposaldo della strategia degli Stati Uniti, e Israele è praticamente una base militare statunitense, per giunta profondamente integrata nella loro economia hi-tech militarizzata.

Nell'ambito di questo assetto consolidato, gli Stati Uniti ovviamente appoggiano la repressione condotta da Israele sui Palestinesi e l'integrazione dei territori occupati, compreso il progetto neocolonialista delineato da Ben-Ami - sebbene alcune specifiche scelte politiche debbano ancora essere prese in base alle circostanze che verranno a crearsi. Proprio in questo momento, i consiglieri di Bush continuano a impedire qualunque passo verso una soluzione diplomatica, o anche soltanto verso una riduzione della violenza; questo è l'obiettivo, per esempio, del veto posto alla Risoluzione del Consiglio di Sicurezza del 15 Dicembre 2001, che prospettava l'applicazione del Piano Mitchell e l'introduzione di osservatori internazionali che soprintendessero a un processo di riduzione della violenza. Per ragioni analoghe, gli Stati Uniti boicottarono gli incontri internazionali del 5 Dicembre a Ginevra (ai quali parteciparono l'Unione Europea e persino l'Inghilterra) nell'ambito dei quali si riaffermava l'applicazione della Quarta Convenzione di Ginevra ai territori occupati, che avrebbe implicato che le azioni di grande portata dell'alleanza Stati Uniti-Israele in quelle zone sarebbero state giudicate una "grave violazione" della Convenzione - un crimine di guerra, in parole povere - come sancito dalla dichiarazione di Ginevra. Tutto si risolse con la riaffermazione della Risoluzione del Consiglio di Sicurezza dell'Ottobre 2000 (che aveva visto l'astensione degli Stati Uniti), nell'ambito della quale veniva ribadita ancora una volta la non applicabilità della Convenzione ai territori occupati. Questa fu anche la posizione ufficiale degli Stati Uniti - dichiarata ufficialmente, per esempio, da George Bush I quando era in carica come Ambasciatore delle Nazioni Unite. Gli Stati Uniti si astengono o boicottano sistematicamente, in questi casi, rifiutandosi di prendere pubblicamente posizione; un atteggiamento che risulta essere in piena contraddizione rispetto ai principi fondanti delle leggi internazionali, soprattutto alla luce delle circostanze nell'ambito delle quali la Convenzione era stata stipulata, e del suo scopo originario: quello di sancire ufficialmente la natura criminale delle atrocità compiute dai nazisti, comprese le azioni commesse nei territori da essi occupati. I media, e in generale il mondo della cultura, spesso si sono resi responsabili di un silenzio connivente rispetto a questi spiacevoli fatti: in particolare se si considera che, essendo gli Stati Uniti uno dei firmatari più strettamente vincolati al patto, essi sono legalmente obbligati da un solenne trattato a punire chiunque violi le Convenzioni, compresa la propria classe dirigente.

Questo è soltanto un piccolo esempio. Nel frattempo continua senza tregua l'invio di armamenti e di aiuti economici finalizzato al perdurare dell'occupazione - per mezzo dell'uso della forza e del terrore - e all'espansione degli insediamenti.

Qual è il tuo parere sul summit dei Paesi Arabi?

Chomsky: Il summit dei Paesi Arabi ha prodotto un'adesione generale al piano Saudita, che ribadiva i principi di base di una intesa internazionale radicata da tempo: Israele avrebbe dovuto ritirarsi dai territori occupati nell'ambito di un accordo di pace generale che garantisse il diritto di ogni stato nella regione, inclusi Israele e il nuovo Stato di Palestina, alla pace e alla sicurezza all'interno di confini definiti (l'enunciato principale della 242 delle Nazioni Unite, ampliato a includere uno stato palestinese). Nulla di nuovo in questo: questi erano già i punti fondamentali della Risoluzione del Consiglio di Sicurezza del Gennaio del 1976, sostenuta praticamente dal mondo intero, compresi i più importanti stati Arabi, l'OLP, l'Europa, il blocco sovietico, i paesi non-allineati - in sostanza da tutti coloro che avessero un qualche peso politico. Fu contrastata da Israele e ricevette il veto degli Stati Uniti, e fu perciò cancellata dalla storia. Da allora, molte iniziative analoghe sostenute dagli stati Arabi, dell'OLP e dell'Europa Occidentale furono bloccate dagli Stati Uniti. Tra queste, il piano Fahd del 1981. Anche quel documento fu cancellato dalla storia, per le solite ragioni.

Storicamente l'inizio dell'ostruzionismo statunitense risale a 5 anni prima, al Febbraio del 1971, quando il presidente egiziano Sadat offrì a Israele un trattato di pace completa in cambio del ritiro dai territori egiziani; una proposta che non riguardava in alcun modo i diritti della nazione palestinese o il destino degli altri territori occupati. Il governo laburista di Israele la riconobbe come una genuina offerta di pace, ma decise di rifiutarla in virtù dell'intenzione di estendere i propri insediamenti verso il nordest della regione del Sinai - intenzione che venne messa in atto al più presto, con estrema brutalità, e che divenne così la causa scatenante del conflitto del 1973. Il piano per una Palestina sotto occupazione militare fu descritto con schiettezza, ai suoi colleghi del Gabinetto, da Moshe Dayan, uno dei leaders laburisti più attenti alla situazione palestinese. Israele avrebbe dovuto dichiarare apertamente: "non abbiamo alcuna soluzione, continuerete a vivere come cani, e chiunque lo volesse potrà andarsene, si vedrà poi a cosa porterà questo processo." Coerentemente con quella raccomandazione, i principi guida del processo di occupazione sono stati l'umiliazione e la degradazione costanti; la tortura, il terrore, la distruzione delle proprietà, lo sfollamento delle popolazioni e l'insediamento di colonie; l'espropriazione delle risorse più vitali, in particolare l'acqua.

La proposta di Sadat del 1971 era conforme alla politica ufficiale degli Stati Uniti, ma Kissinger riuscì a imporre la propria predilezione per quello che definiva uno "stallo": nessun negoziato, solo la forza. Allo stesso modo anche le proposte di pace della Giordania vennero rifiutate. Da quel momento, la politica degli Stati Uniti ha ufficialmente aderito all'intesa internazionale sul ritiro (fino a Clinton, il quale a tutti gli effetti ha disconosciuto le risoluzioni delle Nazioni Unite e il rispetto delle leggi internazionali); ma in realtà ha seguito le linee guida di Kissinger, accettando i negoziati solo quando si è reso inevitabile farlo - così come dovette fare Kissinger, secondo le condizioni stabilite da Ben-Ami, dopo che con la guerra del 1973 si era sfiorato il disastro; una situazione rispetto alla quale egli aveva avuto responsabilità di primo piano.

La dottrina ufficiale esorta a concentrare l'attenzione sul summit dei paesi arabi, come se il problema fossero gli stati arabi e l'OLP, e in particolare la loro volontà di affossare Israele. Di nuovo, la realtà è molto diversa. Il piano del 1981 fu minato da una reazione israeliana, appoggiata dagli Stati Uniti, che persino la stampa interna più istituzionale condannò, definendola "isterica". Questo episodio coinvolse Shimon Peres e altre cosiddette colombe, le quali andavano annunciando che accettare il piano Fahd avrebbe rappresentato "una minaccia per l'esistenza stessa di Israele". La misura del livello d'isteria raggiunto in quelle circostanze la diede il Presidente israeliano Haim Herzog, considerato anch'egli una colomba. Questi dichiarava che il "vero autore" del piano Fahd era l'OLP, e che il piano era addirittura più radicale della Risoluzione del Consiglio di Sicurezza risalente al Gennaio del 1976 che, a sua detta, era stata a sua volta "architettata" dall'OLP ai tempi in cui egli era ambasciatore di Israele alle Nazioni Unite. Queste dichiarazioni non contengono alcun elemento di verità, ma sono un evidente sintomo del sacro terrore di cui le colombe di Israele sono portatrici rispetto a qualsiasi soluzione politica; un atteggiamento che trova il completo appoggio degli Stati Uniti. Il problema principale, oggi come nel passato, è da ricondursi a Washington, che ha tenacemente appoggiato il rifiuto opposto da Israele a una soluzione politica basata sull'intesa internazionale; una soluzione che viene oggi nuovamente sostenuta nei suoi aspetti fondamentali dalle proposte Saudite.

Finché verità storiche elementari come queste continueranno a essere messe in dubbio nell'ambito del confronto - cosa che va persino al di là di qualsiasi livello di mistificazione e di falsità a cui ormai si è abituati - ogni discussione risulterà profondamente fuorviata. E noi non dovremmo assecondare tutto ciò, per esempio accettando anche solo implicitamente la tesi secondo cui gli sviluppi del summit Arabo rappresentano un problema centrale. Certo hanno una loro importanza, ma è un'importanza secondaria. I problemi preminenti sono proprio qui, davanti a noi, ed è nostro compito affrontarli evitando di addossarli ad altri.

 

 




permalink | inviato da il 30/8/2005 alle 11:45 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


29 agosto 2005

Case di riposo

Casa di cura "Il Sol dell'Avvenire.."
Pensionati:
Michele Serra
Staino e Bobo
Fabrizio Roversi e Susy Blady
Fabio Fazio (baby-pensionato)
Lella Costa (...e fidati della rondine...)
Luciana Castellina
Dario Fo e Franca Rame
I Gemelli Ruggeri
Paolo Pietrangeli
Vito
Maurizio Nichetti
 




permalink | inviato da il 29/8/2005 alle 19:56 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


29 agosto 2005

Ecumenismo: Benedetto XVI incontra i Lefebvriani

Paparatz:"Ego foglio l'ekumenizmo..."
Pastore protestante: "Bene..."
Paparatz: "Prima unione faremo kum tratizionalisti di Lefebvre..."
Pastore protestante: "...."
Paparatz: "...ke non fogliono apertura cum altre reliccioni..."
Pastore protestante: "....?!....Se la capisco m'incazzo..."  




permalink | inviato da il 29/8/2005 alle 19:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


29 agosto 2005

Katrina

Bush: "Ma perchè siamo così sfortunati?"
First lady: "Caro, ricorda che sono sempre conseguenze di quel che noi facciamo..."
Bush: "E vabbene le torri gemelle, ma l'uragano cosa c'entra?"
First Lady: "L'effetto serra, il protocollo di Kyoto non ti dicono niente?"
Bush: "Non mi mandare la testa in confusione...oltre i monosillabi vado in crisi..."
First Lady: "Va bene caro...ma volevo darti un ultimo suggerimento..."
Bush:"Quale, tesoro?"
First Lady: "Come simbolo degli States al posto dell'aquila possiamo mettere il coccodrillo piangente ed al posto delle stelle-e-strisce un bel boomerang..."




permalink | inviato da il 29/8/2005 alle 19:15 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


29 agosto 2005

Truppe Usa sparano a carabinieri

Comandante Usa: "Perchè l'hai fatto?"
Soldato Usa: "Me l'hanno chiesto loro: dopo il successo di Totti, le barzellette sul conto loro e quello di Berlusconi erano in ribasso..."




permalink | inviato da il 29/8/2005 alle 16:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


29 agosto 2005

Effetti della folla

La sala da ballo era così affollata che la donna quando svenne dovette fare altri tre lenti prima di cadere




permalink | inviato da il 29/8/2005 alle 15:56 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


29 agosto 2005

Corollari della terza legge di Finagle

1.Nessuno a cui chiederete aiuto vedrà l'errore
2. Chiunque passi di lì per darvi un consiglio gratuito e indesiderato, quello vedrà l'errore immediatamente




permalink | inviato da il 29/8/2005 alle 15:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


28 agosto 2005

Medici del 118 ubriachi in servizio

Crociuzzo: "la Sanità in crisi..."
Addolorata: "S'attacca alla bottiglia..." 




permalink | inviato da il 28/8/2005 alle 17:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


28 agosto 2005

Avanti Savoia!

D'accordo, i Savoia al Pantheon.
Però tutti.
(Ellekappa)




permalink | inviato da il 28/8/2005 alle 14:23 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

sfoglia     luglio   <<  1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10  >>   settembre
 

 rubriche

Diario
Filosofia
Politica
Articoli
deliri
Schegge
Ontologia
Epistemologia
Storia
Ermeneutica
Conto e racconto
Comunismo

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

italo nobile
Periecontologia
blog filosofia analitica
porta di massa (filosofia)
Crisieconflitti
Blog di crisieconflitti
Rescogitans
Spettegolando
Being and existence
Josiah Royce
filosoficonet
Russell on proposition
Wittgenstein against Russell
Landini on Russell
Kalam argument
Internet enciclopedy of philosophy
Sifa
swif
Moses
Grayling
Bas Van Fraassen
Gilbert Harman
Nordic journal of Philosophical logic
Paideia Project
Ousia
Diogene : filosofare oggi
formamentis
riflessioni
Articoli filosofici
Ancient Philosophy
Dialegesthai
Hegel in MIA
MIA . risorse filosofiche
Gesù e la storia
piergiorgio odifreddi
renato palmieri
Dizionario sanscrito
Lessico aramaico
Cultura indù
Lessico indiano
Mitologie
Egittologia
Archeogate
Popoli antichi
Antichi testi cristiani
Bibbia
Testi biblici e religiosi
Agiografia
Eresie
Critica della Bibbia
Psychomedia
Rabindranath Tagore
La Pietà di Michelangelo
Sapere
google
Wikipedia
Libri in commercio
google traduttore
libri su google
Emiliano Brancaccio
Libri in commercio2
Dispense
crisieconflittiblog
l'ernesto
Essere comunisti
manifesto
Liberazione
Proteo Vasapollo
Appello degli economisti
Krisis
Rivista del Manifesto
n+1
Temi marxisti
Ripensare Marx
Gianfranco La Grassa
Ripensare Marx 2
Costanzo Preve
CriticaMente
Mercati esplosivi
Intermarx
Archivio marxista
35 ore
Gianfranco Pala
Contraddizione
falcemartello
Comunisti internazionalisti
Comedonchisciotte
Che fare
Teoria critica libertaria
Bellaciao
Anarcocomunisti
Informationguerrilla
Scambio senza denaro
Chaos
Guerra globale
Peacelink
Altraeconomia
Brianza popolare
indymedia napoli
Partito comunista internazionale
Prometeo
Giano
Cervetto
Rivoluzione comunista
P.C.internazionale (sinistra)
Teoria e prassi
Contropiano
Mazzetti
mazzetti2
vis a vis
Rotta comunista
Erre
Indymedia lavoro
Il pane e le rose
Articoli neweconomy
Noam Chomsky
Malcom X economia
La Voce.info
Z-Anarchismo
Iura Gentium
Domenico Gallo
Articolo 21
ansa
Openpolis
Asca (agenzia stampa)
Repubblica
Corriere della Sera
Adnkronos
Agenzia giornalistica italiana
Il Foglio
Informazioni on line
Rapporto Amnesty
Governo italiano
Inail
Avvisatore Parlamento
Inps
Istat
Censis
Rete no-global
Greenpeace
Utopie
Associazione pro Cuba
Rassegna stampa
Rassegna sindacale
Lucio Manisco
Nonluoghi
Osservatorio Balcani
Comunisti italiani
Rifondazione
Peace reporter
Centroimpastato
Democrazia e legalità
Società civile
Beppe Grillo
Alternative
Un mondo possibile
Laboratori di società
Antiutilitarismo
Mediawatch
Megachip
Le monde diplomatique
Report
Forum Palestina
Il filo rosso
Il Dialogo
Giulietto Chiesa
Guerraepace
Namaste
NensVisco Bersani
Unità
Sinistri progetti
Socialpress
Cafebabel
Terreliberedallamafia
Maria Turchetto
Carta
Carmilla
Lettera internazionale
Jacopo Fo
Globalproject
Attac
Anarchivio
Resistenze
Micromegas
Sbilanciamoci
War news
Tobin tax
Un ponte per
Uruknet
Lettera 22
Rainews
Reti invisibili
Centomovimenti
Euronews
Nidil Cgil
Chain workers
Cani sciolti
Ivan Ingrilli (sanità)
Sanità mondiale
Almanacco dei misteri
Rapporto Amnesty
Diritto del lavoro
Atlante geopolitico
Criticamente
Disinformazione
istitutobrunoleoni
Statistiche Bankit
Debitopubblico
Economia politica
Rasegna stampa economia
Dizionario economia
Cnel
formazionelavoratori
Confcommercio
Affari esteri
Teocollectorborse
Businessonline
Linneo economia
Economia e società aperta
Statistiche annuario ferrarese
Eures
Cgil Lombardia
Fondazione Di Vittorio
Fai notizia
Luogo comune
Zoopolitico
ok notizie
Wikio
La mia notizia
Youtube
Technorati
Blog
Answers
La leva di Archimede
Eguaglianzaelibertà
Liberanimus
Link economici
campioni pugilato
All words (dizionari)
Babelfish traduttore
Dieta
Cucina 2 : Buonissimo
Calorie
Cucina
Primi piatti
Dieta 2
Last minute
Dica 33
Schede medicinali
Dizionario etimologico
Dizionari
E-testi
Foto da internet
Ferrovie dello Stato
La Gazzetta dello Sport
Incucina
Cucina napoletana
Tabelle nutrizionali
Altalex
Pagine bianche
Calcola inflazione e interessi
Film Tv
Fuoco
Studium
Amica Mia di Pigura
prc valdelsa
Siddhartino
Altromedia
Trashopolis
lotte operaie nel mondo
vulvia
Korvo Rosso
La tela di Penelope
Conteoliver
Mario
Cloroalclero
Fronesis
Il mondo di Galatea
Polpettine
Tisbe
Lameduck
aiuto
Daciavalent
Arabafenice
Batsceba
Pibua
Guevina
Vietato cliccare
Cattivomaestro
Khayyamsblog
Francesco Nardi
Alex321
Ciromonacella
Comicomix
Devarim
Raccoon
La grande crisi del 2009 (cronache)
Giornalettismo
Zio Antonio
Radioinsurgente
Garbo
Vita da St(r)agista
sonolaico
serafico
jonathan fanesi
Valhalla
Millenniumphoenix
gianfalcovignettista
occhidaorientale
Undine
Capemaster
Mimovo
antonio barbagallo
Nefeli
Secondoprotocollo
Nessunotocchisaddam
Pragmi
Rigitans
Alessandro
Formamentisblog
Corso di traduzione letteraria
Filosofia del web
Mediamente
Psicopolis
Blog cognitivismo
Dswelfare
Caffeeuropa
Stefano Borselli
Domenico De simone
Andrea Agostini
democrazia diretta
Finkelstein
Movisol
Società e conflitto
menoStato
Settantasette
la Cia
misteri e cospirazioni
Globalizzazione
Centroimpastato
Tugan Baranovsky
Wright su reddito garantito
Contro il lavoro
Assenteismo e operai
Auschwitz e il marxismo
Cestim migrazioni
Salute naturale
Signoraggio
Umanitànova
Crisi della liquidità
Cooperazione tra cervelli
La Grassa su Bettelheim
Marx e Lange
Gramsci e la globalizzazione
Marx e la crisi
Prc quinto Congresso
Lessico gramsciano
Il virus inventato
Lotte disoccupati francesi
Biospazio
Storia nonviolenza
Tax justice network
Marx e la crisi
Seminari della controra
Valori e prezzi
Veti Usa a risoluzioni Onu
Anarchici
Nuovi mondi media
Stele e cartigli egizi
Libro dei morti
Egitto
Egitto2
Egitto3
Egitto4
Egitto5
Storia delle Brigate Rosse
Guide di Dada net
Aljazira.it
Arab monitor
Il Giornale
Cultura cattolica
Il denaro
Aldo Pietro Ferrari
Asianews
Storia della birra
Storia contemporanea
Dossier Legge Biagi
Ateneonline

Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom