Blog: http://pensatoio.ilcannocchiale.it

Verso il 20 Ottobre :Caruso e gli incidenti sul lavoro

 

Karlkraus ha fatto alcune considerazioni sulla questione Caruso che hanno generato un acceso dibattito. Il suo ultimo intervento ha toccato diversi argomenti. Il primo di questi è che una delle ragioni per cui Caruso ha torto è che dal varo delle leggi Treu e Biagi, gli infortuni sul lavoro in Italia sono progressivamente diminuiti.

Prima di analizzate tale progressiva diminuzione, è necessaria una premessa di metodo : Caruso ha detto che gli infortuni sul lavoro sono o sarebbero aumentati ?

No, non ha detto questo né nelle prime dichiarazioni a lui attribuite, né in quelle successive.

Egli ha detto : “Quelle leggi sono state usate per armare le mani dei padroni e permettere loro di precarizzare e sfruttare con maggiore intensità la forza-lavoro e incrementare i profitti a  a discapito della qualità e della sicurezzae poi Una delle principali cause degli incidenti sul lavoro è la progressiva riduzione dei diritti dei lavoratori confinati in un area che va dal lavoro sommerso sino alla precarietà. Un progressivo indebolimento, con l’introduzione dei contratti aticipi, è cominciato con quelle che, comunemente, fu definito il pacchetto Treu e si è concluso con quella che è stata, impropriamente, definita legge Biagi”

 italia prc biagi
Crociuzzo : "Io lo difendo, ma guarda che faccia..."

Dunque Caruso sostiene che una delle cause degli incidenti sul lavoro è la precarietà. Ciò non implica che il dato complessivo degli incidenti sul lavoro debba aumentare. Dunque il fatto che questo dato diminuisca non costituisce una confutazione della tesi di Caruso.

Spiegamoci meglio : ipotizziamo che un medico dica che una delle più frequenti cause di morte sia l’infarto. Ora dato che altre cause di morte possono essere ad es. il cancro e le malattie infettive può ben essere che queste ultime due vengano ben curate grazie al progresso medico e questo possa causare una diminuzione complessiva dei decessi. Ciò però non toglie che l’infarto sia una delle principali cause di morte e che debba essere studiato e combattuto per impedirne delle altre e che il trascurare la lotta all’infarto sia un fatto negativo.

 

Pubblicato il 22/9/2007 alle 23.44 nella rubrica Politica.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web