Blog: http://pensatoio.ilcannocchiale.it

Pirandelliana : lo scialle nero

Parve che tutti provassero un gran piacere nel far pubblicamente strazio dell'ammirazione, del rispetto per tanti anni tributati a quella donna; come se, tra l'ammirazione ed il rispetto, di cui non la stimavano più degna, e il dileggio, con cui la accompagnavano a quelle nozze vergognose, non ci potesse essere posto per un po' di commiserazione...




Povero Gerlando, faceva compassione, così grosso, così duro, così ispido, con un libro aperto davanti. Il padre doveva sudare una camicia , certe mattine, per scuoterlo dai saporiti sonni profondi, di porcellone satollo e pago, e avviarlo ancora intontito e barcollante, con gli occhi imbambolati, alla vicina città : al suo martirio.

Pubblicato il 29/11/2007 alle 15.30 nella rubrica Filosofia.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web