Blog: http://pensatoio.ilcannocchiale.it

Domenico Losurdo : Rivoluzioni

Per condannare come sanguinaria la Rivoluzione francese, si prende in considerazione il suo più acuto momento di crisi, quello rappresentato dall'insorgere della Vandea e dell'intervento delle potenze controrivoluzionarie; per celebrare come pacifica la tradizione politica inglese,si sorvola sulla prima rivoluzione ed anche per quel che riguarda la rivoluzione liberale del 1688, si fa astrazione dalla legge marziale, che i nuovi governanti inglesi impongono e a lungo mantengono in Irlanda, o dal pugno di ferro a cui successivamente ricorrono per padroneggiare le situazioni di crisi.



Oppure si contrappone la tradizione politica francese a quella americana, dalla quale vengono però espunte ancora una volta le pagine più drammatiche, a cominciare dalla terribile guerra civile e dalle misure giacobine di Lincoln necessarie per abolire, per lunghi decenni solo sul piano formale, l'istituto della schiavitù.

Pubblicato il 15/12/2007 alle 11.45 nella rubrica Politica.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web