Blog: http://pensatoio.ilcannocchiale.it

Non c'è più religione : Marx e la morte di Dio

Menzionando qui un tema famigerato, le prove dell'esistenza di Dio, osserviamo che Hegel ha completamente rovesciata, vale a dire rigettata, questa prova teologica per giustificarla.
Ma che razza di clienti sono quelli che l'avvocato non può strappare alla condanna altrimenti che ammazzandoli ?
Hegel interpreta per es. la deduzione di Dio dal mondo in questa maniera "Poichè il contingente non è, allora Dio o l'Assoluto esiste". Ma la prova teologica suona invece "Poichè il contingente realmente è, allora Dio esiste". Dio è la garanzia del mondo contingente.



Dio è morto, Marx è morto e neppure io mi sento tanto bene... 

Qui Marx sbaglia dal punto di vista logico, ma ha un'intuizione storica eccezionale.
Sbaglia dal punto di vista logico, perchè nell'implicazione "Se il mondo esiste, allora Dio esiste", qualora questa sia vera, il mondo può anche non esistere, mentre Dio esiste necessariamente.
Inoltre quel che la prova teologica vuole dire è che il mondo non esistendo autonomamente, presuppone qualcosa che esiste in maniera assoluta (autonomamente) e cioè Dio.
Marx però intuisce che dietro quel che verrà chiamato successivamente "la morte di Dio", c'è l'istanza hegeliana di cancellare la distinzione tra Dio e il mondo cosmico-storico.

Pubblicato il 27/6/2008 alle 9.8 nella rubrica Ontologia.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web