Blog: http://pensatoio.ilcannocchiale.it

I prezzi reali secondo Adam Smith

 

Smith si pone poi le seguenti domande :

Qual è la misura reale del valore di scambio ? Ossia in cosa consiste il prezzo reale di tutte le merci? Quali sono le differenti parti di cui è composto e formato questo prezzo reale ?

Quali sono le differenti circostanze che talvolta fanno salire alcune o tutte queste differenti parti del prezzo al di sopra del loro livello naturale o ordinario ? Ossia quali sono le cause che talvolta impediscono che il prezzo di mercato ed effettivo delle merci coincida esattamente con quello che può essere definito il loro prezzo naturale ?

 

 

 

Su questi problemi che si pone Smith si potrebbero porre altre domande : deve esistere una misura reale del valore di scambio ? Il valore di scambio è lo stesso che il prezzo ? Esiste un prezzo reale ?

Esiste un prezzo naturale ?

E si possono fare alcune ipotesi di definizione (trattasi di ipotesi molto provvisorie) :

1) Il valore di scambio è un valore sempre variabile del rapporto tra il lavoro incorporato tra diversi beni.

2) Il valore monetario è il rapporto sempre variabile tra il lavoro incorporato in un bene e quello di un bene preso come riferimento.

3) Il prezzo è il rapporto tra il valore monetario di scambio (o meglio tra il lavoro incorporato in un bene espresso in moneta) e la domanda di questo stesso bene.

Pubblicato il 18/7/2008 alle 9.6 nella rubrica Comunismo.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web