Blog: http://pensatoio.ilcannocchiale.it

Finalmente, un po' di distrazione...

Uno dei programmi che mi capita di sbirciare nella mia diuturna permanenza a casa è quella gran cagata di "La vita in diretta" (in realtà ci vediamo con papà "Geo e Geo"), programma che quando era condotto da Michele Cucuzza (nomen omen) viveva una dimensione di rassicurante schizofrenia : dopo ogni terrificante e/o commovente caso umano (zia paralitica, genitori ignoti, figli delinquenti) si passava senza alcuna soluzione di continuità all'euforia ed al ballo più immotivati (una sorta di epilessia apotropaica causata forse dal troppo dolore del caso precedente) con Cucuzza che cambiava la sua espressione da "compreso cordoglio" a "demente letizia" con più rapidità con cui cambia espressione Big Jim da "normale" ad "arrabbiato".
La situazione mondiale pure vive questo equilibrio schizofrenico : mentre siamo depressi a causa del rischio Depressione (un'altro circolo vizioso ?), una bella botta di vita sotto forma di attentato terroristico ci distrae dai nostri problemi e ci proietta in una dimensione avventurosa, sanguigna, esotica. Ci voleva questa distrazione sia per noi che per Obama, che dalla mestizia e dallo sbadiglio dell'esigenza di unità nazionale si trova lanciato energicamente in una sfera di protagonismo muscolare. Se non può fare un cazzo per redistribuire più equamente le risorse all'interno del proprio paese, almeno può sfogarsi bombardando qualche villaggio tra Pakistan ed Afghanistan.



Il fondamentalismo islamico (Al Qaeda o chi per esso) è un po' come le Oba Oba, che appena entravano facevano ballare un po' tutti.  Così noi ci soffermiamo a guardare gli effetti pirotecnici del botto, invece di fare attenzione al fuoco che procede lentamente, ma inesorabilmente, sulle micce.

Pubblicato il 27/11/2008 alle 16.26 nella rubrica Politica.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web