Blog: http://pensatoio.ilcannocchiale.it

Sara Farolfi : salviamo la Indesit

 

«La famiglia deve restare unita, nel bel paese che è l'Italia». In apertura del corteo la vicenda Indesit diventa una storia, e non solo un'impresa, di famiglia: «Lo sai che nostra sorella lavastoviglie è costretta a emigrare in Polonia?», dice il frigorifero alla lavatrice, «non lo permetteremo...», replica la cucina. Dalla provincia di Caserta, dove mille e cento operai producono più di un milione tra lavatrici e frigoriferi all'anno, sono partiti giovedì sera per arrivare in tempo, «ci siamo pagati il viaggio, ci è costato».
Una coltre di incredulità sembra rivestire ancora tutta la vicenda. La grafica di un cuore spezzato ricorre negli striscioni che ieri hanno attraversato Torino, manifestazione nazionale di tutto il gruppo Indesit organizzata dai sindacati (Fiom, Fim e Uilm) per dire no alla delocalizzazione in Polonia. «Non vogliamo il divorzio tra Indesit e None, vogliamo un'altra possibilità», «noi ti portiamo sul trono (su una lavastoviglie di cartone siede Maria Paola Merloni ndr) e tu ci abbandoni», hanno scritto negli striscioni. Non ha fiatato ieri Maria Paola Merloni, la deputata del Pd che è anche consigliera e azionista dell'azienda. In rappresentanza 'democratica' c'era l'ex ministro del lavoro, Cesare Damiano che getta acqua sul fuoco delle polemiche: «Non mi interessa il proprietario, ma il destino di 600 lavoratori e rispettive famiglie». 




Si possono congelare i lavoratori licenziati ?

Il dado sembra tratto, la paura contagiosa. Merloni (Vittorio) ha deciso di smettere la produzione di lavastoviglie nello stabilimento torinese di None per portare il tutto a Radomsko, in Polonia. Tra costo del lavoro, tasse e energia, «il 15% circa di risparmi», dice Maurizio Landini (Fiom). E non è tutto, perchè circola il sospetto che gli accordi con il governo polacco prevedano soldi in cambio di assunzioni, che aprirebbe un problema politico non da poco, «un incentivo a licenziare fatto con soldi pubblici, europei».
«Non siamo abbastanza competitivi», ha detto l'azienda il 5 marzo scorso, e quindi tanti saluti. «I polacchi possono anche produrre a meno ma noi più produttivi di così non possiamo essere, questo è sicuro», spiega Pietro, arrivato da Caserta: «Se questo è il concetto di efficienza che hanno, allora da domani possiamo chiudere tutti». Non è tanto la Polonia a fare paura, l'impero Merloni (17 mila dipendenti in 18 siti produttivi in diversi paesi) lì era già presente, e in forze. Neppure le delocalizzazioni, che già ci sono state. Mai una chiusura però, è questo che sconcerta.
«Può toccare anche a noi, tutti a Torino», hanno pensato i 600 operai che a Comunanza (Ascoli Piceno) fanno lavatrici. Come anche Giuseppe e Antonio, entrambi vicini alla quarantina, che invece lavorano all'Iveco. Maria Luisa è delegata della Fim Cisl nello stabilimento di Alpacina, provincia di Ancona. I numeri sono da capogiro anche lì: 640 operai a costruire forni e piani cottura a incasso. «Da noi hanno spostato in Polonia le cucine economiche - racconta - Finchè portano fuori prodotti che commerciano lì posso capire, se la mia azienda vende di più all'estero ha più soldi poi da investire, qui però stiamo parlando di un'altra cosa».
A None infatti di investimenti ne erano stati fatti eccome. «Quattro linee nuove l'anno scorso, una nuova piattaforma delle vasche, zona bar e, avevano promesso, spogliatoi con doccia... Dicevano che volevano investire...», dice Stefany, trentaquattrenne arrivata a Torino dall'altra parte dell'oceano e assunta alla Indesit nel 2003. «In Polonia ci finivano i vecchi modelli, a None si fa l'alta gamma, assicurava l'azienda». Anche i polacchi hanno conosciuto a None. «Sono stati qui da noi sei o sette mesi per imparare a fare le macchine vecchie... Gli abbiamo insegnato noi il lavoro, per poi scoprire che là erano già pronte tre linee nuove». I rapporti? «Freddini», dice Rino. «Ma nessuna guerra tra poveri, il lavoro c'è sia per gli italiani che per i polacchi, il governo però deve pensare prima a noi», conclude Stefany. «Noi non siamo contro i polacchi - spiega Marianna, 32 anni - Indesit è un marchio italiano, siamo contenti che abbia stabilimenti all'estero, ma prima veniamo noi, prima devono pensare alla nostra nazione».
«Volevamo un'Europa migliore», è la lavastoviglie di cartone che avvolge il corpo di Carmelina, 29 anni, assunta da dieci e già due figli. Anche Stefano c'è stato in Polonia a insegnare il lavoro a operai polacchi. Non lavora alla Indesit, ma in un'azienda dell'indotto che conta 78 dipendenti e che la proprietà americana ha deciso di chiudere. Ironia della sorte, per andare in Polonia. «Ho conosciuto polacchi che guadagnano 300 euro al mese, e mi dicevano di non riuscire a pagarci neppure l'affitto con quei soldi. Non c'è sindacato, assunti o licenziati a seconda dei bisogni dell'azienda... Ora prenderanno il posto nostro, e io dopo vent'anni di lavoro mi trovo così, sulla strada».
Fiom e Fim e Uilm dicono no alla chiusura e chiedono l'apertura di un tavolo nazionale. Di una cosa Giorgio Airaudo, segretario torinese della Fiom, è convinto, «che quel che perdi oggi non lo recuperi più».

Pubblicato il 28/3/2009 alle 12.35 nella rubrica Politica.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web