Blog: http://pensatoio.ilcannocchiale.it

Testimonianza (ecce Bombo)

L’assoluta mancanza di dialettica democratica in questo paese, stato di cose determinato dall’arretramento dei diritti dei lavoratori in questi trent’anni di egemonia dei padroni, da un lato sta causando l’isolamento del sindacato che almeno in certi suoi spezzoni mostra di resistere alla normalizzazione, e cioè la Cgil, dall’altro sta aprendo all’interno delle diverse coalizioni politiche, tra loro inconfrontabili, lotte intestine (si pensi al ritorno dell’imbecille, alias Water closed Veltroni, mai pago di generare disastri) volte alla scelta di chi deve gestire le briciole di un sistema che, in presenza di problemi della domanda aggregata mondiale, si avvita ancora di più nell’accumulazione di capitale e lascia a chi ha ancora la forza lavoro, la libertà di morire di fame.

 

 

L’unica strategia possibile è la resistenza irragionevole, irriducibile, radicale.

Nessun compromesso a perdere. Meglio una sconfitta netta, ma che disegni bene le linee in campo, la posta in gioco, la direzioen verso la quale bisogna andare. Se lasciamo fare ai manovratori, presto ci vorrà una terza guerra mondiale per distruggere il capitale ed il bisogno in eccesso che non riesce a farsi domanda.

In nome della pace mondiale, dobbiamo fare una guerra civile di resistenza all’interno dei nostri ghetti. Buona fortuna ragazzi. Tenetevi bene in salute. Ce ne sarà bisogno. Rifiutiamo il lavoro.

 

Pubblicato il 19/9/2010 alle 16.52 nella rubrica Politica.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web