Blog: http://pensatoio.ilcannocchiale.it

Mazzetti : restare dentro, uscire fuori

La tendenza spontanea di chi oggi non ha una esperienza immediata della storicità dei propri rapporti, l’abbiamo già accennato e ci torneremo più avanti, è quella di rappresentarsi i processi di trasformazione in chiave di scelte. Da questa rappresentazione scaturisce la convinzione che, se si sceglie di stare nel capitalismo, vi si rimane dentro, mentre se si sceglie di uscirne, si può arrivare fuori. La comunità si presenterebbe così come l’effetto dell’azione di coloro che hanno deciso di instaurare un particolare stato di cose nuovo. Ma questa è una chimera !

 

Il rapporto dentro-fuori è qui elaborato in forma ingenua e non corrispondente alla complessità che lo contraddistingue realmente. Ciò è conseguenza del fatto che, nel tentativo di risolvere un problema, lo si formula in maniera fantastica, attribuendosi un potere che non si ha. Non si tiene cioè in alcun conto l’operare delle dinamiche inerenti alle condizioni date, e si fa illusoriamente tutto dipendere dalla volontà dei soggetti che agiscono.

 

 

Pubblicato il 12/12/2010 alle 12.13 nella rubrica Comunismo.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web