Blog: http://pensatoio.ilcannocchiale.it

Galbraith : la retorica del consumatore

Cambiare nome al nostro sistema economico è servito a sottolineare la sovranità del consumatore. Parlare di mercato significa affermare che in economia l’ultima parola è di chi ha la facoltà di comprare o non comprare. Ovvero, sia pure con qualche distinguo, è il consumatore a condurre il gioco. Le sue scelte definiscono la curva della domanda. Come le elezioni sanciscono il potere dell’elettore, così nella vita economica la curva della domanda sancisce il potere del consumatore.

 

 

Purtroppo entrambi i termini del paragone celano un non trascurabile risvolto truffaldino.

Nel caso del voto, come in quello dell’acquisto di beni e servizi, esso sta nel sorvolare sulla straordinariamente efficiente e generosamente sovvenzionata capacità di influenzare la capacità di scelta dei cittadini. Soprattutto oggi nell’epoca della pubblicità e della moderna promozione commerciale. Una truffa tollerata dallo stesso insegnamento accademico.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicato il 18/12/2010 alle 12.22 nella rubrica Comunismo.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web