Blog: http://pensatoio.ilcannocchiale.it

Illogica logica : Il modus ponens come passaggio (ovvero la pietas di Iside)

In CKCpqpq, la prima premessa (Cpq) non è l’asserzione di un fatto, non è un enunciato atomico o una semplice congiunzione di enunciati atomici, ma è una implicazione, traducibile in un enunciato metalinguistico sintattico, mentre gli enunciati atomici sono traducibili solo in enunciati metalinguistici semantici (aletici) e le congiunzioni di enunciati atomici sono traducibili metalinguisticamente solo in congiunzioni di enunciati aletici. La seconda premessa è invece l’asserzione di un fatto, di un enunciato atomico e dunque ha uno statuto diverso dalla prima premessa. Si può dire che la seconda premessa sia un’assioma, mentre la prima è una regola di deduzione, la prima proposizione ha una valenza semantica, mentre la prima ha una valenza sintattica (tratta del legame esistente  tra due enunciati). La conclusione è pure un enunciato atomico, l’asserzione di un fatto, che con la seconda premessa costituisce una congiunzione che stabilisce nel mondo contingente dei fatti l’unità che nella prima premessa è idealmente costituita nel mondo dei concetti.

 http://www.youtube.com/watch?v=PMXVp2b2jqk

 

 

Il termine “ara” (dunque) indica un legame (ar- da cui ar-menos, adatto), un congiungersi di P e Q che è un sollevarsi ad un piano superiore (ar- da cui ar-sis, sollevamento e aer, aria). Dunque la deduzione come un puzzle che ricompone una unità originaria (l’opera di Iside con il corpo di Osiride, la resurrezione dei corpi, il riattaccare i cocci, la seconda natura). La logica come pietas, come mondo dell’uomo che supera la Natura proprio attraverso la sua zoppicante artificialità, attraverso l’accidentata Fenomenologia dello Spirito..

 

 

Gli enunciati atomici (va precisato) all’interno di una proposizione molecolare non sono asserzioni, tranne che nella congiunzione logica

 

 

Pubblicato il 2/5/2011 alle 15.52 nella rubrica Epistemologia.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web