Blog: http://pensatoio.ilcannocchiale.it

Lo strano caso della Libia

Perché in Libia c’è stata un’insurrezione che avrebbe apparentemente provocato l’intervento di potenze straniere ?

La maggior parte degli opinionisti ritiene che sia stata una rivoluzione, sulla scia di quella tunisina e quella egiziana, volta al sovvertimento di un regime autoritario ed illiberale.

 

 

Il fatto strano è che in genere questi regimi vengono rovesciati in presenza di una situazione economica deteriorata, ma non è questo il caso della Libia che invece sembrava essere uno dei paesi più ricchi e progrediti dell’Africa settentrionale, se non di tutta l’Africa :

·         La Libia non ha un’alta densità di popolazione come l’Egitto, per cui l’insurrezione non si può attribuire a quelle situazioni di tensione sociale generate dalla sovrappopolazione.

·         La Libia aveva uno dei più alti Pil procapite (anche a parità di potere d’acquisto) del continente africano (14.800 dollari e cioè il 65° posto nel mondo)

·         La produzione industriale della Libia la collocava al 39° posto nel mondo (l’Egitto era al 43°).

·         La Libia si trova al 26° posto per ciò che riguarda la produzione dell’energia e si trova all’8° posto per ciò che riguarda le riserve di petrolio.

·         Dal decennio 1998-2008 la Libia ha una crescita media annua del Pil superiore al 2,9%.

·         L’indice di sviluppo umano della Libia è 84,7, superiore a quello di paesi come l’India, l’Indonesia, l’Iran, la Malesia, la Russia, la Romania, le Filippine, la Colombia, la Cina, la Turchia e di poco inferiore a quello del Cile, dell’Ungheria e della Lituania.

·         La Libia ha un saldo commerciale attivo paragonabile al 38,3% del Pil, grazie alle esportazioni di petrolio, mentre gli altri paesi dell’Africa settentrionale hanno un forte debito estero (tranne l’Algeria che in questi anni è progredita).

Tenendo conto di questi fattori diventa difficile pensare che il regime libico fosse così debole da giustificare una rivolta di queste proporzioni. Quindi è molto facile pensare che la rivolta sia stata supportata e finanziata da potenze straniere che hanno l’interesse a mettere le mani sul petrolio libico ed a giocare un ruolo neo-coloniale nell’Africa settentrionale.

 

Pubblicato il 6/5/2011 alle 15.4 nella rubrica Politica.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web