Blog: http://pensatoio.ilcannocchiale.it

Conto e racconto : la numerazione azteca

Aztechi con scrittura figurativa, compromesso stile rebus tra notazione pittografica e notazione fonetica es. città ITZTLAN = ITZTLI (lama, ossidiana) + TLAN (dente)

Numerazione azteca su base 20

1= cerchietto

20= ascia (div. in 2) tw. Twenty. Forse per derivazione da 2.

400= (20x20) / (il simbolo è più precisamente una sorta di freccia con più punte a diverse parti del fusto a rappresentare una pianta con più rami, tipo abete). Tale simbolo forse non a caso rende benissimo l’elevazione a potenza e il principio di autoduplicazione dei frattali.

8000 = (20x20x20)= borsa con granaglie (rende l’idea dell’insieme provvisto di un sacco di elementi. Ricordate la bottiglia piena di fagioli di Raffaella Carrà? Ecco!)

 

http://www.youtube.com/watch?v=BIlz_rwkLTI&feature=related

Tranne per la base vigesimale comunque la numerazione azteca è simile a quella egizia, cretese ed ittita.

Popoli lontani, cronologicamente e geograficamente, grazie ad identiche condizioni materiali di base hanno sviluppato sistemi numerici simili (quasi a suggerire una legge storica che ad identici problemi materiali ed identiche condizioni di base corrispondono identiche risposte culturali), basati su principio additivo

Equivalenza tra valore numerico dei simboli (cifre) utilizzati e valore numerico sottostante.

es. 1464 in Egizio è 1bambù-4spirali-6anse-4trattini.

Pubblicato il 25/5/2011 alle 9.48 nella rubrica Conto e racconto.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web